intelligenza artificiale

L’AI rimodellerà il panorama italiano della cybersecurity nel 2024

Giampiero Savorelli, Managing Director di HP Italy, parla dell’importanza crescente dell’Intelligenza Artificiale (IA) nel panorama italiano della cybersecurity. L’IA sta cambiando drammaticamente il modo in cui hacker e professionisti IT operano. Ma nonostante le sfide, Savorelli rimane ottimista riguardo alle prospettive della sicurezza informatica.

Giampiero Savorelli, Managing Director HP Italy

Come l’IA sta cambiando il panorama della cybersecurity?

Giampiero Savorelli: L’IA sta fornendo nuovi strumenti e capacità sia ai responsabili della sicurezza informatica sia agli hacker. I cybercriminali sono già all’opera, esplorando come l’IA può essere usata per intensificare gli attacchi e mirare alle aziende con nuove e continue minacce. Ma l’IA può anche essere utilizzata per il bene, come migliorare il rilevamento delle minacce e rendere più efficiente la remediation.

In quali modi l’IA influenzerà la cybersecurity nei prossimi anni?

Giampiero Savorelli: Prevedo tre importanti cambiamenti. Prima di tutto, l’IA potenzierà il social engineering: nel 2024, i cybercriminali utilizzeranno l’IA per intensificare gli attacchi di phishing e creare esche personalizzate basate su dati provenienti da social media o caselle di posta elettronica compromesse.
In secondo luogo, i Modelli LLM saranno integrati nei PC. Questo renderà i computer più efficienti e produttivi, ma rappresenterà anche un nuovo sistema che i team di sicurezza dovranno difendere. I chatbot, ad esempio, potrebbero rappresentare una via d’accesso a dati precedentemente non accessibili.
Infine, l’IA abbasserà la barriera per gli attacchi al firmware e all’hardware, rendendo questi tipi di attacchi più accessibili a un pubblico più ampio.

Come possono le aziende proteggersi dall’AI?

Giampiero Savorelli: La micro-virtualizzazione, ad esempio, può creare macchine virtuali “usa e getta” isolate dal sistema operativo del PC, proteggendo gli utenti dai clic involontari su collegamenti dannosi. Inoltre, le aziende dovranno investire nella sicurezza dell’hardware e del firmware per difendersi da attacchi più avanzati.

C’è qualche cosa per cui le aziende dovrebbero essere ottimiste riguardo al futuro della cybersecurity e dell’IA?

Giampiero Savorelli: Assolutamente. L’IA offre allo stesso tempo enormi opportunità per i team di sicurezza. Gli aiuti basati su IA possono migliorare il rilevamento delle minacce, velocizzare la risposta e alleviare la pressione sui team di sicurezza. Inoltre, l’arrivo dei PC con IA nel 2024 offre un nuovo livello di privacy dei dati e consente ai dispositivi di utilizzare l’IA in modo più sicuro.


L’AI rimodellerà il panorama italiano della cybersecurity nel 2024 - Ultima modifica: 2024-02-29T11:59:25+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Recent Posts

AI: piccolo è meglio, i vantaggi degli SLM contro gli LLM

Nella sfida dell'AI, la tendenza è che "piccolo è meglio". Mentre i grandi modelli linguistici…

5 giorni ago

Google punta tutto sull’AI generativa: Google Cloud Next 24

Google Cloud Next 24 ha concentrato l'attenzione sull'intelligenza artificiale generativa, sebbene le sfide di adozione…

6 giorni ago

Sicurezza e AI: la visione all’ Ignite On Tour Milano di Palo Alto Networks

All’evento Ignite On Tour Milano si sono svolte discussioni avvincenti su AI e sicurezza, con…

6 giorni ago

I manager diventano insegnanti grazie alla startup italiana Wibo

La startup edtech Wibo rivoluziona la formazione manageriale con Baricco, Farinetti e i migliori executive…

6 giorni ago

Seeweb: l’AI “Made in Italy” può essere la svolta per le nostre Pmi

L’intelligenza artificiale è la leva per l’innovazione delle piccole e medie imprese italiane, ma è…

2 settimane ago

OpenAI lancia l’intelligenza artificiale vocale: Voice Engine

OpenAI lancia Voice Engine: una AI che replicale voci umane con precisione, utile per l’accessibilità…

2 settimane ago

Digitalic © MMedia Srl

Via Italia 50, 20900 Monza (MB) - C.F. e Partita IVA: 03339380135

Reg. Trib. Milano n. 409 del 21/7/2011 - ROC n. 21424 del 3/8/2011