Ha raccolto 55 milioni di dollari dai fondi di investimento. Ora il motore di ricerca Blekko, nato un anno fa, e’ pronto a dimostrare le sue qualità. E’ diverso Google, anche se la pagina di ricerca e’ semplice e minimalista, come quella del motore più famoso.
La caratteristica principale di Blekko sono gli slashtag. Ovvero la possibilità di effettuare ricerche mirate. Dopo i termini ricercato si può aggiungere una barra e indicare quindi al motore di ritrovare quei termini solo in particolari categorie di siti, per esempio /news, /blogs, /amazon.
L’idea dei fondatori e’ quella di ripulire i risultati dallo “spam”‘ ovvero dai risultati non desiderati.
Un’altra particolarità e’ che Blekko integra nei risultati il mondo social, in particolare analizza anche i commenti su Facebook e

ha annunciato l’integrazione anche con Twitter.
Il sogno e’ quello di realizzare un motore di ricerca efficace che intrighi l’analisi automatizzata con e le opinioni, con i consigli delle persone. La strada e ancora lunga però, Blekko indicizza 3,5 miliardi di url, contro i ben 15 miliardi di Google.

20111008-080235.jpg

Blekko, il motore di ricerca che vuole battere Google ultima modifica: 2011-10-08T07:59:21+00:00 da Francesco Marino
IQ Test WIFI

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!