Apple ha mandato un memo ai dipendenti in cui li invita a non far trapelare notizie sui prodotti, la cosa curiosa che questo memo segreto è trapelato subito.

Trapelato il memo ai dipendenti in cui Apple dice di non far trapelare notizie

Apple ha scritto ai sui dipendenti invitandoli ad interrompere la divulgazione di informazioni interne sui piani e prodotti futuri e ha fatto presente le possibili azioni legali e imputazioni penali, se questo dovesse accadere.

Apple memo non fate trapelare notizie

Apple sottolinea le conseguenze legali per chi fa trapelare notizie

Apple, ha dichiarato in un lungo memo pubblicato sul suo blog interno che lo scorso anno “ha scoperto 29 leakers (persone che hanno fatto trapelare notizie segrete)” e ha sottolineato che 12 di questi sono stati arrestati. “Queste persone non solo perdono il lavoro, possono trovarsi in grande difficoltà anche nel trovare lavoro altrove”, ha aggiunto Apple.

I più eclatanti Leak Apple

Apple raccontato alcune delle situazioni in cui informazioni riservate sono state divulgate ai media, come un incontro con i dipendenti all’inizio dell’anno in cui Craig Federighi, responsabile ddel software di Apple, ha dichiarato ai dipendenti che alcune delle funzionalità software previste per iPhone sarebbero state posticipate. Apple ha anche citato un leak su un pacchetto software non ancora pubblicato che ha implicitamente rivelato dettagli sull’iPhone X (non ancora uscito) e sul nuovo Apple Watch.

I danni dei Leak Apple

Le informazioni segrete trapelate su un nuovo prodotto (i leak) possono incidere negativamente sulle vendite dei modelli attuali, dare ai rivali più tempo per adeguarsi e portare a un minor numero di vendite quando il nuovo prodotto verrà lanciato, secondo quanto riportato nel promemoria. “Vogliamo la possibilità di dire ai nostri clienti perché il prodotto è ottimo, e non di averlo, ma fatto male da qualcun altro”, ha detto nel comunicato Greg Joswiak, un dirigente del marketing dei prodotti Apple.

La segretezza di Apple e le fughe di notizie sui prodotti

Apple è famosa per la segretezza nello sviluppo di sui prodotto. Nel 2012, l’amministratore delegato Tim Cook si è impegnato a raddoppiare il proprio impegno per mantenere segreto il lavoro di sviluppo della società. Nonostante ciò, i media hanno continuato a riportare notizie sui prodotti dell’azienda non ancora usciti, per soddisfare la domanda di informazioni su un’azienda che è diventata una parte importante anche della vita e an he del portafogli delle persone, su Apple investono anche molti fondi pensione, ad esempio.

Apple aveva incontrato i dipendenti per mettere fine ai leak

Nel 2017, Apple ha tenuto un incontro riservato con i dipendenti in un ulteriore tentativo di fermare le fughe di notizie. Da allora, diversi magazine, tra cui Bloomberg News, hanno pubblicato dettagli segreti sull’iPhone X, Apple TV, il nuovo Apple Watch con LTE, AirPod, progetti sulla realtà aumentata, i nuovi modelli di iPad e molto altro ancora.
Insomma quell’incontro non è bastata ed è per questo che Apple ha deciso di scrivere ai dipendenti per sottolineare ancora una volta che non devono far trapelare notizie sui prodotti, per tutta risposta il memo è trapelato subito

Ecco il memo Apple sulla fuga di notizie

Il mese scorso, Apple ha scoperto e licenziato un dipendente responsabile della fuga di notizie da una riunione interna riservata per la roadmap del software Apple. Centinaia di ingegneri del software erano presenti e altre migliaia all’interno dell’organizzazione ricevevano aggiornamenti su questa riunione. Una persona ha tradito la loro fiducia.

Il dipendente che ha divulgato le informazioni della riunione a un giornalista, ha detto agli investigatori Apple di averlo fatto perché pensava che non sarebbe stato scoperto. Ma le persone che fanno trapelare notizie, siano esse dipendenti, appaltatori o fornitori Apple, vengono scoperte e vengono catturate più velocemente che mai.

Attenzione a chi vi adula sui social, vogliono i segreti Apple

In molti casi, i leakers non fanno trapelare volontariamente le notizie. Le persone che lavorano per Apple sono spesso prese di mira da stampa, analisti e blogger che fanno amicizia con loro su social network come LinkedIn, Twitter e Facebook e iniziano a curiosare per ottenere informazioni. Anche se può sembrare lusinghiero essere avvicinati, è importante ricordare che ti stanno prendendo in giro. Il successo di questi persone viene consiste nel carpire da te i segreti di Apple per poi renderli pubblici. Uno scoop su un prodotto Apple può generare un traffico enorme per una pubblicazione e avvantaggiare finanziariamente il blogger o reporter che lo ha fatto. Ma il dipendente Apple fa trapelare la notizia ha tutto da perdere.

L’impatto di una fuga di notizie va ben oltre le persone che lavorano a un progetto.

Far trapelare informazioni sul lavoro di Apple compromette il lavoro di tutti in Apple gli anni che sono stati investiti nella creazione di prodotti Apple. “Migliaia di persone lavorano instancabilmente per mesi per consegnare le nuovi versioni del software”, afferma Josh Shaffer, capo dell’UIKit, il cui lavoro è stato parte del leak su iOS 11 lo scorso autunno. “Vedere una fuga di notizie è devastante per tutti noi.”

L’impatto della fuga di notizie in Apple

L’impatto di una fuga di notizie, di un leak , va oltre le persone che lavorano ad un particolare progetto – è sentito da tutta l’azienda. Le informazioni trapelate su un nuovo prodotto possono avere un impatto negativo sulle vendite del modello corrente; dare alle aziende rivali più tempo per creare una soluzione per rispondere; e portare a vendite inferiori di quel nuovo prodotto quando sarà disponibile. “Vogliamo la possibilità di dire ai nostri clienti perché il prodotto è ottimo, e di non averlo, ma fatto male da qualcun altro”, afferma Greg Joswiak del Product Marketing.
Gli investimenti di Apple hanno avuto un impatto enorme sulla capacità dell’azienda di scoprire le fughe di notizie e catturare i colpevoli.
Poco prima dell’evento speciale dello scorso settembre, un dipendente ha divulgato alla stampa un link alla gold master di iOS 11, ancora una volta credendo che non sarebbe stato scoperto.
Il Sistema Operativo inedito includeva informazioni su software e hardware che ancora non erano stati annunciati, incluso l’iPhone X.

Come Apple scopre i leak

In pochi giorni, la fuga di notizie è stata identificata tramite un’indagine interna e licenziata la persona responsabile. La tecnologia digitale forense di Global Security ha anche aiutato a catturare numerosi dipendenti che fornivano informazioni confidenziali sui nuovi prodotti, tra cui iPhone X, iPad Pro e AirPods, a un blogger di 9to5Mac. Anche i leak nella dei fornitori vengono scoperti. Global Security ha collaborato con i fornitori per prevenire il furto della proprietà intellettuale di Apple e per identificare le persone che cercano far trapelare i segreti.
Hanno inoltre collaborato con i fornitori per identificare le vulnerabilità, sia fisiche che tecnologiche, e garantire che i loro livelli di sicurezza soddisfino o superino le aspettative di Apple. Questi programmi hanno quasi eliminato il furto di prototipi e prodotti dalle fabbriche, hanno scoperto le fughe di notizie e impedito a molti altri di far trapelare notizie segrete.

Cosa succede a chi fa trapelare notizie segrete

I leakers non semplicemente perdono il lavoro in Apple. In alcuni casi, si trovano in prigione e a dover pagare multe salate per intrusione e furto di segreti commerciali, classificati come reati federali. Nel 2017, Apple ha scopeto 29 leakers. 12 di questi sono stati arrestati. Tra questi c’erano impiegati, appaltatori e alcuni partner Apple della supply chain. Queste persone non solo perdono il lavoro, ma possono trovarsi ad affrontare difficoltà estreme per trovarlo altrove. “Le potenziali conseguenze penali dei leak sono reali”, afferma Tom Moyer di Global Security, “e questo può macchiare per sempre la tua identità personale e professionale.” Mentre portano gravi conseguenze, i leak possono essere completamente evitati. Sono il risultato di una decisione di qualcuno che potrebbe non aver considerato l’impatto delle proprie azioni. “Tutti vengono ad Apple per fare il miglior lavoro della loro vita – lavoro che conta e contribuisce a quello che stanno facendo insieme a tutte le 135.000 persone in questa compagnia”, dice Joswiak. “Il modo migliore per onorare questi contributi è non far trapelare informazioni”.

Apple ai dipendenti: non fate trapelare notizie sui prodotti, trapelato anche il memo ultima modifica: 2018-04-15T07:54:54+00:00 da Web Digitalic
google_cloud

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!