Cosa cambia da zona arancione a zona gialla: le nuove regole e le restrizioni

Dagli spostamenti in vista del Natale fino alla riapertura di bar e ristoranti vediamo quali sono le novità di cui bisogna essere a conoscenza

Da domenica 13 dicembre numerose regioni tra cui Lombardia, Piemonte e Toscana (dal 20 dicembre?) passeranno da zona arancione a zona gialla con il conseguente allentamento delle restrizioni tipiche di una fascia ritenuta a maggior rischio. A spingere le autorità verso questa decisione, il trend dei contagi in diminuzione e i numeri minori dei ricoveri nei reparti di terapia intensiva. Ma in sostanza cosa cambia da zona arancione a zona gialla? Vediamo le novità introdotte e le nuove regole da rispettare.

Cosa cambia da zona arancione a zona gialla, riaprono bar e ristoranti

Una delle novità più “piacevoli” è sicuramente quella della riapertura di bar e ristoranti. In area gialla, infatti, i ristoranti e le altre attività di ristorazione, compresi bar, pasticcerie e gelaterie, sono aperti con possibilità di consumo all’interno dalle 5 alle 18. Dalle 5 alle 22 è consentita anche la vendita da asporto. La consegna a domicilio è consentita senza limiti di orario, ma deve comunque avvenire nel rispetto delle norme sul confezionamento e sulla consegna dei prodotti. Dopo le 18, l’ingresso e la permanenza da parte dei clienti sono consentiti esclusivamente per il tempo strettamente necessario ad acquistare i prodotti per asporto. Non sono comunque consentiti gli assembramenti né il consumo in prossimità dei locali.

Spostamenti liberi dalle 5 alle 22

Nell’area gialla è consentito spostarsi dalle 5 alle 22 senza necessità di motivare lo spostamento. Dalle 22 alle 5 sono vietati tutti gli spostamenti, ad eccezione di quelli motivati da comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Con riguardo alle abitazioni private, è fortemente raccomandato non ricevere persone diverse dai conviventi, salvo che per esigenze lavorative o situazioni di necessità e urgenza.

Negozi aperti ma ci sono limitazioni

Non sono previste limitazioni alle categorie di beni vendibili. Nelle giornate festive e prefestive sono chiusi gli esercizi commerciali presenti all’interno dei centri commerciali e dei mercati, a eccezione delle farmacie, parafarmacie, presidi sanitari, punti vendita di generi alimentari, tabacchi ed edicole. Restano comunque chiuse piscine, palestre, teatri e cinema. Riduzione fino al 50% per il trasporto pubblico, ad eccezione del trasporto scolastico. Saracinesche giù per sale giochi, sale scommesse, sale bingo e slot machine. Attività ferme anche nei bar e nelle tabaccherie (per i giochi).

Spostamenti sì ma solo tra aree gialle

Il transito nelle aree con restrizioni agli spostamenti diverse dalla propria (rossa o arancione) è consentito liberamente, dalle ore 5.00 alle ore 22.00, se si è diretti verso altri territori ricompresi nell’area gialla, senza necessità di motivazione. Dalle 22.00 alle 5.00 è consentito esclusivamente per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute. Esclusivamente per le stesse comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità o motivi di salute è consentito anche, 24 ore su 24, il transito con destinazione finale nell’area arancione o in quella rossa.

Cosa cambia in zona gialla dal 21 dicembre

Cosa cambia da zona arancione a zona gialla

Attenzione però. Sebbene in zona gialla dal 21 dicembre ci saranno regole diverse sugli spostamenti. Dal 21 dicembre 2020 al 6 gennaio 2021 è vietato, in tutta Italia, indipendentemente dalla zona in cui si trova la propria Regione (dunque anche per la zona gialla), ogni spostamento in entrata e in uscita tra i territori di diverse regioni o province autonome (Trento e Bolzano).

Nello stesso periodo è vietato anche spostarsi nelle seconde case ubicate in altra Regione o Provincia autonoma. Nelle giornate del 25 e del 26 dicembre 2020 e del 1° gennaio 2021 è al momento vietato (anche in zona gialla) ogni spostamento tra Comuni: le uniche eccezioni previste sono quelle legate a esigenze lavorative, motivi di salute o situazioni di necessità (tra le quali rientrano l’assistenza a un familiare non autosufficiente, la visita a figli minorenni se si è separati o divorziati e il ricongiungimento tra coppie per stare nell’abitazione dove abitualmente si vive, come indicato nelle FAQ del governo).

Nello stesso periodo è vietato anche spostarsi nelle seconde case ubicate al di fuori dal proprio Comune. È sempre consentito il rientro alla propria residenza, domicilio o abitazione (per le seconde case si applicano però le regole appena descritte). Sugli spostamenti tra Comuni il 25 e il 26 dicembre e il 1 gennaio, come dicevamo qui, è però in atto un ripensamento: e il governo dovrebbe consentirli. Al momento la norma non è ancora stata approvata.

 


Cosa cambia da zona arancione a zona gialla: le nuove regole e le restrizioni - Ultima modifica: 2020-12-11T16:08:55+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!