Hardware & Software

Il networking va in cloud con Zyxel Nebula

La tecnologia IT è in gran parte diventata un servizio, funziona “as-a-service” grazie al cloud. Ci siamo tutti abituati a fare le cose in questo modo e ci piace l’enorme flessibilità che ci offre: la possibilità di accedere alle applicazioni da qualsiasi luogo e la gestione remota di software, dispositivi, reti e sicurezza.

Valerio Rosano, Regional Director Zyxel Italia e Iberia

Il networking in cloud

Anche il networking ora è in cloud con la soluzione che Zyxel mette a disposizione per ottenere una visibilità completa di tutti i dispositivi hardware della rete cioè Nebula Cloud Networking, la piattaforma centralizzata in cloud che consente di collegare, proteggere e gestire da remoto gli access point, i firewall e gli switch Zyxel compatibili, senza i costi e la complessità della gestione hardware o di sistemi di monitoraggio multi-livello.
In pochi minuti, è possibile configurare un’intera rete, senza neanche dover togliere dall’imballo i dispositivi. I device possono essere spediti a destinazione trasformando l’esperienza di installazione in un semplice plug and play che non richiede la presenza di un installatore in loco. Il networking si trasforma in un unpacking senza problemi.
Nebula offre, inoltre, una gestione centralizzata multi-tenant per un numero illimitato di sedi, configurazione e aggiornamenti semplificati in un’unica dashboard per tutti i dispositivi, una connettività di rete veloce e affidabile e una protezione in tempo reale dagli attacchi informatici grazie alla partnership con alcuni dei principali fornitori di sicurezza di rete al mondo.

La cybersecurity passa dal cloud

La sicurezza informatica è oggi ancora più decisiva. Il lavoro ibrido che si è diffuso in tutto il mondo è destinato a restare. Questo nuovo ambiente di lavoro, che ha dato grande efficienza alle aziende, è diventato però anche terreno fertile per gli attacchi informatici, che hanno raggiunto numeri da capogiro tra il 2021 e il 2022. Il lato positivo è che le aziende stanno finalmente riconoscendo la gravità dei rischi correlati ai crimini informatici e stanno adottando misure di prevenzione e per la protezione dei dati.
“Questa crescente consapevolezza è incoraggiante. afferma Valerio Rosano, Regional Director Zyxel Italia e Iberia. “Tuttavia, molte organizzazioni si affidano ancora a soluzioni come i gateway convenzionali, senza motori UTM avanzati o con analisi in tempo reale dei dati. Un approccio ormai inefficace a deviare l’ampia gamma di minacce che le reti di oggi si trovano ad affrontare.

Nel 2022 Zyxel ha esteso la gestione Nebula anche alle famiglie USG Flex e ATP. La possibilità di configurare e controllare le appliance di gestione avanzata delle minacce nel cloud e l’applicazione di configurazioni coerenti a tutti i dispositivi di rete, è senza dubbio un grande vantaggio sia per i clienti finali che per i partner rivenditori. La condivisione di informazioni tra i gateway di sicurezza, consente inoltre di applicare analisi intelligenti e di creare un anello difensivo sempre più efficace intorno alla rete attraverso Nebula, che diventa sempre di più uno strumento imprescindibile per la gestione delle reti nell’era della transizione digitale. Transizione che imprimerà un’ulteriore spinta al potenziamento dei servizi di monitoraggio e gestione delle minacce cyber.

Con la collaborazione in cloud, se un Firewall Zyxel rileva un nuovo Malware tramite l’utilizzo della sandbox, lo condividerà con il resto dell’ecosistema globale Zyxel, che grazie alla costante sincronizzazione dei database delle minacce, non dovrà analizzare nuovamente il file sospetto.
Un approccio collaborativo simile si ha anche con la difesa attiva della rete interna grazie alla condivisione di informazioni tra Firewall, Switch e Access Point. La difesa di rete collaborativa (CDR) offre un approccio unificato alla sicurezza delle reti che è particolarmente utile per le organizzazioni che utilizzano il cloud, perché permette di condividere informazioni sulle minacce e le vulnerabilità in tempo reale al fine di isolare i dispositivi compromessi.
Anche le micro realtà di rete come i B&B e le piccole caffetterie possono proteggere la loro rete dalle minacce informatiche attraverso l’adozione di soluzioni di sicurezza per access point Zyxel come Connect & Protect (CNP). Un pacchetto di facile utilizzo perfetto per sfruttare l’ampia gamma di funzioni di sicurezza Zyxel senza i costi e la complessità spesso associata alle impostazioni di sicurezza di rete.

La semplicità di configurazione, la velocità e la fluidità della connettività per tutti gli utenti connessi al WiFi, insieme a una protezione dalle minacce solida e affidabile, rendono Connect & Protect la soluzione perfetta per le piccole imprese. Tutte le funzioni sono predefinite e, anche in questo caso, la configurazione dei dispositivi può essere gestita in remoto attraverso Nebula.

Sicurezza certificata e garantita

Zyxel si avvale della partnership con i principali fornitori di sicurezza di rete al mondo, ed è tra i 7 marchi al mondo ad essere certificato sia con Amazon Web Service che con Azure. Per oltre 20 anni consecutivi ha conseguito la Certificazione di Eccellenza ICSA Labs, l’ente che effettua test e certificazioni indipendenti di prodotti IT e dispositivi di rete per la sicurezza, misurando la conformità, l’affidabilità e le performance dei principali vendor di tecnologia del mondo.

 

Digitalic per Zyxel

 


Il networking va in cloud con Zyxel Nebula - Ultima modifica: 2023-02-15T20:24:38+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Recent Posts

Il podcast dei cervelli in fuga dall’Italia: “The Roads Not Taken”

“The Roads Not Taken” è un format realizzato da Guglielmo Giuggioli che intervista i ricercatori…

18 ore ago

Quanto è la capacità di memoria del cervello umano? 1 Petabyte

Quanto è la capacità di memoria del cervello umano? Quanti dati può archiviare? 1 Petabyte:…

21 ore ago

Google Bard diventa Gemini e aggiunge nuove funzioni e un’app

Da Google Bard a Gemini, l’AI di Big G cambia non solo di nome ma…

3 giorni ago

Sanremo 2024, Angelina Mango batte Geolier anche sui social: i dati

La classifica social di Sanremo 2024, una lista completa dei big in base ai follower…

5 giorni ago

MasterChef Italia: chi è il giudice più seguito sui social?

MasterChef Italia: giudici e classifica social. Antonino Cannavacciuolo è il più seguito con 3,09 milioni…

1 settimana ago

Cybersecurity: attenzione agli attacchi GenAI

Le previsioni di Trend Micro sulle minacce che caratterizzeranno il 2024, dalla GenAi alle blockchain

1 settimana ago

Digitalic © MMedia Srl

Via Italia 50, 20900 Monza (MB) - C.F. e Partita IVA: 03339380135

Reg. Trib. Milano n. 409 del 21/7/2011 - ROC n. 21424 del 3/8/2011