Meg (ovvero Micro Experimental Growing)rivoluziona il processo di coltivazione permettendo di gestire tutti i parametri di crescita dei vegetali e controllare microclima e illuminazione con una app su smartphone o tablet

di Cecilia Cantadore

Nell’Internet delle cose l’alimentazione avrà un grande ruolo, a cominciare dalle piccole cose. Meg è Una serra che registra i segreti di una buona coltivazione artificiale, per ripetere il processo in caso di successo o condividerlo con altri online tramite una piattaforma dedicata dove è possibile acquisire e scambiare informazioni con una comunità di appassionati e professionisti, nella visione di una cultura aperta e condivisa, per migliorare le proprie attività di microgrowing.
Meg non è ancora in vendita; online sono disponibili gratuitamente i file e le guide per la sua autocostruzione. L’idea è arrivata ai professionisti di lighting design milanesi D’Alesio&Santoro che l’hanno sviluppata inizialmente per Yradia. Poi il progetto ha preso ufficialmente il via con un tour di presentazioni mondiale e una campagna su Kickstarter, ha vinto il contest di Wired “Hack the Expo” ed è partita una nuova campagna di crowdfunding su Eppela. Con il ricavato verrà finanziata la ricerca scientifica agrobiologica, a cura della facoltà di Agraria dell’Università di Milano, la progettazione meccanica e la programmazione dell’hardware. L’obiettivo degli ideatori è quello di esporre cinque Meg nella metropolitana di Milano, costruite ad-hoc e messe in funzione da maggio a ottobre 2015. Il prossimo step è quello di realizzare un prototipo fisico, funzionante e in scala 1:1 entro febbraio 2015. Alla fine di Expo, le Meg realizzate per l’occasione saranno donate a entità pubbliche e private attive sia nella ricerca che nella formazione culturale agrobiologica. Vista in prospettiva, la serra Meg ha le potenzialità per rivoluzionare e democraticizzare l’agricoltura e la botanica, nonché il futuro dell’homegrowing.

Meg, anche le piante sono online ultima modifica: 2015-01-19T07:37:52+00:00 da Francesco Marino
Depositphotos 2017 May

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!