Il servizio di storage in cloud di Mountain View si rinnova e torna in una veste pratica ed economica: le novità per i clienti business di Google Drive che ricevono l’upgrade automatico a Google One.

Google One

Lo aspettavamo ormai da svariati mesi, ma il nuovo Google One continuava a sfuggire al nostro paese: il rollout era atteso prima negli Stati Uniti, e finalmente ha raggiunto anche il Belpaese.
Le novità sono tutte quelle che Big G ci aveva già anticipato, e riguardano soprattutto il ripensamento del servizio offerto per lo storage dei dati in cloud per tutti coloro che usufruiscono di un profilo a pagamento di Google Drive.

Google One in Italia: cosa cambia

È stata una mail ad avvisare tutti coloro che hanno un account Google dell’importante novità, con l’annuncio tanto atteso dell’attivazione del servizio anche in Italia.
Nello specifico, Google One andrà a sostituire i pacchetti a pagamento di Google Drive ma farà molto di più: si tratta di un unico servizio che metterà a disposizione degli utenti uno spazio esteso per accogliere tutti i dati e i file necessari all’attività lavorativa (e non solo).

Google One, infatti, prevede uno spazio unico dove poter stipare tutti i documenti di Google Drive, ma anche le e-mail di Gmail e, non da meno, foto e video della galleria dello smartphone archiviati nel comodissimo Google Foto.

Disponibile in diversi pacchetti con costo variabile in base alla quantità di spazio che occorre, Google One presenta il seguente listino prezzi:

  • 100 GB a 1.99 euro al mese;
  • 200 GB a 2.99 euro al mese;
  • 2 TB a 9.99 euro al mese;
  • 10 TB a 99.99 euro al mese;
  • 20 TB a 199.99 euro al mese;
  • 30 TB a 299.99 euro al mese.

I benefici dell’arrivo di Google One, però, vanno oltre la rimodulazione dei piani tariffari precedenti a condizioni più vantaggiose, dal momento che chi sottoscrive un abbonamento a One potrà avere accesso a diversi extra. Ad esempio, chi usa Google One avrà crediti riservati per Google Play, ma anche sconti su prenotazione di alberghi trovati su Google.
Oltre ad uno spazio maggiore offerto per l’archiviazione, un titolare di account Google One può usufruire dell’assistenza continua di Google in caso di bisogno di supporto.

Infine, la possibilità di utilizzare un buon volume di spazio nel cloud di Google, può essere condivisa con altri membri della famiglia: l’abbonamento a One può essere quindi condiviso con altre persone del gruppo famiglia fino ad un massimo di 5 persone. Tutte potranno utilizzare lo spazio dello stesso abbonamento, sfruttando la propria quota personale a disposizione.

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!