Categories: BusinessMercato

Auricolari senza fili: record di vendite, Apple al comando

La categoria TWS, ovvero true, wireless stereo, formata da auricolari senza fili e cuffie senza fili (wireless appunto) anno visto il 2019 come l’anno della consacrazione sul mercato dei dispositivi audio personali intelligenti. Nel terzo trimestre del 2019 questo segmento tech è cresciuto del 53% con 96,7 milioni di prodotti venduti e si prevede possa superare nell’ultimo trimestre i 100 milioni di unità con un potenziale totale di 350 milioni di unità vendute nell’arco del 2019.

I dati arrivano da Canalys, le quali ricerche hanno dimostrato non solo che questo segmento è in rapida crescita ma quanto le cuffie true wireless sono arrivate a +183%. Le altre si sono fermate al 6% (auricolari senza fili) e 22% (cuffie senza fili).

La crescente importanza dei contenuti in streaming e la rapida diffusione in una nuova forma di social media, inclusi brevi video, hanno portato a profondi cambiamenti nel consumo audio degli utenti mobile e questi cambiamenti accelereranno nei prossimi cinque anni mentre progressi tecnologici come l’apprendimento automatico e gli assistenti intelligenti porteranno innovazioni più radicali in settori come la scoperta di contenuti audio e il calcolo ambientale“. Queste le parole di Nicole Peng di Canalys. Per ogni 100 smartphone immessi in commercio nel terzo trimestre 2019, sono stati consegnati 27 auricolari/cuffie e 13 smartwatch/smartband.

Se si guarda la categoria delle cuffiette true wireless (completamente senza fili), il vincitore è Apple, con il 43% di market share, ovvero 18,2 milioni di unità spedite. In secondo posto troviamo Xiaomi, con un “misero” 7% di share.

Apple ha una chiara posizione di leadership e non solo sul fronte della tecnologia dei chipset. La perfetta integrazione con iPhone, le esclusive funzioni di dimensionamento e cancellazione del rumore che offrono un’esperienza utente di alto livello, è il punto in cui altri produttori di smartphone come Samsung, Huawei e Xiaomi puntano i loro dispositivi TWS. A breve termine, i dispositivi audio personali saranno visti come le migliori opportunità di vendita al dettaglio per i venditori di smartphone, rispetto ai dispositivi indossabili e ai dispositivi domestici intelligenti“, ha aggiunto Nicole Peng.

Come si può vedere dall’immagine sopra (fonte Canalys) gli auricolari senza fili tradizionali sono il secondo segmento con 32 milioni di unità commercializzate (+6%). L’azienda leader è Jbl, seguita da Sony e Skullcandy. Al terzo posto le cuffie wireless, con 22 milioni di dispositivi (+22%). Anche qui è in testa Jbl, davanti a Sony e Bose.


Auricolari senza fili: record di vendite, Apple al comando - Ultima modifica: 2020-01-02T13:30:05+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Recent Posts

L’iPhone diventa una chiave con la funzione CarKey

Gli iPhone potrebbero presto sbloccare e avviare la tua auto, grazie al CarKey di Apple

13 ore ago

Meme Sanremo 2020: i più belli ed esilaranti del web

Dai commenti dissacranti sui look dei cantanti in gara alle reazioni sui momenti topici del Festival, ecco una sfilza di…

14 ore ago

Pannello anti solare: una cella fotovoltaica che funziona di notte

Dispositivi che funzionano esattamente nel modo opposto a quello dei pannelli solari, a dimostrarlo un team di ricercatori della University…

16 ore ago

Sanremo 2020: i dati di ascolto sui social

Tutti i dati di ascolto Sanremo 2020 sui social, ovvero i post che hanno più interazioni, gli account dei cantanti,…

1 giorno ago

Information Security, in Italia un mercato in crescita nel 2019

Comprendere e affrontare le nuove minacce alla privacy e alla sicurezza informatica, nel nostro paese gli investimenti non si fermano

2 giorni ago

Traffico auto fantasma, Google Maps ingannato con 99 smartphone

Simone Wecker è riuscito a simulare una congestione di auto per le vie di Berlino beffando la famosa app di…

2 giorni ago

Digitalic © MMedia Srl

Via Italia 50, 20900 Monza (MB) - C.F. e Partita IVA: 03339380135

Reg. Trib. Milano n. 409 del 21/7/2011 - ROC n. 21424 del 3/8/2011