Truffa Agenzia delle Entrate: le false mail portano in allegato un file zip malevolo

L’amministrazione finanziaria mette in guardia dai nuovi tentativi di phishing su comunicazioni e rimborsi IVA. Cosa fare?

Stanno girando in maniera imponente false mail inviate per trarre in inganno i riceventi. Il mittente niente meno che uno spauracchio per molti. L’Agenzia delle Entrate. Millantando fantomatiche incoerenze emerse durante la comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva inviata dal contribuente alle Entrate. E spesso accompagnate da un file malevolo in formato zip. L’ancora poco nota truffa dell’Agenzia delle Entrate sta mettendo in guardia e a dura prova gli utenti da innovativi tentativi di phishing tramite mail.

Truffa Agenzia delle Entrate, cestinare subito la mail

Agenzia entrate truffa

A segnalare la truffa è stata la stessa Agenzia delle Entrate in una nota pubblicata sul proprio sito web. Nel ricordare che l’Agenzia non invia questo tipo di comunicazioni in alcun caso, si raccomanda di cestinare l’email, qualora fosse stata ricevuta, senza aprire alcun allegato. “In caso di dubbi – spiega la stessa agenzia – è possibile consultare la sezione ‘Focus sul phishing’ sul sito ufficiale delle Entrate, dove periodicamente vengono riportati degli avvisi sulle ultime email-truffa in circolazione, oppure contattare il call center al numero 800.909696 e chiedere conferma“.

Di seguito un esempio sulla mail malevola che potrebbe arrivarvi

Gentile cliente, dall’esame dei fatti e dei versamenti relativi alla comunicazione delle liquidazioni periodiche Iva da voi mostrate per l’ultimo trimestre 2020, sono emerse alcune incoerenze. Le informazioni relative alle incoerenze sono visionabili nel documento in allegato o nel “cassetto fiscale” (sezione l’Agenzia Scrive) o nel servizio “Fatture e Corrispettivi” (sezione Consultazione-l’Agenzia scrive), entrambi accessibili dal Sito Web dell’Agenzia delle Entrate www.agenziaentrate.gov.it

Password gov2021

Questa mail è stata figliata automaticamente, pertanto la preghiamo di non reagire a questo indirizzo di posta elettronica“.

esempio mail truffa agenzia entrate

Come potete notare, il messaggio presenta alcuni errori e strafalcioni che la vera agenzia non farebbe mai, a partire dalla password per l’allegato contenuta nel messaggio stesso, per continuare con errori grammaticali evidentemente causati dal traduttore automatico. “figliata automaticamente“, “non reagire a questo indirizzo

Nel ricordare che l’Agenzia non invia questo tipo di comunicazioni in alcun caso,  e se mai dovesse inviare una comunicazione importante utilizzerebbe o la Pec o la raccomandata, si consiglia caldamente di cestinare l’email, possibilmente senza aprirla e senza aprire alcun allegato contenente.

truffa agenzia delle entrate

Le truffe a nome dell’Agenzia delle Entrate non sono una novità, già lo scorso 25 novembre 2020 lo stesso Ente aveva messo in guardia i contribuenti da mail molto simili a quelle inviate dall’Agenzia delle Entrate. In quel caso l’oggetto principale dei tentativi di azioni fraudolente era il superbonus 110 per cento, precedentemente anche il bonus vacanze.

Attenti alla truffa della Festa della donna, Adidas regala scarpe tramite un link ma è una bufala

E come spesso accade i truffatori mirano a rubare i dati sensibili dei cittadini, soprattutto le credenziali bancaria o delle carte di credito, perché l’obbiettivo è sempre e unicamente derubare gli ignari cittadini.


Truffa Agenzia delle Entrate: le false mail portano in allegato un file zip malevolo - Ultima modifica: 2021-04-12T14:57:31+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Cyber Security

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!