Apple e la società tedesca Carl Zeiss AG, rinomata per l’ottica di eccellenza, starebbero lavorando a stretto contatto per la realizzazione di un paio di occhiali smart per la realtà aumentata, che potrebbero essere annunciati a breve, secondo le voci riferite dal blogger Robert Scoble in un post via Facebook.
Secondo Scoble, un dipendente di Carl Zeiss avrebbe confermato la presunta partnership tra le due società nel corso di una conversazione intercorsa al CES (Consumer Electronics Show di Las Vegas) la scorsa settimana. L’anonimo portavoce avrebbe confermato le voci sul paio di occhiali per realtà aumentata e realtà mista che potrebbero venir annunciati già nel corso del 2017.
Scoble è stato incuriosito dal fatto che i rappresentanti di Carl Zeiss – presenti al CES – avessero una postazione nel settore di realtà aumentata, ma che non avessero esposto alcun prodotto. Il blogger ha ritenuto che una tale decisione dipendesse da un veto da parte di Apple al fine di mantenere il silenzio sulle novità in arrivo.
Non si sa se e quanto queste informazioni siano veritiere, ma vanno a confermare altre voci che vedevano Apple impegnata a costruire un set di occhiali smart in grado di connettersi all’iPhone in modalità wireless, ma si tratterebbe di una fase ancora ben lontana dalla produzione, e ancora ferma allo stadio del prototipo in via di sviluppo.
Apple può vantare un intero team a lavoro sia sulle ricerche in campo di AR che VR che sulle tecnologie da poter incorporare ai dispositivi futuri.
Tim Cook ha dichiarato più volte, nel corso del 2016, che Apple sia fortemente interessata alla realtà aumentata: “L’AR potrebbe rivelarsi grandiosa. Stiamo investendo molto in questo settore che è incredibilmente interessante. La realtà virtuale consente di essere sempre più presenti nel mondo e si rivelerà quella di maggior interesse nel confronto con la VR”.
A differenza della realtà virtuale, la realtà aumentata consente agli utenti i esplorare mondi digitali, ma allo stesso tempo di sovrapporre immagini e dati al mondo reale. Attualmente il miglior esempio di realtà aumentata è Pokemon Go, nel quale i personaggi dei Pokemon appaiono sugli schermi dei giocatori nella realtà inquadrata dalla fotocamera.
Finora Apple ha depositato numerosi brevetti allo US Patent and Trademark Office, ente predisposto per la realtà aumentata. Ad esempio, spulciando tra e domande di brevetto di Apple, una che è stata pubblicata nel 2014 risulta particolarmente significativa: “dispositivo elettronico trasparente”. Immaginando un modo di sovrapporre immagini sugli oggetti visibili del mondo reale.