Hardware & Software

Nuovi MacBook Pro M3, M3 Pro, M3 Max: guida alle prestazioni

I nuovi MacBook Pro M3 sono già disponibili, annunciati con un evento quasi a sorpresa, rappresentano la tecnologia più avanzata Apple in fatto di computer portatili, la nuova avanguardia della tecnologia per i professionisti.
L’elemento più significativo è la nuovissima famiglia di chip M3: M3, M3 Pro e M3 Max. Grazie a una GPU con architettura di ultima generazione e alla CPU più veloce, i chip M3 migliorano ulteriormente le prestazioni di MacBook Pro e ne aumentano le capacità.
Finalmente arriva il tanto atteso chip M3. Come la generazione precedente, si può scegliere tra un modello da 14 pollici e uno da 16 pollici, ma ci sono molte differenze quando si a guardano le tre versioni del chip disponibili: M3, M3 Pro e M3 Max.

MacBook Pro M3 14 pollici

Il nuovo MacBook Pro 14″ con M3 non solo è pensato per le attività di tutti i giorni, ma garantisce anche ottime prestazioni in modo continuo per app professionali e giochi. Ideale per chi aspira a lavorare in ambito creativo, per chi studia e per chi ha un’attività
Il prezzo del MacBook Pro da 14 pollici parte da € 2.049.

MacBook Pro M3 Pro da 14 e 16 pollici

I MacBook Pro da 14″ e 16″ con M3 Pro offrono prestazioni ancora più elevate e supporta ancora più memoria unificata, rendendo possibili flussi di lavoro più impegnativi per utenti come sviluppatori, creativi e ricercatori.
Il MackBook Pro M3 Pro ha un prezzo che parte da 2.599 euro,
Mentre il MacBook Pro M3 Pro da 16’’ parte da un prezzo di 3.099 euro

 

MackBook Pro M3 Max 14’’ e 16’’

Il MacBook Pro da 14″ e 16″ con M3 Max ha performance e capacità che si spingono ai limiti del computing. Con una GPU impressionate e una CPU potente, insieme al supporto per fino a 128GB di memoria unificata, MacBook Pro con M3 Max rende possibili flussi di lavoro estremi e multitasking tra app professionali per chi lavora in ambiti quali programmazione di machine learning, creazione di contenuti in 3D e video editing. Inoltre, i modelli con M3 Pro e M3 Max ora sono disponibili anche nel colore nero siderale, una spettacolare finitura in alluminio scuro.
Il prezzo del MacBook Pro 14’’ M3 Max parte da 4.099 euro
Mentre il 16’’ parte da 4.349 euro, se poi si vuole sognare e creare il MacBook Pro M3 Max da 16’’ al masssimo delle sue possibiltà si arriva spendere 8.629 euro. Con CPU 16 core, 128 GB di memoria unificata, e unità SSD da 8 TB.
Anche se il MacBook Pro da 16 pollici parte da un prezzo molto più alto, non è poi molto diversorispetto a quello MacBook da 14 pollici se lo si equipaggia con una buona memoria e un disco da 8 TB.

Il nuovo colore Space Black

I nuovi modelli offrono anche un nuovo colore nuovo di zecca, si può avere l’elegante Space Black sia sul MacBook Pro da 14 pollici che su quello da 16 pollici, ma solo con un chip M3 Pro o M3 Max. Una scelta curiosa di Apple che limita una scelta colore ad una determinata famiglia di chip.

MacBook Pro M3, M3 pro, M3 Ma e scelte tecniche

La scelta di uno dei chip M3 influisce su alcune opzioni di configurazione. Con l’M3 base nel MacBook Pro da 14 pollici, si possono avere al massimo 24GB di memoria unificata, insieme ad un disco fisso di massino 2TB di storage. L’M3 Pro può avere fino a 36GB di memoria e fino a 4TB di storage, mentre l’M3 Max offre fino a 128GB di memoria unificata e 8TB di storage. Queste opzioni rimangano immutate sul MacBook Pro da 16 pollici, che viene fornito di serie con un adattatore per l’alimentazione da 140 watt.

Prestazioni M3 vs. M3 Pro vs. M3 Max

Apple afferma che l’M3 Max offre prestazioni CPU del 50% più veloci e prestazioni GPU del 20% più veloci rispetto all’M2 Max. In applicazioni reali, questo si traduce in circa il doppio delle prestazioni dell’M1 Max usando software come MathWorks e Maxon Redshift. Per contestualizzare meglio, Apple dichiara solo un miglioramento del 10% nella GPU per l’M3 Pro rispetto alla generazione precedente e nessun vantaggio della CPU.

L’M3 base non è potente quanto l’M3 Max, ma sembra più sorprendente dell’M3 Pro. Apple, infatti afferma, che offre prestazioni CPU e GPU fino al 20% più veloci rispetto all’M2, e prestazioni CPU fino al 35% più veloci e GPU fino al 65% più veloci rispetto all’M1. In pratica, questo si traduce nello per l’M3 con in una velocità maggiore del 40% rispetto all’M2 nell’applicazione di filtri ed effetti immagini.

MacBook Pro M3

Ecco i miglioramenti di prestazioni dichiarate da Apple per i MacBook Pro con Chip M3
Su MacBook Pro con chip M3:
• Il rendering in Final Cut Pro è fino a 7,4 volte più veloce rispetto a MacBook Pro 13″ con Core i7, e fino al 60% più rapido che su MacBook Pro 13″ con M1.
• La compilazione del codice in Xcode è fino a 3,7 volte più veloce rispetto a MacBook Pro 13″ con Core i7,3 e fino al 40% più scattante che su MacBook Pro 13″ con M1.
• Le performance in Microsoft Excel sono fino a 3,5 volte più veloci rispetto a MacBook Pro 13″ con Core i7,3 e fino al 40% più scattanti che su MacBook Pro 13″ con M1.

MacBook Pro M3 Pro

Qui miglioramenti di prestazioni dichiarate da Apple per i MacBook Pro con Chip M3 Pro
• Filtri e funzioni in Adobe Photoshop sono fino a 3 volte più veloci rispetto al più scattante modello di MacBook Pro con processore Intel,5 e fino al 40% più rapidi che su MacBook Pro 16″ con M1 Pro.
• I processi di base calling per il sequenziamento del DNA in Oxford Nanopore MinKNOW sono fino a 20 volte più veloci rispetto al più scattante MacBook Pro con processore Intel,5 e fino al 36% più rapidi che su MacBook Pro 16″ con M1 Pro.
• L’editing basato su testo in Adobe Premier Pro è fino a 1,7 volte più veloce rispetto a MacBook Pro 16″ con processore Intel,5 e fino al 30% più rapido che su MacBook Pro 16″ con M1 Pro.

MacBook Pro M3 Max

Ecco i miglioramenti di prestazioni dichiarate da Apple per i MacBook Pro con Chip M3 Max

• La simulazione di sistemi dinamici in MathWorks MATLAB è fino a 5,5 volte più veloce rispetto al più scattante MacBook Pro con processore Intel,5 e fino al doppio più rapida che su MacBook Pro 16″ con M1 Max.6
• Il rendering in Maxon Redshift è fino a 5,3 volte più veloce rispetto al più scattante MacBook Pro con processore Intel,5 e fino a 2,5 volte più rapido che su MacBook Pro 16″ con M1 Max.6
• La riduzione del rumore in Blackmagic DaVinci Resolve Studio è fino a 2,7 volte più veloce rispetto al più scattante modello di MacBook Pro con processore Intel,5 e fino al 65% più rapida che su MacBook Pro 16″ con M1 Pro.6

MacBook Pro M3 VS MacBook Pro Intel

Il nuovo MacBook Pro è un grande salto di qualità per qualsiasi utente, soprattutto per chi ha ancora un Mac con processore Intel. Il modello con chip M3 Max è 11 volte più veloce del più scattante MacBook Pro con Intel.5 Grazie all’efficienza energetica del chip Apple, per la maggior parte dei flussi di lavoro le ventole non si accendono nemmeno. La batteria può durare fino a 11 ore in più rispetto al modello di MacBook Pro con Intel,5 e diversamente dai PC portatili, MacBook Pro offre le stesse incredibili prestazioni sia quando è collegato a una presa di corrente sia quando non lo è. Il display Liquid Retina XDR è lo schermo per notebook migliore al mondo, con un’eccezionale luminosità di 1000 nit costanti e 1600 nit di picco per i contenuti HDR, un contrasto sbalorditivo, colori accesi e un angolo di visualizzazione sensazionale. Ora i contenuti SDR vengono mostrati con una luminosità che può raggiungere i 600 nit, ovvero il 20% in più di prima.

MacBook Pro M3: Display

Tutti i modelli di MacBook Pro hanno un brillante display Liquid Retina XDR con contenuti SDR il 20% più luminosi, una videocamera a 1080p, un sistema audio a sei altoparlanti per un suono avvolgente, e un’ampia gamma di opzioni di connettività. E con fino a 22 ore di autonomia,1 la gamma offre il massimo della portabilità pro, garantendo le stesse performance sia collegati alla corrente che senza alimentazione, così si può continuare a lavorare al meglio anche in movimento. Ègià possibile ordinare il nuovo MacBook Pro.
“MacBook Pro è semplicemente unico nel suo genere. Con le notevoli prestazioni in termini di efficienza energetica del chip Apple, fino a 22 ore di autonomia, uno spettacolare display Liquid Retina XDR e opzioni di connettività evolute, MacBook Pro permette a chi lo usa di fare il miglior lavoro della propria vita” ha detto John Ternus, Senior Vice President of Hardware Engineering di Apple. “Con i chip M3 di nuova generazione, abbiamo ridefinito ancora una volta lo standard di quello che un notebook professionale può fare. Siamo entusiasti di rendere MacBook Pro e le sue funzioni all’avanguardia disponibili per il bacino di utenza più ampio di sempre. E per chi arriva da un MacBook Pro con processore Intel, sarà un’esperienza in grado di sovvertire le regole del gioco, sotto ogni aspetto.”

Il modello M3 da 14 pollici: qualità a un prezzo accessibile

Il nuovo modello da 14 pollici usa il processore M3, cosa che ha permesso ad Apple di fissare un prezzo di partenza inferiore, rendendolo un’opzione più accessibile senza compromettere le troppo prestazioni.

Le novità portate dai nuovi chip

Più di un semplice aumento della velocità, i nuovi chip M3 presentano numerose ottimizzazioni e miglioramenti, come un’architettura grafica rinnovata, una maggiore efficienza energetica e supporto per la decodifica hardware AV1.


Nuovi MacBook Pro M3, M3 Pro, M3 Max: guida alle prestazioni - Ultima modifica: 2023-11-02T20:53:06+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Recent Posts

AI: piccolo è meglio, i vantaggi degli SLM contro gli LLM

Nella sfida dell'AI, la tendenza è che "piccolo è meglio". Mentre i grandi modelli linguistici…

6 giorni ago

Google punta tutto sull’AI generativa: Google Cloud Next 24

Google Cloud Next 24 ha concentrato l'attenzione sull'intelligenza artificiale generativa, sebbene le sfide di adozione…

6 giorni ago

Sicurezza e AI: la visione all’ Ignite On Tour Milano di Palo Alto Networks

All’evento Ignite On Tour Milano si sono svolte discussioni avvincenti su AI e sicurezza, con…

6 giorni ago

I manager diventano insegnanti grazie alla startup italiana Wibo

La startup edtech Wibo rivoluziona la formazione manageriale con Baricco, Farinetti e i migliori executive…

6 giorni ago

Seeweb: l’AI “Made in Italy” può essere la svolta per le nostre Pmi

L’intelligenza artificiale è la leva per l’innovazione delle piccole e medie imprese italiane, ma è…

2 settimane ago

OpenAI lancia l’intelligenza artificiale vocale: Voice Engine

OpenAI lancia Voice Engine: una AI che replicale voci umane con precisione, utile per l’accessibilità…

2 settimane ago

Digitalic © MMedia Srl

Via Italia 50, 20900 Monza (MB) - C.F. e Partita IVA: 03339380135

Reg. Trib. Milano n. 409 del 21/7/2011 - ROC n. 21424 del 3/8/2011