GitHub: il network per gli sviluppatori e non solo

Una delle più riuscite applicazioni di sistema di controllo versione distribuito: GitHub è lo strumento perfetto per i tuoi progetti più complessi

Uno strumento per migliorare e rendere più efficiente il lavoro in team, anche da remoto: GitHub è il tool che semplifica la collaborazione tra professionisti.

github

Quando si lavora ad un importante e complesso progetto con l’ausilio degli strumenti informatici, spesso si rende necessaria la realizzazione di più versioni dello stesso file.
Può succedere nella creazione di un’immagine, oppure di un testo, ma anche di un progetto o di un pezzo di codice: nella cartella dedicata a questo lavoro spesso ritroviamo più file con lo stesso nome, ma che differiscono per il numero progressivo secondo cui sono stati creati, o per l’aggiunta di diciture che permettono di individuare la versione del file più recente e aggiornata.

Ogni volta che viene apportata una modifica ad un file, per evitare di perdere la progressione del lavoro, e di riuscire a tenere traccia della cronologia delle modifiche, si ricorre ad un’operazione piuttosto macchinosa – spesso lunga e dispendiosa –, ovvero quella di ricopiare tutto il lavoro eseguito fino a quel momento in un nuovo file, e di procedere solo dopo con le modifiche più opportune.

Proprio per venire incontro alle esigenze di quanti hanno bisogno di conservare la traccia evolutiva dell’intero progetto, esistono fantastici strumenti che permettono di fare il lavoro più impegnativo di archiviazione, salvataggio e tracciamento delle modifiche, lasciando all’autore la possibilità di concentrarsi solo sulle cose importanti.

Si chiama sistema di controllo versione distribuito, e si può trovare nella forma di svariati servizi che mettono a disposizione una preziosa capacità informatica: nelle prossime righe conosceremo GitHub, un potente alleato di tutti i professionisti.

Cos’è GitHub

Utilizzato in modo più massiccio dagli sviluppatori, GitHub è un sito web che mette a disposizione di tutti la semplificazione del lavoro di squadra, ma anche la possibilità di tenere sempre sotto mano qualsiasi tappa nell’evoluzione di un progetto.
Da molti designato come il “social network degli sviluppatori”, GitHub permette a chiunque di caricare il codice sorgente dei propri programmi e di condividerlo con altri utenti.
Attraverso un sistema di commenti, i membri di questa singolare community possono fare domande o segnalare bug all’interno di una specifica porzione di codice, consentendo allo sviluppatore proprietario di correggere errori e di migliorare in maniera sensibile l’efficacia del proprio software.

Acquisito nel giugno 2018 da Microsoft per 7.5 miliardi di dollari, questo interessante strumento viene utilizzato al giorno d’oggi non soltanto da sviluppatori che creano codice, ma anche da diverse figure professionali – e non – per gli scopi più disparati, come ad esempio:

  • Sviluppo di progetti e di software;
  • Stesura delle tesi di laurea;
  • Utilizzo di uno spazio web per l’archiviazione di file, foto e video;
  • Vetrina per il lavoro degli sviluppatori;
  • Clonazione di codice libero.

GitHub è infatti un host che può essere utilizzato come mero spazio web, sfruttato come meglio si crede e per rispondere ad esigenze di vario tipo. Per molti versi, GitHub rappresenta un metodo di lavoro innovativo, che consente a più persone di lavorare sullo stesso file in maniera ordinata, e senza correre il rischio di perdere parti fondamentali di un progetto.
Non è necessario essere nello stesso ufficio: è possibile lavorare anche da remoto sullo stesso progetto, collegandosi ognuno dalla propria postazione e intervenire sul progresso del lavoro apportando modifiche e migliorie. Tutto senza sovrascrivere né il progetto originario, né le modifiche altrui: ogni intervento sarà visibile a tutti mediante una semplice sincronizzazione.

Come funziona

Innanzitutto, per utilizzare GitHub è necessario creare un account dedicato: è sufficiente collegarsi al sito github.com, scegliere un username, inserire il proprio indirizzo e-mail e indicare una password per il proprio profilo.
Una volta effettuato l’accesso, è possibile iniziare un nuovo progetto creando un repository, spesso abbreviato in repo, ovvero il luogo virtuale in cui vengono stipati tutti i file e le loro diverse versioni durante la realizzazione di un progetto GitHub.

Subito dopo la creazione del file “readme”, che potrà contenere le istruzioni per quanti arriveranno in seguito sul progetto, è possibile passare alla realizzazione vera e propria del file.
In futuro, sarà possibile tornare sullo stesso mediante il pulsante di modifica: a questo punto si potranno aggiungere modifiche, etichettate attraverso un pratico campo di descrizione, per trovare una facile indicazione delle stesse anche a posteriori.

La peculiarità di GitHub è che si tratta di uno strumento gratuito: chiunque può aprire un account e iniziare da subito a lavorare con l’ausilio di questo importante tool, rendendo pubblico il proprio operato e quindi visibile anche da altri utenti. Per coloro che, invece, hanno necessità di lavorare su un progetto privato, è possibile sottoscrivere un abbonamento: nella sua versione a pagamento GitHub rende privati i progetti, in modo tale da essere visibili solo a coloro che hanno l’accesso per lavorare sugli stessi.

I vantaggi di GitHub

GitHub resta lo strumento prediletto per chi lavora da remoto, riuscendo a coordinare il lavoro di più persone anche da vari angoli del pianeta.
Il punto forte di GitHub affonda di certo le sue radici nell’animo del sistema di controllo versione, che permette di aggiornare un progetto senza dover intaccare le sue versioni precedenti, attraverso un sistema ramificato che consente tanto di tenere traccia di ogni progresso, quanto di evitare la perdita del lavoro nel caso in cui si renda necessario tornare alla versione precedente.

Ma l’aspetto social di GitHub presenta potenzialità da non sottovalutare: la community è il vero asso nella manica di questo servizio, che si muove per contribuire ad un progetto indicando errori, o intervenendo per apportare migliorie laddove l’autore dovesse incontrare difficoltà. Ma è lo spazio perfetto anche per dissipare dubbi e rispondere alle domande poste in nuove discussioni da altri utenti, oppure per suggerire persone esperte nel campo che possono aiutare a risolvere i problemi riscontrati.

Quando tutti gli sviluppatori che hanno contribuito alla realizzazione di un codice avranno approvato le modifiche al progetto, sarà possibile renderle effettive sulla cronologia originaria: GitHub sventa il pericolo di perdita di dati e progressi importanti, favorendo sia gli sviluppatori che tutti i professionisti nella realizzazione di progetti che si evolvono in più versioni.


GitHub: il network per gli sviluppatori e non solo - Ultima modifica: 2019-01-31T08:30:25+00:00 da Maria Grazia Tecchia
IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!