Zuckerberg è stato in una sorta di tour pubblicitario dopo lo scandalo Cambridge Analytica ed è un anno generalmente difficile per il colosso dei social media, il Ceo si è già scusato per lo scandalo e la piattaforma ha introdotto cambiamenti e nuove regole di privacy. Ora Zuckerberg risponde a Tim Cook e alle nuove critiche mosse nei suoi confronti.

Zuckerberg risponde a Tim Cook

In un’intervista pubblicata su  Vox il CEO di Facebook ha approfondito alcune delle questioni più urgenti della società, tra cui come gestire le fake news e sostenere un buon giornalismo e come gestire una comunità di 2 miliardi di utenti. Zuckerberg ha anche risposto a Tim Cook che ha criticato il modello di Facebook di generare entrate attraverso la pubblicità.

facebook priorità notizie locali

Facebook e le Fake news

Sul problema delle fake news e della trasparenza passata si è espresso così:

È difficile essere trasparenti quando non abbiamo una piena comprensione di dove si trova lo stato di alcuni dei sistemi. Nel 2016, eravamo indietro rispetto all’avere una piena comprensione e un’eccellenza operativa nel prevenire cose come la disinformazione e le interferenze russe. E puoi scommettere che questo è un grande obiettivo per noi mentre andiamo avanti.

Su come Facebook sta cercando di offrire contenuti, incluse notizie, che siano significative per gli utenti:

Il modo in cui questo funziona oggi, in generale, è che abbiamo panel di centinaia o migliaia di persone che arrivano e a cui mostriamo tutti i contenuti condivisi dai loro amici e dalle loro pagine. Chiediamo loro di classificarlo e, in pratica, di dire “quali erano le cose più significative che desiderate fossero in cima al feed?” Poi proviamo a progettare algoritmi che mappino solo ciò che le persone ci stanno effettivamente indicando essere significativo per loro. Non è quello su cui fanno clic, non quello che ci farà guadagnare di più, ma ciò che le persone effettivamente trovano significativo e prezioso. Quindi, quando stiamo facendo grandi cambiamenti – come nel caso del cambiamento sull’attendibilità – il motivo per cui lo stiamo facendo è perché realmente viene mappato ciò che le persone ci dicono vogliono a un livello profondo.

A Zuck è stato anche chiesto di supportare le organizzazioni di notizie, poiché alcune fette di entrate di Facebook provengono da utenti che consumano notizie sulla piattaforma:

Per le istituzioni più grandi, e forse anche per quelle più piccole, gli abbonamenti sono davvero un punto chiave su questo. Penso che molti di questi modelli di business si stiano muovendo verso una maggiore percentuale di abbonamenti, dove le persone che stanno ottenendo il maggior valore da te stanno contribuendo con un ammontare sproporzionato alle entrate. Ci sono sicuramente un sacco di cose che possiamo fare su Facebook per aiutare le persone, per aiutare queste organizzazioni di notizie, ad aumentare gli abbonamenti e questo è stato sicuramente il lavoro che abbiamo fatto e continueremo a fare.

Egli ha anche affermato che gli abbonamenti potrebbero non funzionare per le notizie locali, che secondo l’amministratore delegato sono ugualmente importanti:

Nelle notizie locali, penso che alcune delle soluzioni potrebbero essere un po’ diverse, ma penso anche sia facile perdere di vista quanto sia importante. Ci sono state molte discussioni sull’impegno civico e penso che le persone possano perdere di vista quanto strettamente legato possa essere alle notizie locali. In una città con un forte giornale locale, le persone sono molto più informate, hanno molte più probabilità di essere civicamente attive. Su Facebook abbiamo adottato misure per mostrare più notizie locali alle persone. Stiamo anche lavorando con loro in particolare, creando fondi per sostenerli e lavorando su abbonamenti e annunci e dovremmo, si spera, riuscire a creare un ecosistema più prospero.

Zuckerberg risponde a Tim Cook

In un’intervista della scorsa settimana, il CEO di Apple ha affermato che le aziende tecnologiche “sono al di là” dell’autoregolamentazione. Alla domanda su cosa avrebbe fatto se fosse stato nella posizione di Zuckerberg, Cook ha dichiarato: “Non sarei in questa situazione“. Il CEO ha a lungo dichiarato che un modello pubblicitario, in cui le aziende utilizzano i dati degli utenti per venderli alle imprese, non è quello che Apple vuole diventare.

“Stanno divorando tutto ciò che possono apprendere su di te e cercando di monetizzarlo”, ha detto Cook su Facebook e Google nel 2015. “Pensiamo che sia sbagliato. Non è il tipo di azienda che Apple vuole essere.

Zuckerberg  è stato interrogato sulle dichiarazioni di Cook nell’intervista. Ecco come Zuckerberg risponde a Tim Cook:

Sai, trovo questo argomento, che se non stai pagando un servizio vuol dire che non ci prendiamo cura di te, estremamente disinvolto e lontano dalla verità. La realtà qui è che se vuoi creare un servizio che aiuti a connettere tutti nel mondo, allora ci sono molte persone che non possono permettersi di pagare e quindi, come con molti media, avere un modello supportato da pubblicità è l’unico modello razionale in grado di supportare la costruzione di questo servizio per raggiungere le persone.

Zuckerberg ha anche colto l’opportunità di fare un po’ il verso a Cook, dicendo che non dovremmo credere che le aziende che cercano di farci pagare di più si preoccupino davvero di noi.

Facebook un sevizio non solo per i ricchi

Ma se vuoi creare un servizio che non sia solo per i ricchi, devi avere qualcosa che le persone possono permettersi. Penso che Jeff Bezos abbia usato un eccellente modo di dire in uno dei suoi lanci del Kindle, diversi anni fa. Ha detto: “Ci sono aziende che lavorano duramente per farti pagare di più e ci sono aziende che lavorano duramente per farti pagare meno.” E su Facebook, siamo esattamente nel campo delle società che lavorano duramente per farti pagare meno e fornire un servizio gratuito che tutti possono usare.

Non penso affatto che questo significhi che non ci importi delle persone. Al contrario, penso che sia importante non inciampare in una sorta di Sindrome di Stoccolma e lasciare che le aziende che lavorano duramente per farti pagare di più ti convincano che in realtà si preoccupano di te. Perché mi sembra ridicolo.

Il governo di Facebook

Zuckerberg aveva affermato in una precedente intervista che Facebook era più simile a un governo che a una società tradizionale. Zuck ha spiegato che le controversie su quali contenuti siano ammissibili su Facebook sono cresciute fino a raggiungere una scala che richiede un certo livello di governance.

Ma penso che sia in realtà una delle domande filosofiche più interessanti che affrontiamo. Con una comunità di oltre 2 miliardi di persone, in tutto il mondo, in ogni paese diverso, dove ci sono norme sociali e culturali molto diverse, non mi è chiaro come noi, in un ufficio qui in California, possiamo essere nella posizione migliore per determinare quali dovrebbero essere le politiche per le persone di tutto il mondo. Ho lavorato e riflettuto su come si possa creare un processo più democratico e orientato alla comunità che rifletta i valori delle persone in tutto il mondo.

Questa è una delle cose che penso davvero che abbiamo bisogno di sistemare, perché non sono sicuro che lo stato attuale sia perfetto.

Su come Facebook potrebbe prepararsi a gestire la sua dimensione schiacciante:

Una cosa importate è la trasparenza. In questo momento, non penso che siamo abbastanza trasparenti sull’importanza di diversi problemi della piattaforma. Non abbiamo fatto un buon lavoro di pubblicazione e trasparenza su questo tipo di problemi e sul lavoro che stiamo facendo e su come stiamo lavorando per ridurre questi problemi.

Gli obiettivi di Facebook a lungo termine

A lungo termine, quello che mi piacerebbe davvero ottenere è un appeal indipendente. Quindi forse la gente di Facebook prende la prima decisione in base agli standard della comunità che sono delineati, e quindi le persone possono ottenere una seconda opinione. Puoi immaginare una sorta di struttura, quasi come una Corte Suprema, composta da persone indipendenti che non lavorano per Facebook, che alla fine fanno il giudizio finale su ciò che dovrebbe essere un discorso accettabile in una comunità che riflette le norme sociali e valori di persone in tutto il mondo.

Zuckerberg risponde a Tim Cook e spiega come sarà il futuro di Facebook ultima modifica: 2018-04-03T11:54:45+00:00 da Web Digitalic
Depositphoto Agosto 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!