Jacopo Castelfranchi: addio al grande editore

Jacopo Castelfranchi: addio al grande editore

Jacopo Castelfranchi era un imprenditore, di quelli vecchio stampo. Lui diceva la sua su tutto, anche sul colore delle linee divisorie nelle newsletter. Sì, perché solo fino a qualche anno fa il Signor Castelfranchi, come lo chiamavano tutti, era in piena attività con una casa editrice multimediale.
Tra poco, il 17 giugno avrebbe compiuto 95 anni, una storia imprenditoriale piena di successi, di intuizioni di grandi rivoluzioni.

Jacopo Castelfranchi, se ne va un grande imprenditore

Come quella volta che volò fino in Giappone negli anni 50 per incontrare i dirigenti Toshiba, voleva distribuire in Italia le loro Radio a transistor. I dirigenti di Toshiba gli dissero di no e dopo tante ore di viaggio e soldi spesi andò in un bar per dimenticare. Lì un signore giapponese gli si avvicinò e gli chiese perché un occidentale fosse andato fin lì e fosse così triste. Castelfranchi rispose “Volevo distribuire in italia i prodotti Toshiba ma mi hanno detto di no e ho sprecato tanto tempo e tanti soldi”. Il signore giapponese rispose “Sa, io sono il vicepresidente di una società molto simile a Toshiba, se ha tempo di fermarsi fino a domani mattina le faccio incontrare il nostro presidente, il presidente di Sony”.

La JCE una scuola per l’editoria

Da lì inizio un’avventura straordinaria e il signor Castelfranchi aprì la Sony Italia che affiancò alla GBC, dopo venne la casa editrice JCE (Jacopo Castelfranchi Editore) che è stata una scuola di formazione per quasi tutti i giornalisti che ancora oggi si occupano di tecnologia.
Oggi Jacopo Castelfranchi ci ha lasciato, è morto questa mattina in Ospedale vicino alla sua casa di Calco, anzi nel suo Borgo di Calco una piccola città dove organizzava le feste per i suoi dipendenti, per gli amici, dove divertiva i suoi ospiti con il piccolo, ma neanche tanto piccolo, zoo.

Grazie e addio signor Castelfranchi

Addio Signor Jacopo, grazie per le sgridate, per i sorrisi, per le barzellette che non facevano ridere, grazie per la sua forza vitale, per la passione che ha sempre messo in ogni cosa.
Ci mancherà signor Castelfranchi.
Jacopo Castelfranchi

Apple Pay come funziona e come si attiva in Italia

Apple Pay come funziona e come si attiva in Italia

Apple Pay è stata lanciata ufficialmente in Italia.
Gli utenti hanno finalmente la possibilità di aggiungere le proprie carte di credito e di debito alla piattaforma di pagamento mobile e quindi di pagare via app, sia on line che nei negozi, utilizzando il proprio smartphone.
In Italia, Apple Pay è sostenuta da tre banche: Boon, Banca Carrefour e UniCredit. Sia le carte di credito MasterCard che Visa sono supportate.

Apple Pay in crescita

Apple Pay è in fase di espansione in un numero sempre maggiore di nuovi paesi in tutto il mondo. All’inizio di quest’anno, il servizio è arrivato in Irlanda e a Taiwan, mentre il servizio ha continuato ad espandersi anche verso nuove banche degli Stati Uniti.
Il lancio di Apple Pay in Italia non è esattamente sorprendente, però. Negli ultimi mesi sono stati riportati numerosi indizi che ne suggerivano il lancio imminente. Ad esempio, nel mese di febbraio, la documentazione di Apple Pay è andata in diretta in Italia.

Apple Pay come si attiva

Apple Pay Come Funziona

Ecco come aggiungere le carte a Apple Pay:
– Sull’iPhone: vai all’applicazione Wallet su iOS 9 o successivo e tocca l’icona più (+) nell’angolo in alto a destra per iniziare, quindi segui le istruzioni.
– Per aggiungere una carta di debito all’Apple Watch: vai all’applicazione Apple Watch sull’iPhone e cerca la sezione Wallet & Apple Pay, quindi la sezione aggiungi credito o scheda di debito.
– iPad con ID Touch possono utilizzare Apple Pay attraverso le applicazioni: vai alle Impostazioni, quindi Wallet e Apple Pay per aggiungere la tua carta.
Apple Pay funziona con iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone 6, iPhone 6 Plus, iPhone SE, iPhone 7 e iPhone 7 Plus; Tutti gli Apple Watch; IPad mini 4, iPad Air 2 e i modelli iPad Pro. Anche i Mac possono utilizzare Apple Pay con Sierra di macOS.

Apple Pay come funziona la sicurezza

Sicurezza e tutela della privacy sono al centro dell’esperienza Apple Pay. I dati delle carte (credito, debito o prepagate delle banche aderenti) inserite su Apple Pay in fase di registrazione, non saranno memorizzati né sul dispositivo né su altri server Apple. Al contrario, viene assegnato un codice univoco crittografato chiamato Device Account Number che viene salvato in sicurezza nel Secure Element del proprio dispositivo. Ciascuna transazione viene autorizzata attraverso un codice dinamico valido solo per lo specifico acquisto. Il procedimento oltre ad essere sicuro è anche veloce e non genera alcun impatto sull’esperienza dell’utente.

Apple Pay Mastercard

“L’arrivo di Apple Pay nel nostro Paese contribuirà ad accelerare l’utilizzo dei pagamenti con smartphone per milioni di consumatori che avranno la possibilità di pagare contactless con i loro device Apple. La nostra missione è quella di offrire a consumatori ed esercenti soluzioni di pagamento sempre più semplici e sicure come Apple Pay che utilizza la sicurezza delle carte a chip unita alla sicurezza e semplicità del riconoscimento biometrico” ha commentato Paolo Battiston, Division President Italy & Greece di Mastercard.
Apple Pay Come Funziona

Segui in diretta social la Convention Var Group

Segui in diretta social la Convention Var Group

La Convention Var Group è un momento speciale per l’innovazione italiana. È il momento di incontro di una delle aziende più importanti nel panorama digitale con i propri partner e clienti, ma soprattutto traccia le tendenze dell’innovazione, dei modelli di business e anche della comunicazione per il settore della tecnologia italiana.

Convention Var Group a Riccione

La Convention Var Group si tiene il 15 e 16 maggio presso il Palacongressi di Riccione e riunisce tutte le aziende che appartengono al canale Var Group, oltre ad ospitare CEO, CFO, CMO e CIO di imprese provenienti da numerosi settori industriali.

L’evento accoglie anche i maggiori brand del settore ICT: IBM, Microsoft, Apple, Cisco, HPE, HP, Dell&EMC, Oracle, Apple, SAP, solo per citare i più importanti, e numerosi rappresentanti dei media che si occupano di innovazione.

L’appuntamento sarà un viaggio per tutti i partecipanti per vivere, in prima persona, la rivoluzione che la Digital Transformation . Ci saranno numerosi percorsi che faranno toccare con mano l’innovazione sviluppata da start up, che hanno già trasformato i processi di business, e che saranno ospitati nello spazio espositivo denominato Innovation Plaza.

Digitalic alla Convention Var

Digitalic è presente alla Convention Var con contenuti, tavole rotonde e il suo “Social Media Dream Team”.

Francesco Marino, fondatore di Digitalic, modera la Tavola rotonada
L’innovazione è condivisione – con i vendor HPE, Microsoft, Veeam il 15 maggio alle ore 14,30

Rudy Bandiera sarà il moderatore di 3 incontri su settori dell’eccellenza italiana, il 15 maggio
14:30 Fashion , 15:00 Wine, 15:30 Retail & GDO

alle 16:00 Valentina Falcinelli presenta “Innovazione & Design: affrontare le opportunità della digital transformation con un approccio creativo”
Alle 16:30 Le nuove forme di intelligenza – Sessione dedicata ai vendor Cisco, HP, IBM, VMware, moderata da Francesco Marino

Il 16 maggio

Sessioni di settore moderate da Emanuela Zaccone:
09:30 Industry 4.0
10:00 General Data Protection Regulation e Cyber Intelligence
10:30 Cloud Computing
10:30 Credere nei dati – Sessione dedicata ai vendor Dell EMC, Oracle, SAP, Citrix, moderata da Francesco Marino

Segui La diretta social della Convention Var


L’infografica di #ConventionVar

Franz Russo e Andrea Carini racconteranno, insieme a Digitalic, racconteranno in diretta social tutti gli eventi della Convention Var.


Altri contenuti della Convention Var

Altri momenti cruciali della Convention saranno le due sessioni plenarie in occasione delle quali, grazie alla partecipazione di analisti, imprenditori, testimonianze e contributi video, sarà presentato come le aziende della Old Economy stanno trasformando i propri processi accogliendo la Digital Transformation e come realtà, appartenenti alla Sharing Economy, stanno creando valore.

Inspiring Innovation Hackathon

In occasione della Convention si terrà la terza edizione dell’Inspiring Innovation Hackathon, dedicato al tema del Cognitive Computing e della Data Analysis. I team di hackatisti potranno contare sul supporto sia di consulenti Var Group sia IBM, specializzati su tecnologia Watson e Bluemix. I gruppi di ragazzi, che parteciperanno alla maratona di sviluppo, lavoreranno su progetti concreti, condivisi con l’azienda che sarà assegnata a ciascuno gruppo e che rivestirà anche il ruolo di giuria. Il progetto vincente sarà premiato con una collaborazione del valore di 5000 € per ciascun componente e sarà presentato in occasione della sessione plenaria del 16 maggio.
Convention Var

Nuovo record per Apple, azioni AAPL toccano l’apice

Nuovo record per Apple, azioni AAPL toccano l’apice

Il record di mercato delle azioni Apple AAPL arriva una settimana dopo la condivisione dei guadagni relativi al secondo trimestre fiscale. Toccato il record degli 800 miliardi di dollari, con le azioni di AAPL che hanno raggiunto un livello massimo di $153,70.

Apple azioni APPL da record

Gli analisti ora hanno alzato gli obiettivi di prezzo per il titolo. In particolare, l’analista Brian White della Drexel Hamilton ha previsto una quota da 202 dollari ad azione, che renderebbe Apple la prima azienda a superare un limite di mercato fissato a 1 trilione di dollari.

White ha anche definito questa stima “abbastanza conservatrice”, visto che la maggior parte delle prospettive degli analisti rimangono positive mentre ci avviciniamo all’introduzione di un nuovo grande ciclo di iPhone aggiornati, prevista in questo autunno.

In un’intervista fatta la settimana scorsa a seguito del report sul reddito dell’azienda, il CEO di Apple Tim Cook ha commentato con una previsione sul futuro della società e sul prezzo delle azioni definito come “assurdo”, rivelando che la società non stia ad osservare la borsa di continuo perché quello su cui punta è una solidità a lungo termine.

Nonostante Apple abbia perso qualcosa in termini di vendite di iPhone nel corso dell’ultimo trimestre – le vendite si sono ridotte leggermente rispetto all’anno precedente – la società è riuscita a vendere oltre 50 milioni di unità. Inoltre, Apple ha registrato una notevole crescita con i suoi Services e altri prodotti.
Apple ha inoltre confermato che le vendite dei suoi wearable, tra cui AirPods, Apple Watch e Beats, hanno raggiunto la dimensione di una società da Fortune 500 con la sua categoria “Altri prodotti” e che sono in crescita del 31% rispetto all’anno precedente.

Le 20 persone più influenti al mondo nella tecnologia

Le 20 persone più influenti al mondo nella tecnologia

Le persone più influenti al mondo per la tecnologia sono 20 e stanno cambiando il destino della tecnologia e quindi del mondo che sempre di più guarda al digitale per il proprio progresso.
A volte sembra quasi che le ultime novità tecnologiche emergano da aziende senza nome e senza volto, ma dietro ad ogni logo aziendale ci sono persone che modellano il futuro di tutti noi.

Le persone più influenti al mondo e che lo stanno cambiando

Le 20 persone presenti in questa lista sono le persone più influenti del mondo della tecnologia in questo momento secondo il Time.

 

 

20 – Terry Myerson

Windows. Xbox. Surface. Pensate a un prodotto Microsoft. Ecco, Terry Myerson è dietro ad ogni singolo dispositivo, per questo è stato elencato nelle persone più influenti al mondo per la tecnologia. Myerson ha aiutato a rinnovare il sistema operativo Windows Mobile nel 2008 dopo la release di iPhone. Quella esperienza non ha mai raggiunto grandi dimensioni di pubblico come invece è accaduto perAndroid e iOS – che insieme alimentano quasi tutti gli smartphone del mondo – ma ha portato la Microsoft a pensare al futuro dell’informatica. In qualità di capo dell’hardware di Microsoft e di Windows, Myerson è ansioso di assicurarsi che l’azienda non si perda nessuna grande scoperta tecnologica. Le sue squadre stanno lavorando a nuove versioni di Windows, costruite per una realtà virtuale e ampliata, che Microsoft chiama “realtà mista”. Se riuscisse nel suo intento, lui e Microsoft potrebbero aiutare a spingere queste tecnologie emergenti nel mainstream.
Terry Myerson 20 persone più influenti nella tecnologia

19 – Del Harvey

La leader della Trust & Safety di Twitter, Harvey, ha il compito di combattere le varie forme di abuso presenti su una delle piattaforme più controverse tra i social. La sua visione di Twitter come mezzo di comunicazione che consenta agli utenti di navigare tra critiche e abusi, non potrebbe essere più importante. E lo dimostra il solo pensare al modo in cui i troll di Twitter, nel corso degli ultimi anni, abbiano mostrato quanto temibili possano essere. Un esempio di alto profilo potrebbe essere quello di Ghostbusters o di Leslie Jones – star del Staturday Night Live – che hanno quasi abbandonato la piattaforma dopo aver ricevuto minacce e insulti nel luglio scorso. Twitter ha recentemente lanciato nuove funzionalità volte a ridurre gli abusi, come alcune misure che impediscono a chi sia stato bloccato dalla piattaforma di tornarci sotto altro o falso nome. Starà alla squadra di Harvey di continuare a combattere tale comportamento.
Del Harvey 20 persone più influenti tecnologia

18 – Anthony Levandowski

Molto tempo prima che le aziende come Uber e Google proponessero le loro tecnologie per le vetture autonome, Anthony Levandowski è stato molto impegnato a costruire la propria moto senza conducente. Adesso, Levandowski è protagonista di una causa legale tra i due titani tecnologici che potrebbero determinare i vincitori e i vinti del futuro driverless. Levandowski, che ha da poco abbandonato il suo lavoro in Uber, ha precedentemente lavorato a progetti simili per Google, la quale adesso lo accusa di aver rubato dei segreti commerciali e di averli utilizzati nei progetti di Uber. L’esito del caso potrebbe determinare quale azienda emergerà come leader in quello che sta per diventare un mercato estremamente redditizio.Anthony Levandowski 20 persone influenti nella tecnologia

17 – Jeff Williams

Il CEO Tim Cook potrà anche essere il principale responsabile delle decisioni di Apple, ma Jeff Williams è il comandante in seconda. Williams è un veterano di Apple ed è parte dell’azienda da quasi 20 anni. È stato nominato Chief Operating Officer alla fine del 2015, un incarico precedentemente assegnato a Cook e ha supervisionato l’intera catena di approvvigionamento di Apple dal 2010. Williams ha inoltre supervisionato lo sviluppo di Apple Watch, la prima categoria tra i nuovi prodotti dell’azienda dell’era Cook ed è strettamente coinvolto nei nuovi progetti.20 persone più influenti nella tecnologia

16 – Cheng Wei & Jean Liu

Didi Chuxing è un colosso cinese in termini di trasporti e ha creato un rivale temibile per Uber nel 2015. Cheng Wei, co-fondatore e CEO di Didi, e Jean Liu, presidente, sono a capo di un impero in forte crescita che si pensa possa già valere circa 50 miliardi di dollari, grazie ad un recente finanziamento da 5,5 miliardi di dollari.
20 persone più influenti nella tecnologia20 persone più influenti nella tecnologia

15 – Ginni Rometty

Nei cinque anni durante i quali la Rometty ha fatto da CEO per IBM, la società non ha mostrato alcun segno di rallentamento. Ha siglato partnership con quasi tutti i grandi nomi del settore e ha incorporato la piattaforma di AI Watson in ogni ambito industriale tra cui l’assistenza sanitaria, la finanza e la vendita al dettaglio. Ma la parte più importante della crescita di Watson sotto la Rometty è che questo successo sia riuscito a infondere alla IBM un rinnovato senso di scopo, che serve da collante per mantenere vive e proficue le diverse aziende che fanno parte della società. È da tempo nella lista  dlle persone più influenti al mondo per la tecnologia grazie alla sua guida decisa e alla capacità di trasformare un’azienda storica.Ginni Rometty IBM 20 persone più influenti nella tecnologia

14 – Travis Kalanick

È il fondatore di Uber, la società che ha rivoluzionato il mondo dei trasporti, ma ancora di più la stessa visione dell’economia: è certamente una delle persone più influenti al mondo non solo nella tecnologia. Comprendere Travis Kalanick è fondamentale per capire Uber. Il suo atteggiamento “win-at-all-costs”(vincere ad ogni costo) ha aiutato la società a diventare una delle startup private più apprezzate del mondo, con investimenti per 70 miliardi di dollari. Ma questo successo è stato accompagnato da molte difficoltà, tra cui le controversie riscontrate con funzionari governativi e piloti, accuse di ostilità nei luoghi di lavoro verso le donne e una battaglia legale con Alphabet, la parent company di Google, che hanno minacciato la crescita esplosiva di Uber. Se Kalanick dovesse fallire nel tentativo di guidare Uber, la società potrebbe veder precipitare il suo dominio sul mercato. Da parte sua, l’amministratore delegato sta cercando un uomo (o una donna) che possa aiutarlo a temperare il suo stile, in particolare visto che Uber punta ad entrare in borsa.Travis Kalanick 20 persone più influenti nella tecnologia

13 – John Giannandrea

Come capo della ricerca di Google, Giannandrea è al centro della più importante attività aziendale, nonché del sito più popolare al mondo. È un esperto di intelligenza artificiale e gestisce gli sforzi di AI di Google. La sua attuale posizione lo mette alla scoperta della ricerca e dell’AI, un nesso critico per Google che si prepara per un futuro dominato dagli assistenti digitali e dagli hardware vocali come Home. Tra  le persone più influenti nella tecnologia perché governa lo sviluppo della piattaforma digitale più diffusa al mondo.John Giannandrea 20 persone più influenti nella tecnologia

12 – Demis Hassabis

La storia del computing ha ottenuto un traguardo unico lo scorso anno, quando un software di intelligenza artificiale ha sconfitto il miglior giocatore umano del mondo di Go, un antico gioco cinese. Non si è trattato di un’impresa da poco: una singola partita di Go ha più movimenti possibili rispetto al numero stimato di atomi presenti nell’universo, rendendone estremamente difficile la gestione da parte di un computer. Il software, AlphaGo, è stato creato da Demis Hassabis, cofondatore e amministratore delegato della società di AI DeepMind, ora di proprietà di Google. La vittoria ha consolidato il ruolo di Hassabis, in prima linea nella ricerca della rivoluzione più emergente della storia umana: la creazione di un sistema di AI avanzato e super intelligente.Demis Hassabis Deep Mind

11 – Ajit Pai

Nominato commissario della Federal Communications Commission nel 2011, durante l’amministrazione Obama, Ajit Pai attualmente è Presidente del FCC del Presidente Trump, continua ad essere quindi nella cabina di comando della tecnologia e quindi una delle persone più influenti al mondo. Ora, l’ex avvocato del Dipartimento di Giustizia sta proponendo di annullare una delle leggi dell’era Obama: la neutralità della rete. In poche parole, Pai vuole eliminare quelle regole che vietano ai fornitori di Internet come Comcast di rallentare, bloccare o dare priorità un tipo di traffico web rispetto ad altri. Gli avvocati sostengono che queste regole mantengano la giustizia, ma Pai sostiene che l’eccesso di norme abbia scoraggiato l’innovazione.20 persone più influenti nella tecnologia

10 – Andrew Jassy

Quando si caricano servizi come Netflix o Spotify, probabilmente non si dà peso alla potenza di calcolo necessaria affinché si possa fruire di film o musica. Ma questa parte, essenziale per il funzionamento di questi strumenti, conta su Amazon Web Services, per poter funzionare. Andrew Jassy, di AWS, ha fatto in modo che aziende grandi e piccole così come le startup potessero crescere rapidamente senza la necessità di far installare hardware costosi. Negli ultimi 10 anni, Jassy ha contribuito a trasformare AWS in un business di oltre 14 miliardi di dollari.
20 persone più influenti nella tecnologia

9 – Susan Wojcicki

Una delle persone più influenti al mondo che promuove in ogni modo il ruolo della donna. Quando l’amministratore delegato di YouTube, Susan Wojcicki, ha preso il comando della condivisione dei video nel 2014, la presenza femminile dell’azienda è salita al 24% ed entro il 2017 si prevede il raggiungimento della soglia del 30%. Come principale responsabile del più importante sito di condivisione video di tutto il mondo, l’influenza della Wojcicki – sia per quanto riguarda l’impatto transnazionale della condivisione video che come modello di pratica occupazionale per altre aziende – è davvero impattante. Attraverso la sua posizione e il suo ruolo sta incoraggiano un numero sempre maggiore di celebrità ad impegnarsi in prima persona contro la violenza e il razzismo.20 persone più influenti nella tecnologia

8 – Satya Nadella

Solo pochi anni fa era impensabile che qualcuno descrivesse Microsoft come “cool”, ma il CEO Satya Nadella ha rilanciato l’azienda. Windows 10 è il migliore Windows di sempre, mentre hardware come il Surface Studio hanno attratto anche i più agguerriti tra i fan di Apple. Qual è il segreto di Nadella? Lui riconosce astutamente che ciò che funzionava un tempo, possa anche non continuare a funzionare un domani. Ad esempio, Nadella ha recentemente affermato che la strategia della Microsoft non è più quella relativa ad “un sistema operativo periferico”, un pensiero che sarebbe stato etichettato come eresia anche solo un decennio fa.Satya Nadella 20 persone più influenti nella tecnologia

7 – Mary Barra

Dai veicoli elettrici alle vetture autonome, ogni innovazione indica che ci troviamo nel mezzo di una rivoluzione dei trasporti. Ma nessuna società influirà e sarà colpita da questi cambiamenti più della General Motors. Come amministratore delegato e presidente del più grande produttore automobilistico mondiale, Mary Barra dirige il marchio da 48 miliardi puntano al futuro. L’acquisto per 581 milioni di dollari della società di tecnologia a guida autonoma Cruise Automation, l’investimento da 500 milioni di dollari nel servizio Lyft e il lancio del servizio di riparazione di auto Maven, dimostrano che GM si stia preparando per il futuro.20 persone più influenti nella tecnologia

6 – Evan Spiegel

Co-fondatore di Snap Inc., Spiegel è la forza intransigente e segreta dietro a Snapchat. Di conseguenza, tutti gli occhi sono sul CEO di 26 anni, non solo per via dell’offerta pubblica da 24 miliardi di dollari di quest’anno, ma anche per assistere alla scalata tra i media sociali. Mentre i servizi come Facebook e Twitter incoraggiano gli utenti a condividere con il maggior numero possibile di persone, Snapchat ha portato indietro alla riservatezza e all’intimità i contenuti. Ma Snapchat ha dei nemici potenti, in particolare Facebook, che ha offerto molte delle caratteristiche più popolari di Snapchat rendendole proprie.20 persone più influenti nella tecnologia

5 – Sundar Pichai

Come amministratore delegato del più popolare sito web e motore di ricerca, Sundar Pichai ha un enorme grado di influenza. Ma il suo potere è cresciuto solo perché la sua azienda e la sua leadership sono stati sfidati dall’avvento delle “notizie false” online che cercano di influenzare l’opinione pubblica o di trarre guadagni rapidi da lettori ignari. Pichai sceglie di affrontare queste campagne di informazione digitale con la consapevolezza che queste azioni possano avere conseguenze gravi non solo per le attività di Google, ma per i risultati politici di tutto il mondo. La sua posizione lo mette anche al timone sia di Android che di Chrome, che sono le piattaforme più utilizzate nelle rispettive categorie. In quanto tale, l’approccio di Google con questi supporti potrebbe avere implicazioni più ampie per il modo in cui utilizziamo tutto dai telefoni agli smartwatch fino ai computer del futuro.Google Sundar Pichai annuncia data I/O 2016 20 persone più influenti nella tecnologia

4 – Tim Cook

Come CEO di Apple, uno dei marchi più importanti al mondo, Tim Cook ha un’influenza quasi ineguagliata nel mondo della tecnologia è al vertice della lista delle persone più influenti a mondo per la tecnologia. . Tutto ciò che Apple fa è destinato a essere copiato da un numero apparentemente infinito di rivali, il che significa che le sue scelte avranno come conseguenza un ciclo infinito di emulazioni. Oggi, si dice che Apple sperimenti tutto, dall’intelligenza artificiale avanzata, alla realtà aumentata fino ai veicoli a guida autonoma.Tim Cook Bocconi Milano 20 persone più influenti nella tecnologia

3 – Mark Zuckerberg

È tra le persone più influenti al mondo e tra gli uomini più potenti e più giovani. Il CEO di Facebook, 32 anni, ha reso Facebook da un esperimento ben riuscito in un campus ad un social network di scala e dimensione senza precedenti. Non contento di quasi 2 miliardi di utenti mensili di Facebook, Zuckerberg ora dice la sua missione sarà quella di collegare il mondo intero. Quell’obiettivo strano sembra almeno un po’ più possibile oggi rispetto a 10 anni fa, ma sta affrontando molte sfide lungo la strada. Caso di riferimento: l’ascesa delle “false notizie”, campagne digitali di disinformazione guidate dalla politica o dal profitto.mark-zuckerberg 20 persone più influenti nella tecnologia

2 – Jeff Bezos

La persona dell’anno secondo il TIME nel 1999, è ancora oggi in cima alla classifica, mantiene da anni un posto di prestigio nella lista delle persone più influenti al mondo. Amazon sta ridisegnando l’industria al dettaglio a propria immagine. Non contenta del dominio indiscusso in quell’attività, Amazon sta portando i vantaggi dell’intelligenza artificiale, con il suo software Alexa, alle grandi aziende tecnologiche come Netflix e Spotify che contano sulla sua piattaforma cloud computing Amazon Web Services. Bezos ha fatto delle grandi scommesse per la sua società, fondando la Blue Origine Private SpaceFlight e acquistando il Washington Post nel 2013 per 250 milioni di dollari.20 persone più influenti nella tecnologia

1 – Elon Musk

È l’uomo più influente al mondo, forse anche il più potente, certamente tra i più famosi. Auto elettrica. Razzi spaziali. Potenza solare residenziale. Qualsiasi impresa di Elon Musk è un successo. Il suo impegno apparentemente sovrumano ha prodotto risultati spettacolari: ora Tesla vale oltre 50 miliardi di dollari, mentre SpaceX ha dimostrato con successo la tecnologia di razzo riutilizzabile. Ma lui si aspetta la stessa prestazione sovrumana da coloro che lo circondano, e non è affatto semplice averlo come capo e lavorare con lui. Di recente, mosso dalla sua preoccupazione che l’intelligenza artificiale possa sostituire l’umanità, sta lavorando ad un progetto per fondere i cervelli delle persone con computer potenti.
Elon Musk Tesla Master Plan 20 persone più influenti nella tecnologia

Le persone più influenti al mondo per la tecnologia

Apple acquisisce Beddit, l’app che traccia il sonno

Apple acquisisce Beddit, l’app che traccia il sonno

Apple ha acquisito la piattaforma per il tracking del sonno Beddit iOS. Sebbene molti dei dettagli relativi dell’acquisizione non siano ancora stati chiariti, Beddit ha aggiornato la politica sulla privacy sul suo sito web per annunciare l’acquisizione e ha mostrato una nota relativa alla politica di tutela della privacy.

Beddit acquisita da Apple, App aggiornata

Inoltre, l’applicazione Beddit iOS è stata aggiornata di recente a riprova della modifica della politica di raccolta dati personali che viene inclusa nell’acquisizione di Apple, nella quale si legge:
“Beddit è stata acquisita da Apple. I tuoi dati personali verranno raccolti, utilizzati e divulgati secondo le norme sulla privacy di Apple”.

Venduto anche l’hardware

Al fine di poter completare la propria offerta per la sua applicazione per iOS e Apple Watch, Beddit ha venduto ad Apple anche l’hardware relativo al monitoraggio del sonno. In questo modo quando la società venderà il Beddit 3 Sleep Monitor, da collocare sotto al lenzuolo per un controllo del sonno più accurato, questo prodotto verrà venduto tramite il negozio online di Apple.

Il monitoraggio del sonno è importante per Apple

Il monitoraggio del sonno è stato da sempre una delle funzioni più ricercate per Apple Watch e l’acquisizione dimostra che la società stia esaminando attivamente questo ambito. A partire dal rilascio di Apple Watch, gli utenti si sono rivolti a piattaforme di terze parti per tenere traccia del loro sonno.

La nuova versione su WatchOS 4

Con il watchOS 4, che si presume verrà svelato nel tardo 2017, è possibile che il tracciamento del sonno venga incluso nell’offerta del dispositivo. Considerando che il sistema Beddit richiede degli accessori hardware per il monitoraggio del sonno, sarà interessante capire quale sarà l’approccio di Apple per personalizzare questi strumenti. Potrebbe anche darsi che Apple abbandoni il Beddit Sleep Monitor a favore di un approccio più incentrato sull’Apple Watch.

Depositphotos 2017 May