Unified Communication & Collaboration, i dati di mercato

Il mercato Unified Communication & Collaboration nel 2016 era a $27 miliardi, tra il 2017 e il 2024 si prevede un tasso annuo di crescita medio del 9%

Unified Communication & Collaboration ecco i dati di mercato: il mercato Unified Communication & Collaboration (UCC) nel 2016 era stimato a circa 27 miliardi di dollari, tra il 2017 e il 2024 si prevede un tasso annuo di crescita medio del 9%

La nuova generazione di nativi digitali, parte integrante dell’attuale trasformazione demografica, costituisce ormai una quota in costante crescita di chi identifichiamo come clienti o dipendenti. Il modo in cui comunicano e collaborano tra loro è molto diverso dai modelli tradizionali. Smartphone e tablet sul lavoro sono ormai complementari alle postazioni fisse. In combinazione con il cloud, questi dispositivi offrono mobilità illimitata, flessibilità e collaborazione produttiva tra più sedi aziendali. Il potenziale risultante da questa trasformazione è enorme. Non sorprendono quindi le cifre che attestano il giro d’affari pubblicate da Global Market Insights nel gennaio 2018. Tra il 2017 e il 2024 si stima un tasso annuo di crescita medio del 9%.

Unified Communication & Collaboration – i dati di mercato

Gli smartphone fanno – e continueranno a fare – la parte del leone tra i dispositivi di collaboration in azienda, per comunicazioni in real time tra colleghi e non solo.
Allo stesso tempo il mercato delle piattaforme per conferenze sta crescendo, parallelamente alla popolarità di soluzioni per meeting audio e video. Utili per far partecipare a una stessa riunione membri di diverse aziende, business unit o aree geografiche (indispensabili ormai per le multinazionali e per chi opera in diversi mercati).
Le soluzioni UCC on-premise erano le più utilizzate nel 2016, anche se le applicazioni basate sul cloud stanno proliferando. Tra il 2017 e il 2024 il modello ibrido crescerà mediamente del 16% all’anno, in quanto molte aziende scelgono di abilitare le comunicazioni in cloud ma continuano a mantenere i dati critici internamente.

Unified Communication & Collaboration – i settori più ricettivi

Tra i settori più ricettivi, al primo posto c’è quello IT e Telecomunicazioni, con un market share del 33%. Sono quindi numerose le aziende – anche piccole e medie imprese – che già utilizzano le tecnologie di collaborazione. Del resto gli effetti positivi sono immediatamente visibili: le soluzioni UCC (Unified Communication & Collaboration) innovative non solo aiutano a ridurre i costi delle utenze telefoniche, chiamate e viaggi d’affari, ma aumentano anche la produttività e l’efficienza dei dipendenti.

Advertising

Al secondo posto, date le stime al 2024, troviamo il mondo bancario, finanziario e assicurativo. Del resto in questi settori la chiave del successo è rappresentata dall’esperienza del cliente. Se un call center non è ancora attrezzato per consentire un contatto rapido ed efficiente per risolvere pronta-mente i problemi, i concorrenti dotati di infrastrutture più moderne avranno gioco facile nell’erodere le quote di mercato. Eppure è così semplice: le moderne soluzioni UCC consentono di integrare sistemi Crm ed Erp e di avere un accesso rapido alle informazioni sui clienti, nonché assistenza immediata e rapidità nell’erogazione dei servizi.

trend mercato unified communication


Unified Communication & Collaboration, i dati di mercato - Ultima modifica: 2018-12-10T12:00:45+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Skin Fujitsu

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!