Quanto è sicuro internet?
Ma soprattutto con quanta sicurezza sappiamo navigare senza farci ingannare dalle trappole disseminate nell’immensità del web? Le nostre abitudini online sono ormai parte importante della nostra vita perché su Internet circolano le nostre foto, i nostri dati personali e soprattutto i nostri soldi. Kaspersky Lab ha ideato un test ad hoc con lo scopo di aiutare gli utenti a valutare il proprio livello di competenza digitale oltre che per capire se il comportamento adottato online è sicuro.
Secondo l’indagine Consumer Security Risks Survey 2015, i cyber utenti sono sempre più preoccupati dalle minacce informatiche, ma a questo non corrisponde altrettanta attenzione alla protezione delle informazioni personali. Tutti noi conserviamo sui nostri dispositivi come computers, smartphones e tablets dati sensibili che mettiamo in rete e che sono potenzialmente attaccabili e “prelevabili” da altri senza un pò di attenzione nella navigazione.
Il test di Kaspersky Lab è stato condotto su un campione di 18 mila persone in tutto il mondo che sono state messe alla prova con situazioni che potrebbero verificarsi durante la navigazione in Internet, come il download dei file o l’utilizzo dei social network. Ebbene ecco alcuni risultati.
Sempre più persone sono convinte di non essere un obiettivo interessante per un attacco informatico (46% degli intervistati) e di conseguenza è risultato che la la percentuale di utenti disposti a inserire informazioni personali o finanziarie all’interno di siti dei quali non hanno piena fiducia è leggermente più elevata rispetto al 2014 (dal 30% al 31%). Ma uno dei problemi principali è che spesso gli utenti di Intenet non riconoscono una potenziale minaccia quando se la ritrovano sullo schermo. Infatti durante il test solo il 24% degli utenti è stato in grado di identificare pagine web autentiche ed evitare le pagine di phishing. Ben il 58%, invece, ha abboccato all’amo di questi siti progettati apposta per rubare le credenziali degli utenti. Anche il settore della posta elettronica non ha dato risultati migliori: è emerso infatti che un utente su dieci era pronto ad aprire il file allegato di una email sospetta senza effettuare alcun controllo preliminare, rischiando di avviare l’installazione di un programma/applicazione a rischio e, addirittura nel 19% dei casi, di disabilitare il software di sicurezza se questo avesse cercato di bloccare l’installazione di un programma potenzialmente dannoso.
Morten Lehn, Managing Director di Kaspersky Lab Italia, ha voluto precisare: “L’istinto di conservazione è una parte essenziale della nostra esistenza. Nel mondo reale sappiamo come evitare la perdita di denaro o di altri beni: l’abbiamo imparato sin da piccoli. Dimostriamo anche un atteggiamento più vigile offline, che spesso non teniamo durante la navigazione online dove l’istinto di “sopravvivenza” ci tradisce. Il problema è che oggi tutto ha un formato digitale: la nostra vita personale, la proprietà intellettuale e il denaro. Tutto questo richiede lo stesso genere di responsabilità adottato nella vita reale tenuto anche conto che il costo di uno sbaglio online potrebbe essere altrettanto elevato. Ecco perché invitiamo gli utenti a stare al passo con la tecnologia e a migliorare le proprie competenze informatiche”.

E tu sei un cyber esperto? Scoprilo facendo il test, clicca QUI

Sei capace di navigare su Internet? Scoprilo facendo il test ultima modifica: 2015-09-24T15:28:49+00:00 da Francesco Marino
Accenture Cristina

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!