Microsoft Surface Pro 5: prezzo e caratteristiche

Microsoft Surface Pro 5: prezzo e caratteristiche

Microsoft ha lanciato il nuovo Surface Pro. Sebbene molti si aspettassero un ibrido tablet / laptop, il nuovo di Microsoft sarà semplicemente il “ Surface Pro 5 ”.
A prima vista, il nuovo Surface Pro sembra ricordare il vecchio Surface Pro 4, ma è l’interno a contare questa volta. “È un cambiamento significativo” spiega il capo di Surface di Microsoft, Panos Panay “Ci sono circa 800 nuove parti personalizzate nel nuovo Pro”. Queste nuove parti personalizzate sono tutte dotate di una grande raffinatezza.

Surface Pro 5 con processore Intel Kaby Lake di settima generazione

Microsoft sta aggiornando il Surface Pro verso un nuovo processore Intel Kaby Lake di settima generazione, con un design che non prevede che ci siano ventole sui modelli Core m3 e Core i5. Questo switch di processori e alcuni miglioramenti nel sistema operativo Windows 10, fanno sì che Microsoft possa garantire una durata della batteria di almeno 13.5 ore.
Si tratta di un fattore di crescita enorme rispetto al Surface Pro 4 e se le affermazioni di Microsoft dovessero risultare accurate, allora il nuovo modello avrà una durata della batteria superiore del 50% rispetto al modello precedente. I modelli Core m3 e i5 verranno rilasciati con un design senza ventole, il modello superiore, Intel Core i7, ne include ancora una.

Autonomia e design del Surface Pro 5

“Non si tratta soltanto di un cambiamento del processore” afferma Panay. “Abbiamo utilizzato Kaby Lake, perché rappresenta l’ultima generazione di processori. Ma l’SSD integrato nella scheda madre a fare la differenza e sono i cambiamenti dell’architettura fondamentale che rendono Surface l’eccellenza di Windows. La batteria ora dura 13,5 ore e il dispositivo è un prodotto più leggero rispetto alla generazione precedente”.
Così come per il Surface Laptop, Microsoft promette un miglioramento della modalità sleep con il nuovo Surface Pro, in modo da poter aprire e chiudere con sicurezza il dispositivo e mantenere la durata della batteria, fattore che era già stato lamentato come problema per il Surface Pro 4 e il Surface Book, ma sembra che Microsoft lo abbia risolto definitivamente con i suoi ultimi dispositivi Surface Laptop e Pro.

Un nuovo aspetto per il Microsoft Surface Pro 5

Nelle foto è difficile mostrare esattamente il modo in cui sia cambiato con il nuovo Surface Pro 5, ma ci sono alcune differenze sottili. La bocchetta di areazione perimetrale è stata ridotta attorno al dispositivo, quindi non è più così evidente e consente che i bordi arrotondati lo rendano migliore quando lo si usi come tablet. Mentre i modelli Core m3 e Core i7 hanno lo stesso peso, il Core i5 è stato ridotto, rendendosi molto simile al 4.

Altre modifiche sottili includono un nuovo design delle cerniere. Microsoft ha adottato lo stesso Surface Studio da 165 gradi per il Surface Pro 5, garantendo che fosse piuttosto piatto. La cerniera non scatta più (per sicurezza) e nemmeno in caso di pressione prolungata, Microsoft assicura che la cerniera non si romperà. Le cerniere di superficie di Microsoft sono sempre state robuste in passato, quindi è facile da credere.
Oltre alle cerniere, Microsoft include anche il Surface Dial support sul display del Surface Pro. È possibile utilizzare la casella di controllo proprio come già accade in Surface Studio, collocandolo in cima al display per interagire con applicazioni come Sketchable. Microsoft ha anche intenzione di includere questo supporto sul Surface Book e sul Pro 4 in un secondo momento.

La penna del Microsoft Surface Pro 5

Uno dei più grandi cambiamenti è la nuova penna Surface, acquistabile separatamente per $ 99. Sebbene funzionerà sui dispositivi esistenti, una nuova funzionalità di inclinazione è stata resa disponibile solo per Surface Pro, almeno per ora. L’inclinazione rileva l’angolo della penna per consentire l’ombreggiatura e una migliore precisione per l’inchiostro. Si tratta di una richiesta esplicita da parte egli utenti che si avvalgono dei tablet Wacom e Microsoft finalmente mette la funzione a disposizione.

Microsoft ha anche portato il livello di sensibilità alla pressione a 4096, accanto ad una riduzione della forza di attivazione, rendendo lo strumento ancora più reattivo. Anche la penna è stata ulteriormente migliorata e Microsoft ha rimosso la clip nella parte superiore del dispositivo.

Una tastiera di stoffa, prezzo

Proprio come per il Surface Laptop, Microsoft si avvale di Alcantara per la tastiera di Surface Pro. Le cover di supporto di Surface Pro nelle varianti Platino, Bordeaux e Cobalto, saranno disponibili separatamente a $159, accanto a una normale cover nera non in Alcantara per $129. La nuova penna Surface sarà disponibile anche in questi stessi colori per abbinare il tutto al meglio. Purtroppo, proprio come accade già con il Surface Laptop, non ci sono porte USB-C sul Surface Pro. È lo stesso connettore Surface, USB e mini DisplayPort che si trova Surface Pro 4.

Connettività LTE

Per la prima volta, Microsoft offrirà anche un modello con connettività LTE. La versione LTE supporterà micro SIM e eSIM e avrà un prezzo leggermente superiore rispetto ai modelli senza supporto LTE. Microsoft non sta rivelando prezzi esatti e nemmeno le date di rilascio e tantomeno quale processore alimenterà il Surface Pro con LTE. È possibile che Microsoft possa optare per un Surface alimentato ARM. Le versioni LTE dovrebbero essere disponibili entro la fine dell’anno.
I dispositivi Surface Pro di Microsoft sono i più popolari nella gamma proposta dall’azienda, con alcune stime che suggeriscono che più del 70 % di tutti i dispositivi Surface negli Stati Uniti siano Surface Pro. Questo rende questo aggiornamento un importante per lo sforzo di Surface di Microsoft.

Microsoft Surface Pro prezzo

“Credo che sarà il più veloce in termine di adozione che sia mai stato rilasciato dalla nostra società” sostiene Panay. “C’è una ragione per questo, il marchio è qui e ci sono persone che l’hanno aspettato a lungo. Farà parlare di sé a lungo”.
Il nuovo Surface Pro di Microsoft è disponibile per il prevendita a partire da $ 799 e nei negozi dal 15 giugno in almeno 26 paesi.
microsoft surface pro 5

Western Digital: più capacità di memoria per i Nas WD Red e WD Pro

Western Digital: più capacità di memoria per i Nas WD Red e WD Pro

Western Digital Corporation, azienda leader nelle tecnologie e soluzioni per lo storage, ha annunciato oggi l’estensione della capacità di memoria della linea di pluripremiati hard drive per NAS WD Red® e WD Red Pro, con l’introduzione di nuovi modelli a 10TB di memoria, ottimizzati per essere usati in ambienti NAS privati, domestici e di piccole o medie imprese. Ad oggi Western Digital ha messo a disposizione di numerose applicazioni, tra cui anche i sistemi NAS, oltre 15 milioni di drive helium-based a elevata capacità di storage e continua a supportare i propri clienti con soluzioni a capacità e affidabilità sempre più estese. La linea di dischi rigidi per NAS WD Red, consente ai clienti una diversa gamma di soluzioni per soddisfare ogni loro esigenza di storage NAS, in continua evoluzione.

“A luglio 2012 abbiamo introdotto sul mercato la linea WD Red, per rispondere alle esigenze in campo di prestazioni, compatibilità e scalabilità dei nostri clienti che operano in ambienti NAS domestici o di piccole dimensioni”, ha dichiarato Brendan Collins, Vice President, Devices Business Unit di Western Digital. “Oggi, cinque anni dopo e con oltre 16 milioni di hard drive WD Red prodotti, continuiamo a implementare la piattaforma, rendendo la nostra piattaforma HelioSeal e altre tecnologie innovative, in grado di supportare i clienti soddisfando le loro esigenze cloud in continua evoluzione.”

WD Red 10TB: hard drive per NAS

Lanciato nel 2012, l’hard drive WD Red è progettato per rispondere alle specifiche esigenze degli ambienti NAS e alla crescente richiesta, da parte dei clienti, di una soluzione per lo storage affidabile, compatibile e ad un prezzo competitivo. Creata sulla tecnologia Western Digital, HelioSeal®, WD Red 10TB è un hard drive che offre le più alte capacità di memoria e prestazioni ed è in grado di rispondere alle esigenze dei sistemi NAS da 1 a 8 alloggiamenti di uno storage sempre maggiore. Il design helium-based consente il 25% di capacità in più rispetto alla WD Red da 8TB.
Per NAS con un numero superiore di alloggiamenti in sistemi a torre e rack, il disco rigido della famiglia WD Red Pro da 10TB può offrire le stesse elevate prestazioni, affidabilità e capacità (raccomandato per NAS fino a 16 alloggiamenti).

Caratteristiche e specifiche:

WD Red / WD Red pro 10TB
• HelioSeal: la quarta generazione dell’esclusiva tecnologi HelioSeal di Western per i 10TB di capacità, viene introdotta nel mercato dello storage per NAS
• 3D Advance Balance Plus, una tecnologia di controllo del bilanciamento avanzata che migliora prestazione ed affidabilità complessive del drive
• Perfetta integrazione con My Cloud®Series NAS di Western Digital e My Cloud Expert Series NAS, creati specificatamente per il mondo creativo, per consentire un trasferimento di contenuti senza precedenti, tra diversi dispositivi e in ogni luogo ci si trovi, in remoto o da casa
• NASware® 3.0, una versione migliorata della tecnologia NASware di WD, progettata per migliorare l’affidabilità e le prestazioni del sistema, ridurre i tempi morti del cliente e per semplificare il processo di integrazione
• Classe di prestazioni ottimizzata: 5400 RPM per gli ambienti SOHO (WD Red) , 7200 RPM per un massimo di 16 sistemi NAS (WD Red Pro)

Si stanno finalizzando i test di compatibilità di WD Red e WD Red Pro 10TB con diversi fornitori dei principali sistemi NAS.

Disponibilità:

I nuovi dischi rigidi WD Red e WD Red Pro 10TB sono disponibili in Italia presso rivenditori selezionati e distributori autorizzati di WD. I dischi rigidi WD Red 10TB per NAS hanno una garanzia limitata di tre anni e un prezzo consigliato di $494.00 (modello #: WD100EFAX). I drive WD Red Pro 10TB dispongono di una garanzia limitata di cinque anni e un prezzo pari a $533.00 (modello #: WD101KFBX).

western digital

NVIDIA aumenta la potenza di calcolo dell’AI con Volta e Tesla V1007

NVIDIA aumenta la potenza di calcolo dell’AI con Volta e Tesla V1007

Nvidia è all’avanguardia nell’utilizzo di GPU per applicazioni di AI e di machine learning e ha da poco presentato l’architettura di calcolo Volta GPU e il data center GPU Tesla V100.

L’intelligenza artificiale (AI) e il machine learning rappresentano degli sviluppi tecnologici incredibilmente importanti che richiedono enormi quantità di potenza di calcolo. Microsoft – attualmente – sta tenendo la conferenza per gli sviluppatori Build 2017 e non figura alcun prodotto che, in un modo o nell’altro, non integri l’AI o l’apprendimento automatico.

Uno dei modi migliori per progettare il miglior tipo di infrastruttura di calcolo ad alta velocità è l’utilizzo delle GPU, che può essere più efficiente delle CPU di uso comune.

Nvidia ha definito Volta come la “più potente al mondo” e l’ha costruita con 21 miliardi di transistor che forniscono prestazioni di apprendimento approfondito pari a 100 CPU. Ciò equivale a cinque volte la performance dell’architettura Pascal in termini di picco di teraflops e 15 volte la performance di Maxwell. Secondo Nvidia, le prestazioni di Volta quadruplicano quel miglioramento che la legge di Moore prevede.

Secondo Jensen Huang, fondatore e amministratore delegato di Nvidia “L’apprendimento approfondito, ovvero la forma di approccio innovativo di AI che crea un software per computer che impara, ha una domanda insaziabile di potenza di elaborazione. Migliaia di ingegneri della Nvidia hanno impiegato tre anni a costruire Volta non solo per aiutare a soddisfare questa esigenza, ma anche per consentire all’industria di comprendere il potenziale in grado di cambiare la vita di tutti grazie all’AI”.
nvidia data-center-tesla-v100-pcie-625-ud2x-640x0

Oltre all’architettura Volta, Nvidia ha anche presentato data center GPU Tesla V100, che incorpora una serie di nuove tecnologie. Essi includono quanto segue, secondo quanto comunicato nell’annuncio da Nvidia:
Tensor Cores, progettati per accelerare i carichi di lavoro dell’AI. Dotata di Tensor Cores 640, la V100 offre 120 teraflop di prestazioni di apprendimento approfondito, equivalenti alle prestazioni di 100 CPU.
Nuova architettura delle GPU con oltre 21 miliardi di transistor. Unisce i nuclei CUDA e i Tensor Cores all’interno di un’architettura unificata, fornendo la prestazione di un supercomputer AI in una singola GPU.
NVLink fornisce la prossima generazione di interconnessioni ad alta velocità che collegano le GPU e le GPU alle CPU, il doppio di NVLink di prima generazione.
900 GB / sec HBM2 DRAM, sviluppato in collaborazione con Samsung, raggiunge il 50% in più di larghezza di banda di memoria rispetto alle GPU della precedente generazione, essenziale per supportare la straordinaria velocità di elaborazione di Volta.
Software ottimizzato per Volta, inclusi i software CUDA, cuDNN e TensorRT, che sia i framework che le applicazioni possono sfruttare per accelerare l’AI e la ricerca.
Alcune organizzazioni stanno progettando di utilizzare Volta nelle loro applicazioni, tra cui Amazon Web Services, Baidu, Facebook, Google e Microsoft. Poiché l’AI e il machine learning sono sempre più integrati nella tecnologia utilizzata ogni giorno, probabilmente saranno soluzioni come le GPU Volta e Tesla V100 ad alimentarle.

Kombo, high-tech con stile

Kombo, high-tech con stile

Strettissimi, leggeri, rigorosamente high-tech e con il migliore rapporto prezzo/prestazioni. Queste le caratteristiche distintive di Kombo, la nuova serie di totem monolitici verticali, ultima nata in casa Domino Sistemi. Contraddistinti da design all’avanguardia e cornici sottili, i totem Kombo arricchiscono ulteriormente l’ampio catalogo di esclusive soluzioni tecnologiche per la comunicazione visiva proposte dall’e-shop DominoDisplay.com. serie kombo dominodisplay

Progettati dal reparto R&D interno e realizzati dal reparto produttivo di Domino Sistemi srl, questi totem sono disponibili nei formati 22”, 32” e 40”. Tutti equipaggiati con monitor Led professionali Samsung di ultima generazione (serie DB), con opzione touch per un’interazione ancora più facile e intuitiva. Inoltre, come tutte le soluzioni DominoDisplay.com, anche i totem Kombo possono essere potenziati con la release 2.0 di Palinsesto, suite proprietaria per il digital signage. Caratteristiche che amplificano la versatilità della loro destinazione d’uso che spazia dai classici punti vendita ai centri commerciali, dalle hall degli alberghi agli aeroporti, dai musei alle banche, dove è possibile installare anche più device collegati in rete.

I nuovi Kombo permettono di comunicare in maniera innovativa e con grande impatto visivo, a partire dal loro aspetto esteriore. Il look moderno ed elegante può essere completamente personalizzato grazie a pellicole adesive stampate in digitale e pannelli sagomati progettati su richiesta. Dettagli che permettono di modificarne l’estetica con facilità e in base alle informazioni veicolate dai contenuti multimediali.

“Il nostro obiettivo è offrire un range sempre più ampio di soluzioni messe a punto dai nostri designer, arricchite dal valore aggiunto di servizi esclusivi che spaziano dalla personalizzazione all’assistenza tecnica 2.0, e che rendono unica la nostra gamma. – afferma Alberto Masserdotti, CEO dell’omonimo Gruppo e fondatore di DominoDisplay.com – Un’offerta resa ancora più accessibile dalla nuova release dell’e-shop messa a punto dai nostri tecnici con l’integrazione di funzionalità inedite per rispondere alle esigenze di un’utenza che si sta dimostrando sempre più ricettiva”. Interamente rinnovata anche l’area dell’e-shop riservata ai rivenditori, che in soli tre anni hanno già raggiunto quota 900 su tutto il territorio nazionale. A questo network di partner professionali DominoDisplay.com dedica una sezione in cui consultare promozioni esclusive e accedere a tutti i marketing & sales tools messi a punto per supportarli nell’attività commerciale offline.serie kombo dominodisplay

Tesla Model Y: Elon Musk ne svela i dettagli

Tesla Model Y: Elon Musk ne svela i dettagli

Invece di riutilizzare le basi del Modello 3 o del Modello S, Tesla sta costruendo qualcosa di completamente nuovo per il tanto atteso Tesla Model Y. Tesla sta costruendo una nuova piattaforma di veicoli per il suo nuovo crossover.

Tesla Model Y: l’annuncio del SUV

Le novità arrivano direttamente da Elon Musk il quale si è rivolto agli investitori della società: “Costruire una nuova piattaforma richiede tempo” ha commentato, aggiungendo che “Il Modello Y dovrebbe raggiungere le linee di montaggio entro il 2020, ma potrebbe essere anche anticipato al 2019”. E con il modello Y la linea di modelli della Tesla comprenderà: S, 3, X, Y.

La nuova piattaforma

elon musk tesla model yCostruire una nuova piattaforma è un’operazione lunga e complessa per i produttori di automobili. Permettere ai veicoli di condividere componenti chiave migliora sia i margini che i costi di produzione se applicati a più veicoli. Come la maggior parte dei produttori di veicoli anche Tesla mette in atto questo meccanismo di produzione.

Il SUV della Tesla, il Model X, infatti non verrà costruito sulla piattaforma del Model S. Con la costruzione di un’altra piattaforma, la Tesla si sta preparando per la prossima generazione di veicoli che sarà diversa da tutti i modelli che l’azienda ha proposto fino ad ora.

Le batterie del Model Y a 12 V

Musk ha dichiarato che la sua società intende frenare l’architettura delle batterie a 12 volt usata nei veicoli Tesla. Non solo per ridurre la quantità di cablaggio, ma anche per ridurre il processo produttivo nell’intento di ottimizzare e migliorare i costi.

Tesla e altri produttori EV sono ancora dipendenti da molti sistemi e componenti – riscaldamento, sedili a motore, ad esempio – utilizzati in automobili tradizionali e tutti questi sistemi sono gestiti su un sistema a 12 volt. Se Musk riuscirà davvero a svincolarsi da questa piattaforma, dovrà convincere i fornitori di auto a seguire le sue azioni, collaborando attraverso la conversione di molti più sistemi rendendoli in-house.

Quando esce la Tesla Model Y

Musk parla del Model Y da mesi. Ma occorre ricordare che prima ancora del rilascio del Model Y, Tesla dovrà consegnare il Tesla Model 3, che andrà in produzione nel mese di luglio. Per il nuovo modello SUV si dovrà  aspettare il 2020.

Tesla Model Y

iPhone 8: immagini, scheda tecnica e data di uscita

iPhone 8: immagini, scheda tecnica e data di uscita

Apple iPhone 8 sarà il più importante iPhone di sempre. È  l’iPhone del 10° anniversario che dovrà rappresentare un vero salto tecnologico. La data di uscita di iPhone 8 è prevista per la fine del 2017. Apple non è solita divulgare i dettagli prima della presentazione ufficiale dei suoi dispositivi, ma non mancano i leak, le indiscrezioni e immagini di componenti e custodie che lasciamo capire già molto bene come sarà il nuovo modello.

iPhone 8 le immagini, il design

iPhone 8 perde il suo tasto home, per lasciare più spazio allo schermo. Ormai è una tendenza diffusa tra gli smartphone di punta dei diversi produttori che verranno rilasciati quest’anno, sembra che verrà meno il pulsante “home”, scelta che farà sì che il display possa occupare l’intero lato anteriore dello smartphone, la stessa scelta è già stata compiuta per l’LG G6 e per il Samsung Galaxy S8.

Un’ultimissima fuga di notizie mostra una fotocamera posteriore e nient’altro. Che cosa significa? Significa che non dovrebbe esserci più il touch ID e nemmeno un sensore per impronte digitali sul retro, che probabilmente verrà integrato allo schermo. Dalle immagini si vede che la fotocamera avrà uno sviluppo verticale come si nota anche dall’immagine di questa custodia. Ci si apsetta quindi 2 obiettivi, uno sopra l’altro per la nuova fotocamera.

iPhone 8 sarà in vetro e metallo
Secondo un’altra indiscrezione, confermate dalle foto del prototipo CNC fuoriuscito dagli stabilimenti produttivi, iPhone 8 avrà un vetro sia nella parte anteriore che posteriore e sembra che verrà realizzato con il corpo in metallo con le curvature tipiche dell’iPhone 6, 6s e 7. Nelle immagini vediamo chiaramente che mancano sia il pulsante home che il sensore.

Un grande schermo da 5,8” per iPhone 8

Il fronte dell’ iPhone 8 sarà quasi totalmentelo schermo, ed è proprio per questo che l’aspetto sarà così fondamentale. Secondo Know Your Mobile, Apple si rifornirà degli schermi OLED da 5.8 pollici della Samsung, scelta che garantirà colori più ricchi e velocità di aggiornamento più rapida.

Niente presa usb-c per l’ iPhone 8

Inoltre si vocifera che l’iPhone 8 avrà una SoC A11 con 3GB di RAM. La batteria sarà più grande e il dispositivo avrà una migliore resistenza all’acqua. Inoltre, Apple sceglierà per la porta Lightning anziché per l’USB di tipo “C”. Per quanto riguarda le fotocamere, il modello per il 10° anniversario di Apple sarà dotato di doppie fotocamere sul retro una delle quali supporterà gli scatti 3D automatici per i selfie.

Un’altra funzionalità intrigante è di sicuro la ricarica senza fili che potrebbe essere molto diversa da quella che Samsung offre attualmente nei suoi smartphone. Se le voci dovessero rivelarsi vere, Apple si farà pioniera della “vera” ricarica wireless che permette agli utenti di caricare i loro telefoni senza un cavo o un dock.

iPhone 8, la data di uscita

Per quanto riguarda la data di uscita dell’iPhone 8, per ora ci sono solo voci e speculazioni.

I ritardi del rilascio di iPhone 8 sarebbero imputabili a questioni tecniche riguardanti la tecnologia 3D. ci si aspetta comunque che venga rilasciato tra Ottobre e Novembre 2017, a ridosso del periodo natalizio.

Sta di fatto che Apple potrebbe ritardare il lancio ulteriormente nel caso in cui la tecnologia non riuscisse a soddisfare i requisiti della società. In alternativa potrebbe anche decidere di rilasciare un modello di iPhone 8 privo del sensore 3D, in modo da garantire il rilascio di un dispositivo perfettamente affidabile, in occasione del decimo anniversario di Apple.
iphone 8 immagini

Depositphotos 2017 May