Twitter: @IlTestardoBlog

Più grande, più potente, più sottile: ecco come si presenta il nuovo tablet “maggiorato” di Redmond che strizza l’occhio ai lavoratori mobili.
“Il tablet che può sostituire il tuo laptop”. Lo slogan cui Microsoft è ricorsa per annunciare anche in Italia il suo nuovo tablet, il Surface Pro 3 presentato a New York, rende bene l’idea di come (e perché) il gigante di Redmond abbia effettuato un sostanziale restyling al suo computer a tavoletta.

Microsoft, come molti avevano sospettato prima dell’evento, ha depistato i leaker e, di fatto, al momento non esiste alcun Surface Mini: niente tablet economico, niente schermo da 7 o 8 pollici. Solo Surface Pro 3.
La società di Redmond ha utilizzato l’intero keynote per presentare al pubblico presente e quello collegato in streaming le grandi novità della terza generazione. Innanzitutto, uno schermo ClearType da 12 pollici (2160 x 1440, 3:2), che allarga di 1,4 pollici il display integrato nel Surface Pro 2 (10,6 pollici). Panos Panay, vice presidente corporativo della divisione Surface di Redmond, ha focalizzato l’attenzione sulla necessità di avere tutto da un unico dispositivo. Per questo, la nuova dimensione non sarà ingombrante: il Surface Pro 3 pesa 800 grammi, un etto in meno della precedente generazione, ed è spesso 9,1

millimetri, salvando altri 4 millimetri rispetto al suo predecessore. A tal proposito, i confronti con la gamma di portatili firmati Apple non si sono sprecati. Il Surface Pro 3 è 30% più sottile del MacBook Air e del 50% rispetto al MacBook Pro.

Ecco la scheda tecnica completa:
• Dimensioni: spessore di 9.1 mm e peso di 800 grammi
• Scocca in Magnesio di colore argento
• Tasti fisici: Volume, Power, Home
• Memoria interna 64 GB, 128 GB, 256 GB, 512 GB
• Display da 12″ ClearType con risoluzione 2160 x 1440 pixel con pennino capacitivo con 256 livelli di pressione
• Wi-Fi 802.11ac/802.11 a/b/g/n, Bluetooth 4.0 LE
• Fotocamera da 5 megapixel su retro e fronte con video recording in Full HD 1080p
• Microfoni integrati frontali e posteriori
• Altoparlanti stereo con Audio Dolby
• Porte USB 3.0 a pieno formato, Lettore microSD, Jack cuffie, Mini DisplayPort
• Sensori: Sensore di luce ambientale, Accelerometro, Giroscopio, Magnetometro, Alimentatore
• Alimentatore 36W

Le caratteristiche tecniche dipendono dalla variante scelta. A salire da un prezzo base di 799 dollari, fino ad arrivare a quasi 2000, saranno commercializzati più modelli a seconda del chip Intel integrato, della quantità di RAM e della memoria interna. Disponibili tre chip di quarta generazione Intel, i3, i5 e i7, 4 o 8 GB di RAM e 64/128/256/512 GB di memoria interna espandibile tramite microSD. Non manca l’ampio set di connettività, tra cui una porta USB 3.0 e una mini DisplayPort oltre a Wi-Fi 802.11 a/b/g/n e Bluetooth 4.0 LE. Per quanto concerne l’autonomia del dispositivo, le stime ufficiali di Microsoft indicano 9 ore di utilizzo costante di navigazione web.
Ampio spazio è stato dato anche alle nuove Type Cover e alla penna integrata. La tastiera è dotata di un trackpad migliorato e più grande del 68% rispetto a quello precedente, estremamente criticato e il cuifeedback negativo ricevuto è stato la base per “ricostruire” la tastiera. Il costo di listino è di 129,99 dollari. La Surface Pen, questo il suo nome ufficiale, è stata pensata per molte situazioni: dall’editing fotografico tramite Photoshop, riveduto per sposarsi con lo schermo da 12 pollici del Pro 3, fino alla correzione degli articoli tramite Office Word.

IN ITALIA ARRIVERÀ A FINE ESTATE
Microsoft Surface Pro sarà in vendita negli Stati Uniti dal prossimo mese di giugno, mentre in Italia dovremo aspettare fino alla fine di agosto.
I prezzi partiranno dai 799 dollari della versione entry-level (Core i3, SSD 64 GB, 4 GB RAM) fino ai quasi 2000 dollari del modello più completo (Core i7, SSD 512 GB, 8 GB RAM).

Una domanda sorge spontanea……ma il prezzo, molto elevato, per un “tablet” non spaventerà i possibili acquirenti?
Noi crediamo che sia finito il tempo della ricerca disperata e ossessiva di un tablet degno della concorrenza. D’ora in avanti l’obiettivo sarà un altro: creare la migliore alternativa al notebook, passando per gli insegnamenti dell’era del post-PC.
Non ci resta che aspettare per capire se la scelta di Microsoft ci darà ragione.

Ecco Microsoft Surface Pro 3 ultima modifica: 2014-05-21T23:26:18+00:00 da Francesco Marino
Cloud Aruba GDPR

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!