Con i continui progressi in ambito di computing – tra machine learning, reti neurali, apprendimento del linguaggio naturale, algoritmi genetici e creatività computazionale, per fare alcuni esempi – l’intelligenza artificiale evolve creando macchine sempre più complesse e coscienti di sé. Ecco 4 tipi di robot che mostrano lo stato dell’AI oggi e quali sono le prospettive per il futuro

1. Robot reattivi
Rappresentano la forma basilare dell’Ai: percepiscono l’ambiente e la situazione che li circonda e agiscono in base a ciò che vedono. Possono avere memoria sulla base di esperienze passate e prendere decisioni di conseguenza. Sono specializzati in un’area di competenza.
Esempi: Deep Blue, il computer prodotto da IBM espressamente progettato per giocare a scacchi che nel 1996 vinse contro il Campione del mondo Kasparov; AlphaGo di Google DeepMind, il primo software per il gioco del go in grado di sconfiggere un maestro umano.

4 tipi di robot ai

2. Robot con memoria limitata
Memorizzano le informazioni legate alle esperienze passate e le aggiungono alla loro rappresentazione del mondo, arrivando ad avere abbastanza memoria da poter prendere decisioni e compiere azioni appropriate.
Esempi: veicoli self-driving; chatbot e assistenti personali digitali

4 tipi di robot ai

3. Robot “Theory of mind”
Sono in grado di capire i pensieri, le emozioni e i comportamenti umani. Comprendono sentimenti, inteznzioni e aspettative e possono interagire socialmente. Questi tipi di robot devono ancora essere costruiti, ma saranno la prossima tipologia di macchina intelligente.
Esempi: C-3PO e R2-D2 di Star Wars; Sonny nel film del 2004 “I, Robot”

4 tipi di robot ai

4. Autoconsapevoli
Questi robot riescono ad avere percezione di loro stessi, sono consapevoli del loro stato, possono prevedere le proprie emozioni, fare astrazioni e inferenze. Sono la generazione di macchine del futuro: intelligenti, emotivi e consapevoli.
Esempi: Eva nel film del 2015 “Ex Machina”; Synths nella serie YV del 2015 “Humans”

4 tipi di robot ai