Tutto è iniziato con Kickstarter, la più grande piattaforma al mondo di crowdfunding ha aperto una nuova era. Il fondatore voleva realizzare un concerto, ma non aveva soldi da investire così ha creato un sito per fare una “colletta”. Il concerto è stato fatto ed insieme è nato qualcosa di davvero innovativo: una piattaforma per la realizzazione di progetti creativi, che ora invita oggi tutti gli innovatori, artisti, creativi e musicisti d’Italia ad entrare a far parte della propria community.
Con Kickstarter ora si possono per raccogliere fondi in Euro e utilizzando conto correnti italiani (prima era possibile solo in dollari e su conti bancari USA).
Sono 15 le categorie in cui si può “postare”  il proprio progetto su Kickstarter e farlo conoscere agli 8,8 milioni di finanziatori (“backers”) che affolalno il sito.
Yancey Strickler, co-fondatore e CEO di Kickstarter è un grande innovatere e anche un grande ottimista: “Viviamo in una nuova età dell’oro della creatività, dove chiunque sia dotato di fantasia può realizzare qualcosa di concreto collaborando con le altre persone. Kickstarter è una community mondiale di creativi che condividono, costruiscono e realizzano qualcosa, offrendo il proprio contributo ad un contesto culturale più ricco e vivace. E in ciò l’Italia ha già contribuito moltissimo alla cultura mondiale, dalla moda al cibo, dall’arte al cinema, dalla musica alla letteratura, le idee innovative italiane sono sempre state apprezzate in tutto il mondo. Ora, Kickstarter aiuterà tutti i creativi italiani a realizzare le proprie idee innovative attraverso il sistema della collaborazione, e con il supporto di una community mondiale davvero enorme.”
Nato per la musica e l’arte Kickstarter ha avuto grande successo nel modno delal tecnologia, da qui sono partiti alcuni dei progetti digitali più dirompenti degli ultimi anni come Pono Music, il lettore musicale di Neil Young, AirDog (il dorne che ti segue grazie al guinzaglio elettronico), Form1 (un nuovo tipo di stampante 3d) e tanti altri ancora

Kickstarter
L’Italia è il tredicesimo paese in cui Kickstarter viene lanciato, dopo Stati Uniti, Canada, Regno Unito, Germania, Francia, Spagna, Olanda, Danimarca, Norvegia, Svezia, Irlanda, Australia e Nuova Zelanda. Ed oggi Kickstarter sarà lanciato anche in Austria, Belgio, Lussemburgo e Svizzera.
Fin dal lancio di Kickstarter nel 2009, 8,8 milioni di persone hanno investito circa 1,6 miliardi di Euro per dare vita a più di 86.000 progetti creativi. In ogni momento migliaia di progetti creativi vengono finanziati su Kickstarter, ed ognuno di questi è pensato e creato in maniera autonoma dalla persona che lo presenta alla community. Ogni regista, musicista, artista e designer su Kickstarter ha il totale controllo e responsabilità dei propri progetti. Ogni ideatore di un progetto definisce il proprio obiettivo di finanziamento e i termini di scadenza. Se alle persone il progetto piace, possono finanziarlo per far sì che venga realizzato ed essere poi ripagati. Il finanziamento su Kickstarter si basa sul concetto del “tutto o niente”: se un progetto ha successo, poichè ha raggiunto i suoi obiettivi di finanziamento, tutti i finanziatori (“backers”) pagano la propria quota al momento della scadenza. Se il progetto decade prima, nessuna somma viene addebitata ai backer.

Kickstarter apre in Italia: crowdfunding per tutti ultima modifica: 2015-06-17T07:34:53+00:00 da Francesco Marino
Accenture Cristina

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!