Telecamere di sicurezza: un malware le trasforma in botnet

Le telecamere a circuito chiuso sono progettate per rendere il mondo più sicuro, ma un malware può trasformarle in botnet

Le telecamere a circuito chiuso sono progettate per rendere il mondo più sicuro, ma un malware può trasformarle in qualcosa di pericoloso. I ricercatori di Incapsula hanno scoperto un codice che ha trasformato circa 900 telecamere Linux-based CCTV in botnet, una rete formata da dispositivi informatici collegati ad Internet e infettati da malware.
Gli intrusi hanno compromesso le telecamere di tanti brand e in alcuni casi i dispositivi sono stati hackerati da più di una persona. Si è trattato di un attacco DoS (Denial of service), relativamente semplice da contrastare con le dovute precauzioni.
Questo attacco ha messo in luce il potenziale pericolo insito nelle telecamere di sicurezza. Ci sono milioni di dispositivi connessi in tutto il mondo, molti dei quali non sono stati installati propriamente e facendo attenzione alla sicurezza informatica. Potrebbero essere usati – senza troppa difficoltà da parte degli hacker – per spiare le persone. Le aziende produttrici di sistemi di videosorveglianza dovranno porre maggior attenzione alla sicurezza dei dispositivi e formare i loro clienti su come proteggere se stessi.


Telecamere di sicurezza: un malware le trasforma in botnet - Ultima modifica: 2015-10-26T17:44:02+00:00 da Cecilia Cantadore

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!