Meg Whitman si dimette da Ceo di HPE, il suo mandato in Hewlett Packard Enterprise sta volgendo al termine.Lascerà l’azienda nel 2018, dopo le voci che la volevano ceo di Uber.

Meg Whitman dimissioni da HPE

Meg Whitman dimissioni da HPE, lascia l’azienda nel 2018

Meg Whitman dimissioni da HPE

La Whitman ha comunicato martedì scorso che lascerà il gigante della tecnologia aziendale dopo sei anni e ha descritto le ragioni del suo imminente abbandono.

Secondo Whitman, HPE è molto più in forma adesso di quando è arrivata nel 2011, prima della scissione dall’azienda di personal computer e stampanti HP Inc. nel 2015. A quel tempo, Hewlett-Packard “era un enorme conglomerato”, ha detto, che confondeva i clienti perché vendeva troppi prodotti diversi, dai server al software e alle stampanti.

Perché Meg Whitman si dimette da HPE

Inoltre, ha spiegato che le dimensioni e la struttura gestionale dell’azienda erano un ostacolo al costante aggiornamento delle tendenze tecnologiche. Il core business di HPE, l’hardware dei data center, si è ridotto nel corso degli anni in mezzo all’incremento del ricorso al cloud computing grazie a cui le aziende possono acquistare risorse di elaborazione in un modello pay-as-you-go.

“Questa società era una società più lenta di quella che avrei voluto vedere sei anni fa”, ha affermato Whitman.

Le Meg Whitman dopo anni di grandi cambiamenti

Il mandato di Whitman alla HPE è stato contrassegnato da una serie di ristrutturazioni aziendali che riteneva necessarie per riportare l’azienda alla competitività. Anche dopo la massiccia scissione da HP Inc., HPE ha continuato a eliminare alcuni dei suoi business ritenuti non essenziali.

Ciò includeva, come Whitman ha descritto dettagliatamente, diverse compromessi complessi, come HPE che ha liquidato la sua attività software alla società IT britannica Micro Focus, e la fusione della sua attività di servizi IT con la società informatica Computer Sciences, creando così una nuova società chiamata DXC Tecnologia. Durante il mandato di Whitman, HPE ha anche “scaricato” la sua unità di outsourcing IT Mphasis nel Gruppo Blackstone.

Meg Whitman lascia una HPE più sana

Ora che HPE è in grado di lasciarsi alle spalle tali revisioni finanziarie, Whitman crede che l’azienda abbia bisogno di un leader rispetto alle tecnologie all’avanguardia, aspetto che le mancava. Antonio Neri, un dirigente HPE di lunga data che attualmente è presidente, diventerà CEO il primo di febbraio.

Meg Whitman parla di come sarà il prossimo ceo di HPE

“Il prossimo CEO deve essere un tecnologo più profondo”, ha detto Whitman. “Questo è esattamente ciò che è Antonio.”

L’analista di Bernstein, Toni Sacconaghi, ha dichiarato che è stato sorpreso dal repentino abbandono di Whitman, dati i precedenti commenti di Whitman quest’estate relativi al non avere intenzione di andarsene. A quel tempo Whitman, come riportato dal varie fonti, stava anche valutando di diventare CEO di Uber.

Sacconaghi ha anche citato i commenti di Whitman in merito al fatto che ci sia ancora molto lavoro da fare in HPE e ha notato che il core business dell’azienda, il server, con un calo del 5% delle vendite anno su anno fino a $3,28 miliardi nell’ultimo trimestre, indica che “c’è ancora molto lavoro da fare”.

Meg Whitman dimissioni un po’ a sorpresa

Whitman ha dichiarato che “non c’è stato un cambiamento nello stato d’animo” in merito alle sue precedenti dichiarazioni fatte in estate. Ha poi ribadito che HPE è molto più piccola e più agile di una volta, e che Neri, con le sue capacità tecniche, “è pronto a prendere le redini e andare lontano”.

“Ha lavorato in quasi tutti i business di questa azienda”, ha detto Whitman. “Penso solo che sia la cosa giusta.”

Whitman non ha detto cosa intenda fare dopo, ma ha insistito sul fatto che una cosa è certa: non si unirà a un concorrente, ovvero, quindi, Cisco, IBM, Amazon, Microsoft o qualsiasi altro dei titani della tecnologia aziendale in competizione sul mercato dell’IT.

Meg Whitman, nessuna possibilità di ritirare le dimissioni

“Non c’è alcuna possibilità che io vada da un concorrente, nessuna possibilità”, ha sostenuto Whitman. “Amo la mia compagnia e non andrei mai da un concorrente.”

Tuttavia, nonostante Whitman affermi che HPE è meglio gestita oggi, gli investitori sono rimasti spaventati dalla sua uscita.

Il valore delle azioni HPE è caduto del 6% martedì, fino a $ 13,27.

Meg Whitman si dimette da HPE e spiega il perché ultima modifica: 2017-11-22T16:42:36+00:00 da admin2
CeBit 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!