Mark Zuckerberg ha verso Bill Gates un grande debito di gratitudine: il co-fondatore di Microsoft ha consigliato a Zuckerberg di imparare dai suoi errori negli anni ’90 e di prestare molta attenzione nel confrontarsi con Washington e il Congresso.

Bill Gates è il consigliere di Mark Zuckerberg sulle cose importanti

Gates è diventato un mentore per il fondatore di Facebook, secondo un recente articolo su The New Yorker in merito a Zuckerberg. Non solo entrambi hanno abbandonato Harvard per dedicarsi alle proprie aziende, ma entrambi si sono ritrovati a testimoniare al Congresso sulle azioni intraprese dalle proprie aziende.

Gates, che è comparso di fronte al Senato 20 anni fa per questioni relative all’antitrust, ha ricordato che il suo tono di sfida – aveva detto ai senatori che “l’industria del software per computer non è rotta e non c’è bisogno di aggiustarla” – gli aveva causato tre anni di cause legali e dispute con il Dipartimento di Giustizia.

Quindi Gates ha suggerito a Zuckerberg di stare attento a Washington.

“Gli ho detto: ‘prenditi un ufficio lì adesso’”, ha affermato Gates, “e Mark lo ha fatto e lo deve a me.”

Nonostante abbia risposto a dozzine di domande del Congresso, Zuckerberg è riuscito a mantenere il sopravvento durante le sue testimonianze al Senato. La maggior parte degli input non hanno riguardato i diritti alla privacy degli utenti, e alcuni hanno rivelato che i politici coinvolti non avevano veramente familiarità con il modo in cui la società lavorava. Un senatore ha chiesto informazioni riguardo all’invio di e-mail su WhatsApp, cosa che la piattaforma non consente, mentre un altro ha chiesto come Facebook facesse soldi. Zuckerberg, come ormai noto, ha replicato dicendo: “Senatore, pubblichiamo inserzioni pubblicitarie”.

Bill Gates ex-hacker nella classifica dei miliardari 2016 di Forbes

 

 

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!