Il Kindle Amazon compie 10 anni ed è diventato uno dei pezzi di elettronica più onnipresenti al mondo da quando è stato lanciato, ma il dispositivo è cambiato così tanto dal suo debutto che è quasi difficile credere che i modelli più vecchi, come i più nuovi, siano pensati per fare lo stesso cosa.

Kindle compie 10 anni ecco com’è cambiato

Chris Green, VP of Design di Amazon, presso il suo laboratorio d’hardware Lab126, ha narrato delle scelte progettuali che hanno definito e ridefinito il dispositivo e il ragionamento che ci sta dietro. Green è al Lab126 da molto tempo, anche se non fin dagli albori del famoso lettore di ebook.

Il primo Kindle lanciato il 19 novembre 2007

“Il mio primo giorno in Amazon è stato il giorno in cui il Kindle è stato lanciato, il 19 novembre 2007. Sono entrato in ufficio e tutti stavano dando fuori di matto. Ho pensato che sarebbe stato così ogni giorno “, ha ricordato, “poi la mattina dopo sono entrato e avevano venduto tutti i Kindle in un giorno e tutti erano in preda al panico. quindi sono state delle interessanti prime 24 ore. ”

Per il prossimo decennio avrebbe lavorato per rendere il Kindle più vicino a quello che definiva lo “standard aureo”: la carta.

kindle

“Non potremo mai essere migliori della carta, ma possiamo essere avvincenti”, ha detto. “Non volevamo assolutamente alcuna ghiera o pulsante di cambio pagina: tutto ciò che abbiamo fatto in 15 generazioni è stato ridurlo praticamente a un pezzo di carta”.

Ciò potrebbe sorprendere coloro che ricordano il primo Kindle, che con i suoi angoli spigolosi, i pulsanti simili a lastre e la tastiera stranamente ergonomica.

Anche se non ha lavorato sulla prima generazione, Green ha molta familiarità con il suo linguaggio di progettazione. Sembrerebbe ci sia una ragione molto semplice dietro gli alla scelta degli angoli.

Il primo Kindle si ispirava alle forme dei libri

“Se ne hai uno fra le mani, noterai che la sezione trasversale è in realtà quella di un libro tascabile, le pagine hanno quella angolazione”, ha detto Green. “Anche le dimensioni sono quelle di un tascabile standard. Stavano facendo del loro meglio anche in questa fase iniziale per rappresentare un libro tascabile. “

Questo aspetto fu abbandonato già con il Kindle di seconda generazione, che eliminò le metafora visiva delle pagine in pendenza e tornò indietro su molte scelte audaci, ma inusuali.

kindle

“Tutti i punti salienti del Kindle originale, incluso il fatto che la tastiera fosse divisa, erano molto logici. Era molto ergonomico “, ha detto Green. “Quindi tutto è molto logico, ma quando fai un respiro profondo e togli la testa dal secchio, resti tipo… aspetta, c’è un modo più semplice per farlo. Non c’è motivo per cui questi tasti siano effettivamente modellati in questo modo”.

10 anni di Kindle: il progetto Kindle 2

La riprogettazione era finalizzata a renderlo accessibile e attraente per un pubblico più ampio, uno che avrebbe potuto non apprezzare la severità estetica dell’originale. A mio parere, ha funzionato: le linee pulite e le proporzioni attentamente progettate hanno reso il Kindle 2 un vero e proprio leader e anni dopo mantiene ancora il suo primato.

Alcuni modelli dalla vita breve

Dopo questo modello, Amazon ha introdotto il Kindle DX, un e-reader di grande formato dalla vita breve, che non ha catturato l’attenzione, in parte perché il mercato per la lettura di grandi formati (articoli, riviste) non era così grande.

Una caratteristica particolarmente d’alta fascia è stata annullata prima ancora che il DX arrivasse sul mercato:

“Nella prima versione del Kindle DX, la parte posteriore aveva una superficie completamente trapuntata, in origine un tessuto, ma era troppo costoso”, ha affermato Green.

Green ha anche menzionato l’attenzione rivolta a funzioni che sono meno facili da definire, in pratica tutte le piccole cose che rendono un dispositivo migliore o peggiore per leggerci un testo.

“Nelle prime generazioni abbiamo passato molto tempo con i clienti, siamo andati dappertutto con loro”, ha affermato. “Abbiamo fatto un laboratorio di lettura davvero interessante nel nostro edificio dove guardammo le persone leggere per vedere con quanta rapidità gli occhi della gente si annoiavano mentre scandivano una riga di testo.

Hanno determinato col tempo la migliore spaziatura, crenatura, lunghezza della linea e così via, assicurandosi che il dispositivo migliorasse la leggibilità anche quando hanno cambiato altri aspetti di esso.

LA SCELTA DEL COLORE SCURO sulla terza generazione Kindle

La terza generazione ha apportato alcune piccole modifiche e una grande. L’interfaccia fisica continuava a restringersi rispetto allo schermo, muovendosi lentamente verso quello standard aureo desiderato; ma ancora più importante, il colore principale del dispositivo è passato dal bianco sporco al nero scuro, “grafite”.

Era forse una risposta agli smartphone neri? C’erano lamentela rispetto alle ditate sul colore chiaro? Carenze di materiale? No: come alcuni hanno suggerito, aveva lo scopo di ingannare l’occhio.

kindle

Vedi, l’e-paper non è veramente bianca, è una sfumatura di grigio, e nemmeno una particolarmente leggera. Quindi quando gli dai una cornice bianca, la plastica bianca lo mostra e lo fa apparire ancora più grigio. Ma con una lunetta nera, funziona nella direzione opposta: rende il grigio più chiaro e, di conseguenza, le lettere “nere”, in realtà solo un grigio più scuro, appaiono ancora più scure.

“Questo è esattamente il motivo”, ha detto Green. “Abbiamo optato per il color grafite per migliorare il rapporto di contrasto. Volevamo che il testo nero apparisse più nitido sul display. “

Kindle compie 10 anni: la quarta generazione

Combinato con un nuovo display Pearl di E Ink, ha effettivamente fatto un grande salto in termini di contrasto.

Il Kindle di quarta generazione è stato il primo a sbarazzarsi della tastiera, producendo un dispositivo notevolmente più piccolo. “Mi sembrava di aver perso qualcosa della sua anima”, sostiene Green, “con questo cambiamento; il Kindle 4 ei suoi successori mi ricordavano più un tablet economico degli anni passati, piuttosto che un dispositivo nuovo di zecca”.

kindle

È stato il Kindle Touch, tuttavia, a segnare il futuro del dispositivo.

“Abbiamo sempre desiderato il touch”, ha spiegato Green; la tastiera e altri pulsanti sui primi modelli erano in gran parte dovuti alla bassa frequenza di aggiornamento dei display e-paper. “Il fatto è che quei touch display non sono otticamente chiari. Quando non c’era un faro anteriore, e mettevi su questo strato giallognolo seppia, il rapporto di contrasto peggiorava davvero. ”

La soluzione, una rete di blaster e sensori a infrarossi che poteva solo indicare approssimativamente dove si metteva il dito: era una misura di emergenza.

LA LUCE FRONTALE sul Kindle

La luce frontale era già a buon punto e sarebbe stata annunciata sotto forma di Kindle Paperwhite. Amazon aveva acquisito in silenzio un’azienda nel 2010, chiamata Oy Modilis, specializzata in patine che guidano la luce, come quelle usate nel Paperwhite.

All’epoca, avendo curato anche l’illuminazione, i progettisti erano per lo più preoccupati per la temperatura del colore. Il calore di una lampadina al tungsteno o di una fiamma che illumina una pagina cremosa e un testo nero inchiostro è molto difficile da replicare e al momento dovettero accontentarsi di qualcosa di un po’ più freddo, a colori.

“I LED bianchi sono racchiusi in 3 diverse temperature: caldo, blu e neutro”, ha spiegato Green, “e mescolandoli puoi ottenere una bella soluzione. Quindi abbiamo giocato con quelle miscele per arrivare dove siamo ora, ma c’è sempre spazio per miglioramenti “.

Sebbene un’illuminazione frontale rende un dispositivo di lettura molto più comodo, il colore non è per tutti. Kindle non ha mai intrapreso, come ha fatto Kobo, la strada di aggiungere un’impostazione di temperatura colore selezionabile dall’utente. Il team ha scelto di mantenere le cose semplici, ha detto Green.

Nel 2014 la linea Kindle si è nuovamente divisa, aggiungendo il Voyage al mix, la versione impermeabile. Ai fini della razionalizzazione del dispositivo, si è deciso di aggiungere un’alternativa invisibile al tocco dello schermo per far avanzare la pagina. PagePress utilizzava sensori disposti all’interno del corpo del dispositivo per intuire quando un utente dava una piccola pressione sul bordo, consentendo quindi di far avanzare la pagina in modo ancora più intuitivo. Con sorpresa di Green, la funzione non era risultata particolarmente popolare.

“I pulsanti di rotazione delle pagine sul Voyage erano costosi e molto cool e c’era qualcosa in questo scatto che era molto soddisfacente”, ha affermato. “Ero così sorpreso che la tecnologia PagePress non piacesse alla gente, perché era silenziosa e un interruttore a cupola era rumoroso.” Alla fine PagePress non è diventato un punto fermo del design Kindle.

kindle 8

Circa sei mesi dopo, è apparsa la terza generazione di Paperwhite; il suo principale miglioramento fu un nuovo display ad alta risoluzione, ma ciò che non poteva essere ignorato era il miglioramento tipografico. Amazon aveva commissionato un font completamente nuovo, costruito da zero per il display del Kindle: il Bookerly.

Il Bookerly non è stato un enorme passo avanti nella tipografia, ma un importante cambiamento filosofico, riconoscendo i punti di forza e le limitazioni dei caratteri nel dispositivo, progettandone uno ad hoc, piuttosto che tentare di imitare la carta. Un display e-paper ha bisogno di un font e uno stile proprio come fa un giornale, un libro di testo o un logotipo. I caratteri di e-reader personalizzati erano apparsi altrove, quindi era tempo che Amazon facesse da sé o rischiava di perdere tempo con la sua dedizione alla piattaforma.

L’ADDIO ALLA SIMMETRIA

L’Oasis ha rappresentato il più grande cambiamento nel design del Kindle, forse dopo l’abbandono della tastiera; inoltre ha segnato un ulteriore passo verso l’e-reader come entità che non ha bisogno solo di replicare la pagina stampata in qualche modo, ma che esiste a se con le sue specifiche.

“Ci sono certe cose nel mondo che gli umani considerano belle: il Golden Ratio, le sequenze di Fibonacci e, naturalmente, la simmetria”, ha detto. “Eravamo entrati in una posizione scomoda con il design simmetrico, nel senso che non potevamo andare oltre, così abbiamo pensato a un colpo audace con l’Oasis”.

“Quando vedi persone che usano questi dispositivi”, ha spiegato, “diventa molto chiaro che vogliono il centro di gravità in mano e il pulsante sotto il pollice. Ma avere pulsanti fisici su entrambi i lati sarebbe proibitivo in termini di spazio. Un dispositivo e-ink oggi è fondamentalmente uno stack di componenti di visualizzazione e uno stack di componenti per la batteria, e quelle tecnologie stanno progredendo a ritmi molto diversi. ”

Quindi hanno isolato la batteria su un lato, rendendolo asimmetrico (almeno nel suo orientamento normale), ma risolvendo anche il centro di gravità, la mano e i problemi di cambio di pagina.

Il nuovo Oasis è in realtà un allontanamento dal suo predecessore, in quanto il suo schermo si è espanso per riempire una più ampia parte del dispositivo: è il primo Kindle con un display da 7 pollici, ma non è più grande di prima e questo lo avvicina al tanto agognato “standard aureo”, sebbene il design si evolverà sicuramente in futuro.

kindle oasis

QUELLO CHE ANCORA NON HAI VISTO sul Kindle

Alla richiesta se tra i tanti, molti Kindle ce ne sia uno che chiamerebbe il suo bambino, un favorito sentimentale, Green ha affermato che “è quello che non è ancora stato visto.”

Green si è mostrato estremamente ottimista riguardo al futuro degli e-reader in generale. È un ottimo esempio di come un dispositivo con un unico scopo sia spesso lo strumento giusto per svolgere il suo mestiere.

 

Il Kindle compie 10 anni ecco com’è cambiato in 15 generazioni ultima modifica: 2017-11-22T07:22:44+00:00 da Web Digitalic

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!