Travis Kalanick, l’amministratore delegato di UBER si è dimesso. Appena qualche giorno fa aveva annunciato con una lettera aperta di voler fare un passo indietro. Avevamo pubblicato la sua lettera integralmente.
Ma fare un passo indietro non è bastato e oggi sono arrivate le dimissioni definitive di Travis Kalanick da Uber.
La società che ha travolto tutto il mondo dei trasporti, che ha fatto coniare un nuovo termine: “uberizzata” per dire che un settore o un’intera economia viene travolta dall’innovazione tecnologia, è stata a sua volta travolta da quanto di più antico e banale esiste: gli scandali sessuali, con accuse ad alcuni dirigenti di molestie e più in generale di un atteggiamento non limpidamente a difesa delle donne e delle minoranza.

Le dichiarazioni di Travis Kalanick dopo le dimissioni

Il primo a riportare la notizia delle dimissioni di Travis Kalanick è stato il New York Times a cui l’ormai ex CEO ha dichiarato: “Amo Uber più di qualunque altra cosa al mondo e in questo difficile momento della mia vita personale ho accettato la richiesta degli azionisti di farmi da parte per permettere all’azienda di tornare a costruire anziché essere distratta da un’altra disputa”.

Gli scandali di Uber che hanno portato alle dimissioni di Travis Kalanick

Tutto è iniziato all’inizio del 2017, quando una ex ingegnere di Uber ha denunciato di aver subito da dirigenti delle molestie sessuali in azienda. A quel punto altre dipendenti hanno preso coraggio e hanno denunciato altri episodi portando alla luce un clima non favorevole alle donne in azienda.

Un momento difficile per Travis Kalanick

Si sapeva che fosse un momento difficile per Uber, e anche per il CEO Travis Kalanick, non solo per gli scandali ma anche perché i suoi genitori sono stati coinvolti in un tragico incidente nautico, durate il quale ha perso la vita la madre di Kalanick. Per elaborare il lutto improvviso, e prima di apportare modifiche sostanziali ad Uber, Travis aveva annunciato al proprio team la voltà di prendersi una un’aspettativa dalla durata non specificata, ora nemmeno l’aspettativa è sembrata sufficiente e Kalanick ha annunciato le dimissioni definitive.

Cosa succederà ora ad Uber?

Travis Kalanick non è l’unico dirigente a lasciare Uber, prima di lui altri 20 dirigenti se ne sono andati volontariamente o costretti dalla situazione. Ora Uber sta cercando nuovi manager tra cui un responsabile operativo che avrà il difficile compito di sostituire Travis Kalanick.Travis Kalanick dimissioni uber

Uber: le dimissioni del Ceo Travis Kalanick tra scandali e lutti personali ultima modifica: 2017-06-21T12:26:09+00:00 da Francesco Marino
HPE Nimble

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!