Facebook ha violato le leggi tedesche sulla privacy, in base alla sentenza di un tribunale. In Germania gli attivisti per il diritto alla privacy di Vzbv rivendicano la vittoria su Facebook in una battaglia legale tedesca.
Una sentenza del tribunale regionale ha rilevato che alcune delle policy sul consenso al trattamento dei dati del social network non sono valide.

Facebook accusato di aver violato la privacy in Germania

Il gruppo Vzbv per la tutela dei consumatori ha sostenuto con successo che cinque dei servizi dell’app erano attivi di default, con le relative impostazioni sulla privacy di fatto “nascoste”.

Facebook intende presentare ricorso, ritiene che le modifiche pianificate all’app garantiranno il rispetto della legge.

Vzbv prevede anche di fare appello perché alcune delle sue altre accuse sono state respinte.
Tra queste c’era la pretesa che fosse fuorviante da parte di Facebook descrivere il suo servizio come “gratuito” perché gli utenti pagavano di fatto condividendo informazioni su se stessi.

La modifica della legge sulla privacy

La sentenza è stata emessa dal tribunale regionale di Berlino il 16 gennaio, ma è stata appena pubblicizzata da Vzbv.

Il caso del gruppo di consumatori era basato sulla legge federale sulla protezione dei dati della Germania, secondo la quale, per ottenere il consenso, le aziende tecnologiche devono essere chiare sulla natura, la portata e lo scopo del modo in cui utilizzano i dati degli utenti.

La corte ha convenuto che Facebook non ha fatto abbastanza per avvisare gli utenti del fatto che avevano pre-spuntato diverse impostazioni sulla privacy.
Queste includevano un’opzione per condividere la loro posizione con la persona con cui stavano chattando e concordare che Google e altri siti potessero mostrare dei link nei loro profili nei risultati di ricerca.

Inoltre, il tribunale ha stabilito che l’obbligo per gli utenti di fornire i propri nomi reali era illegale.

La sentenza stabilisce inoltre che il social network ha bisogno di ottenere un consenso più esplicito prima di poter usare i nomi dei membri e le immagini del profilo in materiale commerciale e sponsorizzato.

Vzbv ha detto che il social network dovrà richiedere il “consenso informato degli utenti” in futuro come conseguenza della sentenza.

Il GDPR è imminente, anche in Germania

La disputa risale al 2015 e Facebook sostiene che il verdetto sia già stato superato dagli eventi.

Stiamo esaminando attentamente questa recente decisione e siamo lieti che il tribunale abbia concordato con noi su una serie di questioni”, ha affermato in una nota.

“I nostri prodotti e le nostre politiche sono cambiate molto da quando è stato presentato questo caso e ulteriori modifiche ai nostri termini e alla politica sui dati sono previste entro la fine dell’anno alla luce delle imminenti modifiche alla legge”, ha aggiunto, riferendosi al nuovo Regolamento Generale per la Protezione dei Dati dell’UE (GDPR).

La nuova legge stabilisce che le comunicazioni sulla privacy devono essere presentate in un linguaggio semplice e chiaro, e afferma esplicitamente che le caselle pre-spuntate e altre forme di consenso predefinito non saranno accettabili.

“Indipendentemente da questo caso e dal successivo appello, probabilmente vedremo un allontanamento da queste pratiche comunque con il prossimo GDPR, che entrerà in vigore il 25 maggio”, ha detto Anita Bapat, esperta di protezione dei dati presso lo studio legale Kemp Little

“La nuova legge sottolinea la necessità di fornire ai consumatori informazioni su come i loro dati saranno utilizzati in modo consumer-friendly e di ottenere un vero consenso” ha aggiunto.

Depositphoto Novembre 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!