Panda Security presenta la migliorata di sicurezza, compatibile con Exchange 2013 e con i sistemi Linux (SUSE, RedHat, Debian e Ubuntu), Panda Cloud Office Protection 6.5.
Tra le novità, il filtering degli URL, tecnologie anti-exploit per individuare e rimuovere i malware che sfruttano le vulnerabilità zero-day, la e la possibilità di pianificare aggiornamenti e reportistica. All’edizione Advanced, inoltre, viene aggiunto il controllo accessi a Internet.

La soluzione potenzia la sicurezza aziendale grazie alle capacità di rilevazione di malware e URL utilizzati per attacchi phishing prima che possano colpire i computer degli utenti. Grazie alle tecnologie cloud, può inoltre essere gestita da remoto in qualsiasi momento e luogo.

Il nostro obiettivo è di supportare le aziende a incrementare la produttività con una soluzione di monitoraggio e controllo dell’utilizzo di Internet, proteggendo gli utenti durante la navigazione e il download di contenuti”, spiega Manuel Santamaria, Global Product Manager di Panda Security. “La nostra soluzione semplifica la gestione della sicurezza e aggiunge un livello di protezione da link pericolosi e tentativi di exploit che sfruttano le vulnerabilità di sistema.

Panda Cloud Office Protection 6.5 Advanced include il controllo degli accessi Web e incorpora il monitoraggio e il filtering degli URL e consente agli amministratori di definire white e blacklist basate sui profili. Le funzionalità di filtering garantiscono la massima protezione da malware e phishing che si diffondono via URL, includendo http e https, aggiungendo così un livello di sicurezza alla navigazione Web. In questo modo, se un URL venisse catalogato come pericoloso, ogni tentativo di accesso o di download sarebbe bloccato in modo automatico dal sistema.

Dato che la protezione tradizionale, basata su firme, non sembra essere più sufficiente, l’ultima release Panda si affida all’Intelligenza Collettiva e incorpora tecnologie anti-exploit che rilevano e neutralizzano i malware che tentano di sfruttare le vulnerabilità zero-day. Queste tecnologie sono in grado di individuare quelle tipologie di malware, come Blackhole o Redkit, che sfruttano vulnerabilità zero-day ad esempio in Java, Adobe o Microsoft Office, prima di raggiungere i PC.

Infine gli aggiornamenti pianificati per gli utenti di Panda Cloud Office Protection e di Panda Cloud Office Protection Advanced, e la possibilità di effettuare attività di reportistica,  garantiscono una visione sempre aggiornata sulla sicurezza in azienda.

Panda Cloud Office Protection 6.5: più sicurezza anche per i sistemi Linux ultima modifica: 2013-05-06T22:48:40+00:00 da Web Digitalic
IQ Test WIFI

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!