Tech-News

Google compie 25 anni: la riflessione di Sundar Pichai

Quest’anno Google celebra un importante traguardo, il suo 25° anniversario. Sundar Pichai, CEO di Google e Alphabet, ha recentemente condiviso le sue riflessioni in un post sul blog di Google, ripercorrendo questi 25 anni di cambiamenti e visionando un futuro che ci aspetta.

Pichai ricorda il lungo cammino fatto dalla tecnologia nell’ultimo quarto di secolo, raccontando un episodio personale: i giorni in cui comunicava con il padre via e-mail, una tecnologia relativamente nuova all’epoca, e il contrasto con la velocità della comunicazione digitale odierna dei suoi figli.

Da questo viaggio personale, Pichai estrae una verità fondamentale: la tecnologia che ci sorprende oggi sarà data per scontata domani. Google, sin dalla sua nascita, ha sempre puntato a spingere più in là le frontiere, trasformando ciò che una volta era straordinario in ordinario.

Sundar Pichai CEO di ALPHABET

25 anni di Google: dall’idea rivoluzionaria alla realtà

Google compie 25 anni, questa è la sua prima home page

Il cuore pulsante della missione di Google nasce da una domanda formulata 25 anni fa dai suoi fondatori, Larry Page e Sergey Brin: una nuova tipologia di motore di ricerca in grado di organizzare le informazioni del mondo rendendole accessibili e utili per tutti.

Google ha trasformato il modo in cui accediamo e interagiamo con le informazioni, creando una rivoluzione nell’accesso all’istruzione e nell’imprenditorialità.

Da un semplice motore di ricerca, Google oggi include oltre 15 prodotti, ognuno dei quali serve più di mezzo miliardo di persone e aziende, e sei di questi hanno più di 2 miliardi di utenti ciascuno.

Google: tutto iniziò con la ricerca

“Larry e Sergey hanno messo per la prima volta nero su bianco la nostra missione 25 anni fa” scrive Sundar Pichai – “organizzare le informazioni del mondo e renderle universalmente accessibili e utili. Avevano una visione ambiziosa per un nuovo tipo di motore di ricerca per aiutare le persone a dare un senso alle ondate di informazioni che si stavano spostando online. Il prodotto che hanno creato, Google Search, è andato avanti per aiutare miliardi di persone in tutto il mondo a trovare risposte alle loro domande.

Per alcuni anni, sono stato una di quelle persone che hanno sperimentato Google come qualsiasi altro utente del web. Ricordo di essere rimasto stupito dalla capacità di Google di trovare la migliore risposta alle domande più esoteriche, da un minuscolo dettaglio sepolto in una pagina del servizio clienti di un negozio a una regola di football oscura.

Le domande che ho posto a Google sono cambiate nel tempo: “Come si ripara un rubinetto che gocciola?” “Percorso più veloce per l’ospedale di Stanford?” “Modi per calmare un neonato che piange?” E intorno alla primavera del 2003, forse: “Come superare brillantemente un colloquio con Google?” E con il tempo, Google è diventata molto più brava nel rispondere.

È stato ispirante vedere cosa le persone hanno fatto con le risposte alle loro domande, sia per trovare cure mediche o conforto nei momenti difficili, imparare nuove competenze, intraprendere nuove carriere, o avviare nuove attività. L’idea che uno studente in Indonesia rurale potesse accedere alle stesse informazioni di un professore a Stanford era rivoluzionaria, e ha cambiato vite e il nostro mondo in meglio. Ha aperto l’accesso all’istruzione e all’imprenditorialità come nient’altro prima, o da allora.

Search ha anche posto le basi per permettere a Google di avere un impatto economico oltre i nostri confini. Le nostre piattaforme e strumenti pubblicitari sono partiti da un presupposto semplice come Search stesso: aiutare le aziende a raggiungere i clienti che erano già alla ricerca dei tipi di prodotti e servizi che offrono. Era una piattaforma che attirava in particolare le piccole imprese, come l’azienda di vendita per corrispondenza di aragoste che è stata la prima a iscriversi. E come Search stesso, la possibilità per qualsiasi azienda di fare pubblicità online ha avuto un impatto veramente trasformazionale, aiutando milioni di imprese a diventare parte dell’economia digitale”

Innovazione nella fallibilità

Pichai non manca di sottolineare come, in un percorso di innovazione lungo 25 anni, Google abbia dovuto anche affrontare dei fallimenti, come per Google Wave. Eppure, nonostante gli ostacoli, Google ha sempre risposto tornando più forte che mai, grazie alla sua singolare focalizzazione sulla missione.

Google compie 25 anni Guardando all’Ai

Uno degli aspetti più emozionanti per Pichai, guardando al futuro di Google, è l‘Intelligenza Artificiale (IA). Google è stata una delle prime aziende ad utilizzare l’apprendimento automatico nei suoi prodotti. L’IA ha il potenziale di cambiare ogni aspetto della tecnologia che usiamo, e Google ha intenzione di essere in prima linea in questa rivoluzione.

Mentre Google celebra il suo 25° anniversario, Pichai vede un futuro pieno di opportunità. Se il passato ci ha insegnato qualcosa, è che quando Google si pone una domanda, le risposte cambiano il mondo. E non vediamo l’ora di vedere quali domande porrà Google nei prossimi 25 anni.

 


Google compie 25 anni: la riflessione di Sundar Pichai - Ultima modifica: 2023-09-06T10:17:24+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Recent Posts

Negli USA si punta sull’energia nucleare per alimentare l’intelligenza artificiale

Alla ricerca di energia per alimentare i data center per l’intelligenza artificiale, le compagnie americane…

2 giorni ago

La spunta blu di “X” è ingannevole, la denuncia della UE

L'Unione Europea accusa "X" di violare il Digital Services Act con il sistema della spunta…

2 giorni ago

L’AI riduce l’originalità generale: lo studio scientifico

L'AI è utile per migliorare il processo creativo e la qualità della scrittura, ma le…

2 giorni ago

NürnbergMesse Italia celebra 15 anni di successi

NürnbergMesse Italia ha celebrato il quindicesimo anniversario con un evento a Milano, evidenziando successi, leadership…

3 giorni ago

Alessandro La Volpe è il nuovo amministratore delegato di IBM Italia

Alessandro La Volpe è il nuovo Amministratore Delegato di IBM Italia, succedendo a Stefano Rebattoni.…

3 giorni ago

Shibuya AXSH: il nuovo simbolo di arte, cucina e tecnologia a Tokyo

Shibuya AXSH a Tokyo è un hub di 23 piani che combina arte, cucina, moda…

5 giorni ago

Digitalic © MMedia Srl

Via Italia 50, 20900 Monza (MB) - C.F. e Partita IVA: 03339380135

Reg. Trib. Milano n. 409 del 21/7/2011 - ROC n. 21424 del 3/8/2011