27.000 posti di lavoro da tagliare, pari all’8% dell’attuale numero di dipendenti. Il Ceo di HP Meg Whitman in un video interno ha spiegato le ragioni di questa difficile decisione.
“Abbiamo ancora molto lavoro davanti a noi per rimettere HP in carreggiata” ha affermato la Whitman e ancora “combattiamo contro il nostro stesso peso”.
Secondo l’analisi il personale di HP è cresciuto ad un ritmo insostenibile rispetto all’andamento del fatturato arrivando a 350mila dipendenti (erano 325mila nel 2011).
L’annunciato taglio è uno dei provvedimenti che verranno presi per rilanciare la società, gli altri riguardano la semplificazione delal struttura e la riduzione dei costi in varie aree.
Meg Withman ha dichiarato che i risparmi generati verranno reinvestiti nella società per riconquistrare la leadership tecnologica. I settori in particolare su cui la ristrutturazione di HO punta sono: cloud, security e l’ottimizzazione delle informazioni.
Nel mondo consumer (pc e stampati) HP punterà su design e qualità, mentre nel segmanto professionale investirà in ricerca e sviluppo per innovare i prodotti centrali dell’offerta: server, storage e networking. Anche l’offerta software verrà potenziata in particolare il sofware-as-a-service.
“In un periodo di grandi cambiamento – ha concluso la Whitman – è facile perdere il focus, in attesa che succeda qualcosa. Noi non possiamo permetterlo”

HP taglia 27.000 posti di lavoro ultima modifica: 2012-05-24T07:27:57+00:00 da Francesco Marino
Accenture Cristina

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!