Un sondaggio promosso da Microsoft e condotto da Vanson Bourne, rivolto ai responsabili aziendali di 15 paesi dell’Europa occidentale ha dimostrato come siano numerosi i benefici derivanti dalla flessibilità sul lavoro, tra questi: incremento di produttività, risparmio sui costi e un aumento della soddisfazione dei dipendenti. Insomma, lavorare non dall’ufficio piace alle azienda e anche ai dipendenti/collaboratori.

Ma c’è una questione che aspetta di essere risolta in modo deciso, quella dell’acceso alle tecnologie e alle reti aziendali da remoto. In un clima economico sempre più difficile e in assenza di una strategia tecnologica e di gestione che consenta di implementare integralmente stili lavorativi flessibili, i responsabili aziendali rischiano di perdere i molteplici vantaggi delle nuove modalità di lavoro, come i risparmi relativi agli immobili e alle spese di viaggio, l’aumento della produttività e la capacità di attirare e fidelizzare i talenti migliori.

“Le imprese che riscuoteranno successo in futuro saranno quelle che abbatteranno le barriere tra le persone, i luoghi di lavoro e le tecnologie e doteranno i loro collaboratori dei mezzi necessari per essere produttivi e creativi, ovunque si trovino. Già oggi, ad esempio, grazie alle potenzialità della tecnologia cloud computing, possiamo accedere alla posta elettronica su qualsiasi device, rimanendo sempre in contatto con i nostri colleghi con Office 365, oppure organizzare videoconferenze dal pc portatile per fare una riunione anche in mobilita’ grazie a Lync” – ha dichiarato Silvia Candiani, direttore Marketing & Operations di Microsoft Italia. “La sfida principale delle organizzazioni è accelerare quella che possiamo considerare una rivoluzione copernicana contemporanea: mettere le persone al centro dei processi e costruire ambienti di lavoro sempre più fondati su valori quali fiducia, responsabilità, orientamento agli obiettivi e motivazione”.

Un po’ di dati
Il vasto utilizzo dei computer in mobilità, insieme alla diffusione dei servizi cloud e dei social network da parte dei consumatori per scopi privati e lavorativi, sono diventati la forza trainante capace di favorire la diffusione del lavoro flessibile da parte delle imprese europee. Oggi, più del 74% delle imprese che rendono possibile il lavoro flessibile permette ai dipendenti di utilizzare i dispositivi personali anche per scopi lavorativi.

I responsabili aziendali seguono la tendenza alla consumerizzazione dell’IT perché ritengono che i loro dipendenti siano più produttivi quando utilizzano dispositivi personali per scopi lavorativi e che in questo modo diventi più semplice per loro lavorare in remoto. Il sondaggio, tuttavia, fa emergere un contrasto tra le richieste dei dipendenti, le nuove funzionalità tecnologiche e il modo in cui le imprese le adottano in modo strategico per rendere possibili nuove modalità di lavoro a beneficio della maggior parte dei dipendenti.

Nonostante il 66% fornisca una combinazione di portatile, smartphone e connessione al desktop remoto realmente in grado di consentire di lavorare ovunque, solo il 32% delle imprese con prassi lavorative flessibili fornisce connessioni ai desktop remoti per consentire ai dipendenti di lavorare fuori dall’ufficio.

Inoltre, sebbene l‘86% delle imprese ritenga che la tecnologia migliori la collaborazione, negli ultimi 12 mesi solo il 36% ha investito in almeno una tecnologia di comunicazione/collaborazione, come ad esempio messaggistica istantanea, collaborazione in tempo reale per la preparazione di contenuti o software per video conferenze.

Questi dati suggeriscono che le imprese stiano cercando di trovare il giusto equilibrio tra gli strumenti e le tecnologie in grado di aumentare la produttività dei dipendenti e i requisiti di sicurezza, privacy e conformità. In particolare, viene evidenziato come le aziende abbiano la necessità di impostare una strategia efficace di utilizzo della tecnologia in grado di portare benefici e maggiore produttività.

Lavoro flessibile? Le aziende lo promuovono, ma attuarlo non è semplice ultima modifica: 2012-04-10T15:38:15+00:00 da daniela.schicchi
Cloud Aruba GDPR

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!