L’aereo a guida autonoma è qui: l’aerotaxi Boeing vola già

L’aereo a guida autonoma, o taxi volante, di Aurora Flight Sciences Boeing, ha recentemente condotto il primo volo di prova, i voli in aerotaxi sono vicini.

L’aereo a guida autonoma è orami realtà: l’aerotaxi Boeing vola davvero, sono stati completati i primi test da Aurora Flight Sciences, una sussidiaria del gigante aerospaziale Boeing, che ha recentemente condotto il primo volo di prova del suo veicolo aereo autonomo interamente elettrico. Il veicolo non pilotato è decollato verticalmente. Si è librato per alcuni secondi e poi è atterrato nel sito di test dell’azienda a Manassas, in Virginia. Boeing ha affermato che i voli futuri metteranno alla prova il volo frontale, così come la fase di transizione tra le modalità verticale e quella di volo in avanti.

L’Aereo a guida autonoma di Boeing

È un passo significativo verso un futuro in cui il “taxi volante”, l’aerotaxi autonomo, elettrico, sfreccerà da grattacielo a grattacielo. Porterà passeggeri e merci al servizio di una forma completamente nuova di mobilità urbana. Boeing è solo una delle decine di aziende che stanno perseguendo una qualche forma di servizio di taxi aereo urbano. Abbiamo già citato UberAir, Rolls-Royce, Audi. Ma essendo Boeing una delle più grandi compagnie aeree del mondo, potrebbe avere le risorse e la capacità ingegneristica di realizzare un aereo a guida autonoma disponibile da subito, un vero aerotaxi,  prima di altri competitor del settore.

Gli sforzi di Boeing sono notevoli perché, in poche parole, non ci sono aerei a propulsione elettrica, o anche aerei ibridi a gas-elettrici, in operazioni commerciali al giorno d’oggi. Volare richiede un’incredibile quantità di energia. La tecnologia usata per le batterie attuali non offre il rapporto peso/potenza necessario per raggiungere il decollo. La maggior parte degli esperti prevede che ci vorranno anni, se non decenni, prima che tale tecnologia possa migliorare.

Come funziona il l’aereo a guida autonoma Boeing

L‘areo a guida autonoma di Boeing  è alimentato da un sistema di propulsione elettrica, Boeing afferma che il prototipo è progettato per il volo completamente autonomo dal decollo all’atterraggio. Ha un’autonomia di fino a 80 km circa. Misurando 9,14 metri di lunghezza e 8,53 metri di larghezza, la sua scocca integra i sistemi di propulsione e ala per ottenere voli hover e in avanti efficienti (noto anche come decollo e atterraggio verticale o VTOL).

Il test è stato condotto dalla futuristica divisione NeXt della Boeing, che supervisiona anche il suo prototipo di drone heavy-duty in grado di sollevare un carico utile di 220 kg. Il cosiddetto “cargo air vehicle” ha condotto il suo primo test di volo indoor l’anno scorso, e passerà ai test outdoor nel 2019.

La partnership tra Boeing e UberAir per l’aerotaxi

Aurora Flight Sciences, una società di ricerca aeronautica, è stata acquisita da Boeing nel 2017. È una delle poche aziende che hanno stretto una partnership con Uber nel tentativo di sviluppare una rete di “taxi volanti” per la compagnia “UberAir”, che prevede di lanciare il servizio nel 2023.

Nel suo annuncio sul volo di prova, Boeing non ha fatto menzione di Uber. Ha però sottolineato l’obiettivo di sbloccare “il potenziale del mercato della mobilità aerea urbana”. Da parte sua, Uber ha elogiato Boeing e Aurora per essere “ufficialmente in volo per Uber.” All’inizio di questo mese, il produttore di elicotteri Bell ha portato un modello in scala del suo velivolo Nexus VTOL al CES di Las Vegas.

Droni e taxi volanti e altri progetti VTOL di Boeing .

La società è anche lo sponsor principale di un concorso da $2 milioni per costruire un jetpack funzionante. La competizione cerca partecipanti che possano produrre un dispositivo di volo personale sicuro, silenzioso e ultracompatto in grado di trasportare una persona singola per 20 miglia o più senza fare rifornimento o doversi ricaricare. I finalisti sono stati annunciati lo scorso giugno.

Boeing non è l’unico gigante aerospaziale interessato al volo elettrico. L’anno scorso, il rivale Airbus ha mostrato il suo velivolo Vahana eVTOL in un volo di prova molto simile. A differenza di Boeing, Airbus prevede di lanciare una propria rete di taxi volanti, senza Uber.

Quindi, quando società quotate di rilievo come Boeing (capitalizzazione di mercato $ 201 miliardi) e Airbus ($ 73 miliardi) con tutti i loro azionisti e membri del consiglio di amministrazione, parlano di “taxi volanti”, non si può fare a meno di credere di essere vicini ad alcune importanti scoperte.

boeing


L’aereo a guida autonoma è qui: l’aerotaxi Boeing vola già - Ultima modifica: 2019-01-25T13:44:00+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!