Dalle auto elettriche ai mezzi di trasporti condivisi, dai robot che puliscono i fondali marini alla casa che si sposta: la mobilità si fa verde

*di Antonella Tagliabue

Iniziamo dal codice della strada.

Prendere una multa non è mai piacevole ma potrebbe essere in parte consolatorio se la Polizia Locale, pur non essendo amica vostra, ha scelto di stare dalla parte dell’ambiente. Poche settimane fa è entrata in servizio la vettura Nissan e-NV200 realizzata per il Comune di Magliano Sabina, in provincia i Rieti, tra i più eco-friendly in Italia con le sue dieci colonnine di ricarica per auto elettriche, una ogni 380 residenti.

Nissan e-NV200 è un furgone elettrico presentato a Roma lo scorso febbraio, all’interno della mostra “The Japanese House”. È un mezzo elettrico al 100% e un vero e proprio ufficio multifunzionale a zero emissioni. Ha un’autonomia di 170 chilometri all’ora ed è dotato di una “configurazione 2+1”, cioè di due postazioni da lavoro conformi per la marcia in cabina, oltre che di scrivania, cassettiere e comparti per le attrezzature tecniche. Un impianto elettrico supplementare 12V in corrente continua e 230V in corrente alternata può alimentare un personal computer portatile, una stampante e un fax per almeno dodici ore, oltre che la dotazione standard dei mezzi di soccorso: fari lampeggianti, sirena bitonale per la segnalazione di emergenza, barre a ponte e faro di ricerca.

Mobilità verde

Mobilità verde non significa solo terraferma. Per ripulire l’acqua inquinata di oceani e mari c’è il nuovo Eco-Mobile Robot di Ejiuson Ueda. A prima vista ha l’aspetto di una piattaforma petrolifera ma la differenza c’è, eccome se c’è. Ogni Eco-Mobile Robot utilizza dei sensori per analizzare la qualità dell’acqua e, attraverso un sistema di pompe, è in grado di risucchiare l’acqua inquinata trattenendo i rifiuti e le sostanze dannose, restituendo al mare l’acqua pulita. Ogni piattaforma è collegata via satellite a una centrale operativa per eventuali interventi in condizioni di emergenza. I rifiuti sono immagazzinati in appositi serbatoi e smaltiti successivamente a terra, in modo sicuro e pulito.

Per gli amanti del verde in ogni luogo sono in arrivo i fondali mobili vegetali, che possono essere utilizzati ovunque. Il Wegarden è infatti un giardino su ruote collocato all’interno di cassoni scarrabili; per intenderci tipo quelli usati in edilizia per il deposito e il trasporto dei materiali di risulta. Sono portatili e personalizzabili; giardini per una notte, una settimana o fino a quando volete. Si adattano all’arredamento e alla costruzione di scene come fondali vegetali, oppure si possono “abitare” con l’utilizzo di piccoli arredi. Si prestano a cerimonie e allestimenti pubblici di ogni tipo, in una gamma potenzialmente infinita di soluzioni.

Vehicle sharing

Se invece siamo noi a doverci spostare, i dati confermano che nel corso dei prossimi anni le piattaforme di vehicle sharing diventeranno di uso comune, per muoversi in città e fuori. Dal car sharing al car pooling aumenta infatti la consapevolezza che privilegia l’utilizzo dei veicoli, rispetto alla proprietà. Un cambiamento di abitudini che, secondo l’ultimo Rapporto Nazionale sulla Sharing Mobility, è favorito dallo sviluppo di apposite applicazioni multimediali.

Urbi, la app della mobilità urbana condivisa

Secondo il Rapporto, attualmente l’app dedicata più scaricata è Urbi, disponibile in undici città italiane e sette della Germania oltre a Madrid, Vienna, Copenaghen, Stoccolma e Amsterdam. Urbi include i principali servizi di mobilità urbana e condivisa: auto, scooter, bici, trasporto pubblico, noleggio a chiamata (MyTaxi e Uber). Indica i tempi, i costi e le modalità per raggiungere il punto desiderato sulla base dei servizi nelle vicinanze di chi effettua le ricerche e alle condizioni del traffico.

Coodo, la casa che si sposta

Se oltre a spostarvi volete anche vivere mobile e green oggi potete scegliere Coodo, una casa dotata di tutti i comfort completamente sostenibile che può essere trasportata ovunque. È una casa prefabbricata di dimensioni diverse, da 36 a 96 metri quadrati. Realizzata con materiali a basso tenore di inquinamento, è ecologica, sostenibile e naturale e dotata di sistema di efficientamento energetico. Per i più avventurosi alla ricerca di un’emozione in più Coodo è disponibile anche in versione galleggiante.

punto g mobile

*Antonella Tagliabue: Amministratore delegato della società di consulenza strategica di Un-Guru, esperta di sviluppo sostenibile. Laureata in Scienze Politiche, con specializzazione in Storia e Istituzioni dell’America Latina. Si è occupata di comunicazione e marketing per multinazionali e gruppi italiani. Da anni si occupa di Green Economy e di responsabilità sociale e ambientale d’impresa, insegna in corsi e master. “Penso che la sostenibilità debba essere una scelta, prima che un dovere, ma che debba essere strategica e, quindi, responsabile. Quando parlo del Pianeta lo faccio con la P maiuscola e credo che il rispetto per la vita in senso biologico debba essere un istinto”. Leggo, viaggio e scrivo per passione. Camus diceva: “Sono contro tutti coloro che credono di avere assolutamente ragione. Per questo pratico il dubbio, coltivo i miei difetti, cerco di sbagliare sulla base di ragionevoli certezze e mantengo un ottimismo ostinato”.

 

50 sfumature di verde, il green diventa sexy e mobile ultima modifica: 2017-07-11T10:05:45+00:00 da Web Digitalic
IQ Test WIFI

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!