La prima puntata di #DigiScovering #PoweredByPixartPrinting ha come protagonista Massimo Banzi, co-fondatore di Arduino, che racconta in questa video intervista esclusiva che cosa è per lui l’innovazione e come si può davvero realizzarla. Il segreto è nelle proprie passioni e nella determinazione che porta a lavorare, una volta avuta un’idea.

La vera innovazione nasce dalle passioni più profonde: “Se sei appassionato di poesia, di arte, di fumetti o di qualunque altra cosa allora puoi innovare”.
Massimo Banzi, co-fondatore di Arduino, ha cambiato il modo stesso in cui si fa innovazione, ha creato uno strumento semplice per risolvere anche problemi complessi, ha messo l’interaction design a disposizione di tutti, ha dato un pilastro fondamentale alla comunità dei makers.
Questi alcuni dei passaggi dell’intervista, ma non perdetevi il video per scoprire tutti i consigli di Banzi per chi vuole innovare.

Ma che cosa è l’innovazione per Massimo Banzi? “Ci sono così tante definizioni di innovazione – dice Banzi – ed è anche un parola abusata oggi in Italia. Ma innovare significa migliorare la vita delle persone, si può fare mettendo in campo grandi risorse economiche, oppure reinterpretando il mondo intorno a noi migliorando le piccole cose di ogni giorno utilizzando le tecnologie esistenti: lo spettro è molto ampio”.

Cosa consiglia Banzi a chi oggi vuole fare innovazione? “Innanzitutto bisogna partire dalle proprie passioni. Devi chiederti di cosa sei davvero appassionato: droni, musica, cinema, arte, poesia… non importa. È importante, qualunque cosa si faccia, conoscere le tecnologie digitali, come funziona Internet, i Social e l’elettronica […]. Ma tutto deve partire della cose per cui le persone hanno passione: se uno si siede a tavolino e dice ‘adesso innovo’, non va da nessuna parte. Milioni di persone ogni giorno hanno delle idee, la cosa pazzesca è che di quelle migliaia di persone che ogni giorno hanno un’idea, nessuna (o quasi) si mette a lavorare per realizzarle”.

Molte delle innovazioni nascono perché ci sono persone che hanno voglia di sperimentare con oggetti non molto diffusi. Questa è la storia dei personal computer: “Apple nasce dal desiderio di due nerd che volevano farsi un computer da usare in casa, quando a nessuno interessava averne uno, quando per tutti era un’idiozia – racconta Banzi nell’intervista – poi la comunità è cresciuta, ha trovato nuovi sviluppi e Apple è diventata l’azienda più grande degli Stati Uniti. È dalle comunità che condividono una passione che nascono le grandi innovazioni”.

Ed ecco i consigli di Massimo Banzi per rimanere sempre creativi: “Bisogna avere il tempo di continuare a sperimentare ed essere in contatto con le persone per poterne cogliere altri stimoli. Uno dei rischi più grandi è chiudersi in ciò che si fa, non bisogna mai smettere di girare in giro, di vedere il mondo”.

 

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!