Categories: Social Network

Metaverso: il futuro alle porte o solo una trovata strategica?

Mark Zuckerberg, trentasettenne fondatore di Facebook e ora amministratore delegato di Meta, la holding che controlla il social network, Whatsapp e Instagram, nel mese di ottobre 2021 ha sorpreso il mondo annunciando il cambio di denominazione della sua azienda, della quale possiede il 13%, per un totale di 375 milioni di azioni.
Molti hanno pensato che forse il nome “Facebook” fosse diventato un po’ stretto, poiché non comprende tutto quello di cui la sua realtà si occupa. Il nome Meta serve, infatti, a separare il lavoro sulle nuove tecnologie dalla piattaforma social media di Facebook che ha dato il nome alla holding.
La notizia è arrivata quando il fondatore ed il Ceo di Facebook ha tenuto una presentazione in cui mostrava le novità in ambito tecnologico, nello specifico riguardo la realtà virtuale e il metaverso, un concetto che alcuni ritengono essere il futuro della nostra vita su Internet.
In sostanza, significa che Facebook ed i social media non saranno più l’obiettivo principale dell’azienda, che invece riverserà le sue risorse principali nella creazione di soluzioni di realtà virtuale e nella creazione del metaverso. Questo non vuol dire però che i social media smetteranno di esistere, o almeno per adesso questo non succederà.
Zuckerberg ha anche affermato che in futuro le persone non avranno bisogno di utilizzare Facebook per accedere agli altri servizi dell’azienda. Una novità importante che molti stanno cercando di interpretare nel suo significato a lungo termine.

Cosa significa il nuovo nome di Facebook?

Mark Zuckerberg ha precisato durante la sua presentazione di aver scelto il nome “Meta” in parte perché riflette l’intera ampiezza di ciò che l’azienda rappresenta ed il futuro che vorrebbe costruire. Ma ha anche affermato di averlo scelto perché in greco significa “oltre”. Questa scelta è motivata dal fatto che ci sarà sempre qualcosa di nuovo da costruire, un capitolo successivo nella storia digitale del web.
Il fondatore di Facebook è veramente entusiasta di ciò che ha creato e dei risultati ottenuti fino ad oggi: dopo aver visto che la tecnologia è in grado di cambiare il mondo, è sempre più determinato ad andare avanti.
“Oltre i vincoli degli schermi, oltre i limiti della distanza e della fisica e verso un futuro in cui tutti possono essere presenti gli uni con gli altri, creare nuove opportunità e sperimentare cose nuove”.
L’affermazione di Zuckerberg potrebbe diventare lo slogan del nuovo marchio: “Il futuro sarà al di là di qualsiasi cosa possiamo immaginare”.

Dunque, cos’è il metaverso?

“Il metaverso sarà il successore di Internet mobile. Saremo in grado di sentirci presenti come se fossimo proprio lì con le persone, non importa quanto siamo distanti. Saremo in grado di esprimerci in nuovi modi gioiosi e completamente immersivi – detto Zuckerber – oggi siamo visti come una società di social media, ma nel nostro Dna siamo un’azienda che costruisce tecnologia per connettere le persone e il metaverso è la prossima frontiera proprio come lo era il social networking quando abbiamo iniziato”.
Quello che è stato chiamato “metaverso”, è un mondo online in cui le persone possono giocare, lavorare e comunicare in un ambiente virtuale. Il termine si riferisce a un cyberspazio parallelo alla realtà fisica in cui viviamo, in pratica è una comunità di persone che può interagire con un’identità virtuale sotto forma di avatar. Tutto ciò è possibile grazie alla fusione di realtà fisica, aumentata e virtuale.
Questo mondo esiste già oggi, attraverso il marchio Oculus, che sarà a sua volta rinominato Meta Quest nel corso del 2022. Molto interessante in quest’ottica, la collaborazione di Meta con EssilorLuxottica, azienda produttrice degli occhiali Ray-Ban che ben presto consentirà agli utenti di vedere le notifiche dei social media ed interagire con contenuti originali ed esclusivi, proprio attraverso i propri occhiali, da sole o da vista.
Zuckerberg ha mostrato come il suo nuovo concetto di metaverso con una serie di esempi denominati “Horizon”, per dare un’idea di come potrebbe applicarsi alle nostre vite future questa ulteriore dimensione digitale ed ha dimostrato come potrebbe essere utilizzato per tenere riunioni di lavoro realistiche ed essere utile anche nel mondo dell’istruzione.

Quindi cosa possiamo dire di questo processo di cambiamento?

È stata realmente una trovata pubblicitaria, come hanno pensato in molti, oppure è un semplice passo in avanti da parte di un colosso dei Social Media che vorrebbe diventare ancora più grande e un nome solo per definire tutto non bastava più?
Forse è stata una risposta a tutta la serie di polemiche che negli ultimi anni hanno preso d’assalto la piattaforma Facebook riguardo al suo utilizzo, la privacy, gestione dei dati, pubblicità e contenuti dannosi. Incrementando l’odio degli utenti.
Non ci resta che aspettare e vedere quali saranno gli sviluppi del grande colosso e soprattutto quale sarà il futuro dei social media.


Metaverso: il futuro alle porte o solo una trovata strategica? - Ultima modifica: 2022-02-18T08:47:40+00:00 da Luca Rallo

Blogger, formatore, Digital PR Strategist, consulente di Social Media Marketing e strategie digitali per aziende, Enti di formazione, Agenzie di Comunicazione, liberi professionisti e pubblica amministrazione. Docente di Influencer Marketing e Digital PR, Twitter Marketing e Instagram Marketing. Social Influencer e brand ambassador per aziende di rilevanza nazionale e internazionale, dei settori automotive, food, e commerce, sport, e per varie Onlus. Speaker per diversi eventi: Mashable Social Media Day Italy, Social Media Week, Mobile Journalism Festival, e per l’ordine dei giornalisti.

Recent Posts

Superluna del Cervo, quando ci sarà la luna più luminosa dell’anno

Luglio si rivela essere un mese eccezionale per ammirare la luna in tutto il suo…

5 ore ago

Nuovo Apple Watch sarà in grado di rilevare la temperatura

Secondo alcune indiscrezioni il nuovo smartwatch Apple potrebbe aiutare a capire quando la temperatura corporea…

12 ore ago

Nuovo listino Now: dal 1° luglio cambia l’offerta e arriva un altro canale

Nel Pass Entertainment sarà incluso anche il pacchetto Kids per i bambini

1 giorno ago

Amazon Prime: cancellarsi dal servizio diventa più facile

Abbandonare il programma di vantaggi per i clienti abbonati alla piattaforma e-commerce diventa più facile,…

2 giorni ago

Spotify consentirà di creare podcast con la sua app

La piattaforma streaming ha annunciato un interessante novità, che rivoluzionerà la creazione di podcast attraverso…

3 giorni ago

Fido: il sistema per dire addio alle password

Il Sistema Fido vuole eliminare le password Apple, Google e Microsoft insieme si vogliono affidare…

3 giorni ago

Digitalic © MMedia Srl

Via Italia 50, 20900 Monza (MB) - C.F. e Partita IVA: 03339380135

Reg. Trib. Milano n. 409 del 21/7/2011 - ROC n. 21424 del 3/8/2011