Il sarcasmo sui social, essere sprezzante, polemico, tagliente non porta i risultati sui social , lo sostiene Andrew Caravella, VP di Strategy & Brand Engagement di Sprout Social, fornitore di attività per social media, advocacy e analytics dedicati alle imprese. Caravella ha condiviso tre approfondimenti su ciò che si vede in giro tra i social e il modo in cui i consumatori recepiscono quanto condiviso.

Il sarcasmo dei brand

Le marche più irriverenti, che usano il sarcasmo, hanno sempre più spazio tra i social, ma la loro presenza non corrisponde agli acquisti dei consumatori. Marchi come Wendy’s, Merriam-Webster e Denny’s hanno intrapreso un nuovo approccio alla strategia social incorporando humour, meme e persino qualche snark (contenuti irriverenti) negli scambi con i fan. Ma nonostante questo tipo di approccio ottenga molta attenzione, la sua riuscita non è esattamente alla portata di tutti. L’Indice Sprout Social Q2 2017 ha fatto emergere che sebbene il 72% degli utenti apprezzi i brand che si pongono in modo divertente via social, solo un terzo è interessato a quanto sia dietro ad un brand, anzi l’88% delle persone trova molto fastidioso lo stuzzicare i fan da parte dei marketer. A riprova di questa constatazione, un quarto delle persone sceglie di boicottare un marchio a seguito di episodi o uscite sgradevoli avvenuti via social.

 

La politica sui social

La politica domina tra le notizie, anzi, sta raggiungendo livelli di esasperazione senza precedenti. .Ma i consumatori vogliono parlarne solo con determinate persone.
7 utenti su 10 non vogliono sentire parlare di politica da parte dei brand. Allo stesso tempo, l’83% delle persone desidera vedere una personalità di spicco come ambasciatore o ambasciatrice di un marchio via Facebook, mentre il 48% chiede la stessa cosa via YouTube. La strategia che sembra essere la migliore porta ad unire conversazioni e fili logici sensati con continuità di contenuti e post pertinenti all’interesse espresso da parte degli utenti verso un marchio o un prodotto.

Consumer Sentiment on Brand Behaviors on Social

Sprout Social: Consumer Sentiment on Brand Behaviors on Social

I migliori servizi clienti dei brand

I brand non fanno che cercare opportunità per accaparrarsi click e diventare virali in termini di portata e condivisioni, ma quello che conta davvero – una volta tirate le somme – sono l’onestà dei contenuti e la loro utilità a venire incontro alle aspettative dei consumatori. È infatti emerso che le persone vogliono che le marche siano oneste (86%), amichevoli (83%) e utili (78%). E sebbene 8 intervistati su 10 pensino che i brand rispondano in modo troppo “freddo” alle loro domande, in media solo il 12% dei messaggi social che richiedono una risposta da parte di un marchio ne ottengono una.

Sprout Social: Brand Actions on Social That Prompt Consumers to Purchase

Sprout Social: Brand Actions on Social That Prompt Consumers to Purchase

C’è certamente un tempo, un posto e un canale social per consentire ai brand di lasciarsi andare all’entusiasmo, all’umorismo e alla personalità, ma i dati sono degli indicatori importanti, ragion per cui i brand dovranno valutare (o rivalutare) la loro voce e la loro posizione nei social, a meno che non vogliano che le ripercussioni divengano esponenzialmente dannose per quei marchi che i consumatori percepiscono come ‘irritanti’.

Sarcasmo Sprout Social: Consumer Reaction to Irritating Brand Behaviors on Social

Sprout Social: Consumer Reaction to Irritating Brand Behaviors on Social

Il sarcasmo sui social non paga, soprattutto per i brand ultima modifica: 2017-06-03T10:00:55+00:00 da Web Digitalic
IQ Test Digital Transformation

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!