Per la prima volta dopo mesi, a luglio, la fiducia in investimenti tecnologici risale seppure di poco. Lo rivelano i dati del report mensile IFIIT.

34,10 punti è la soglia raggiunta, quando tra aprile e giugno era rimasto stabile nella fascia compresa fra i 33,50 e i 33,90 punti. Una notizia positiva, in parte, anche se prosegue una fase di affanno e di incertezza che non fa bene all’imprenditoria del nostro Paese. La recessione fa sì che a investire in progetti di sviluppo e di innovazione tecnologica siano solo gli imprenditori che vivono di esportazione e/o di internazionalizzazione, oppure quelli che, pur lavorando sul mercato interno, sono collocati su nicchie profittevoli.

Il forte orientamento ai mercati esteri è un segnale chiaro della difficoltà di progettare attività produttive in Italia. Commenta Paolo Gila, ideatore di IFIIT ” L’umore degli imprenditori è sospeso tra l’ansia di un riscatto, morale ed economico, e la consapevolezza della gravità di una crisi che investe più piani e che impone prudenza. Come già anticipato in un precedente bollettino di Ifiit, è in aumento il numero delle società che trasferiscono la loro sede legale all’estero continuando ad operare in Italia ma solo sulla base di ridotte capacità dimensionali.

Quanto e come sarà possibile continuare a produrre in Italia? E’ questo l’interrogativo che emerge con forza dallo scambio di idee e di riflessioni con il mondo degli imprenditori che hanno risposto al questionario dell’indice Ifiit.” conclude Gila

Alti livelli di attenzione per ricerca e innovazione riguardano purtroppo solo i grandi gruppi industriali, e alcuni distretti e filiere produttive orientate ai mercati esteri.

Si indebolisce ulteriormente il tessuto delle piccole e micro imprese. La domanda langue e i pagamenti, sempre più difficili da ottenere, creano disagi e a volte provocano l’impossibilità di proseguire nella propria strada imprenditoriale.

In materia di digital divide le differenze tra regioni divengono più marcate. Mentre realtà come Lombardia, Piemonte, Veneto, Emilia Romagna e Lazio, dimostrano iniziative e acquisizione di competenze per sviluppare reti a banda larga e relativi servizi, il sistema-paese nel suo complesso dimostra una indecisione che blocca un vero rilancio.
E il Meridione torna a soffrire.

Guardando ai comparti produttivi, i più propensi agli investimenti in innovazione sono i settori del made in Italy tipicamente orientati alla esportazione: metalmeccanico, fashion, lusso, alcune filiere agroalimentari e l’energetico. Non sono da meno i comparti high-tech, il farmaceutico e l’avionico.

Una relativa stabilità dimostrano  il settore distributivo, il bancario-assicurativo, l’automobilistico e il mondo dei servizi.

Ancora in discreto calo l’edilizia, il mondo del commercio al dettaglio, le categorie professionali, la micro-impresa e alcuni distretti la cui competitività comincia a cedere posizioni.

IFIIT, la fiducia a luglio non va in vacanza ultima modifica: 2012-07-11T11:49:07+00:00 da Emanuela Pasino
Accenture Cristina

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!