#iorestoacasa, l’hashtag più condiviso su Twitter da inizio quarantena

Il mood di inizio quarantena ci ha accompagnato ed è ancora oggi il più condiviso con numerose declinazioni culturali

Forse e senza troppo il forse ne abbiamo fin sopra i capelli dell’hashtag #iorestoacasa. Utilizzato non solo sui social, ma anche sulle principali reti televisive, per incentivare ad un motto comune propenso ad evitare il contagio da coronavirus e favorire il contenimento. Ed è ormai passato più di un mese da quando, l’8 marzo scorso, l’Italia intera è stata messa in lockdown. Ma, nonostante l’impossibilità di uscire e di incontrarsi fisicamente, gli italiani hanno riempito in maniera creativa il tempo libero a loro disposizione, condividendo le loro esperienze su Twitter. Indovinate con quale hashtag attualmente più condiviso? #iorestoacasa. La campagna, nata dall’idea di Filippo Sensi, ha riscontrato grande successo su Twitter, con migliaia di utenti che hanno rilanciato l’hashtag.

#iorestoacasa nella musica

Numerosi i personaggi della musica, dello spettacolo e della cultura, che hanno rilanciato il messaggio su Twitter per incentivare tutti a rimanere in casa fin dai primi giorni dell’emergenza.

https://twitter.com/TizianoFerro/status/1236721070788534274

Le declinazioni nelle attività

Tra le varie attività twittate dagli italiani, troviamo ai primi posti la passione per i libri con hashtag come #ioleggoacasa, #ioleggodacasa, #chileggenonsiferma, #iorestoacasaeleggo twittati da librerie, personaggi dello spettacolo e della cultura, cittadini
per incentivare le persone a dedicare parte del proprio tempo alla lettura.

https://twitter.com/eflatmajor73/status/1238537967435763712

Ma la quarantena è anche un pretesto per occupare il tempo con attività prima trascurate, come riordinare la libreria di casa: con l’hashtag #scaffali le persone hanno condiviso gli scatti delle proprie librerie raccontando come vengono raccolti e organizzati i libri.

E nella cucina?

Anche la cucina è stata molto chiacchierata dagli utenti su Twitter, soprattutto con l’hashtag #iocucinoacasa. In molti si sono cimentati in nuove ricette e anche i grandi chef hanno svelato alcuni segreti delle loro preparazioni. Così gli italiani in quarantena hanno riscoperto
il piacere per la buona cucina casalinga. Inoltre, il 6 aprile si è celebrato il CarbonaraDay, un piatto tradizionale che ha riscosso grande successo anche su Twitter.

E poi c’è la musica

Nello sport #iorestoacasa diventa #iomiallenoacasa

Con il divieto di praticare sport all’aperto, gli italiani hanno portato la palestra in casa. Con le campagne #distantimauniti e #iomiallenoacasa, i principali atleti delle varie federazioni sportive italiane hanno invitato gli appassionati ad allenarsi a casa.

Per non dimenticare nella cultura

#iorestoacasa

Anche la cultura è stata al centro delle conversazioni degli italiani, che, impossibilitati dal visitare mostre e musei, hanno condiviso le proprie esperienze virtuali. Tra gli hashtag più mezionati su Twitter si trovano infatti #laculturanonsiferma, #museichiusimuseiaperti e #museitaliani, che, a partire dalle iniziative del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo e dei singoli musei sparsi su tutto il territorio italiano, hanno fatto riscoprire agli utenti di Twitter il valore del patrimonio artistico nazionale, promuovendo letture e visite virtuali.

 


#iorestoacasa, l’hashtag più condiviso su Twitter da inizio quarantena - Ultima modifica: 2020-04-16T15:04:47+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente
Evento Online

Fai diventare la tua impresa smart

Iscriviti all'evento online: dallo smart working alla digital transformation: gli esperti di tecnologia e lo chef Simone Rugiati, approfondiranno le sfide e le opportunità che abbiamo davanti, come imprese e come Paese, per passare dall’emergenza alla ripresa e per fare un salto culturale e tecnologico verso il futuro. Per costruire, insieme, l’Italia di domani.

You have Successfully Subscribed!