Le 13 migliori aziende per le donne high-tech

L’ABI ha stilato il Women Technologists Leadership Index, un indice che misura la capacità delle migliori aziende di accogliere i talenti femminili

L’informatica non è un ambiente in cui le donne trovano molto spazio e questo nonostante si in crescita il numero delle donne che si laurea in scienze informatiche.

A livello mondiale le donne rappresentano il 23% della forza lavoro in ambito tecnico, ma abbandono il settore tecnologico molto più degli uomini, il tasso di abbondano è esattamente il doppio. Secondo l’Anita Borg Institute questo dipende da fatto che donne trovano nell’ICT un ambiente inospitale e dopo un po’ decidono di lasciarlo. Ma non tutte le aziende sono così inospitali.

L’Anita Borg Institute (ABI) ha stilato il Women Technologists Leadership Index, un indice che misura la capacità delle aziende di accogliere i talenti femminili e farli sviluppare al suo interno. Sono state valutate 35 società, per un toatle di 435.000 dipendenti nei ruoli tecnici. Ne è nata una classifica che vede al primo posto

BNY Mellon  un fondo di investimenti specializzato per la tecnologia. L’Abi ha individuato altre 12 società in cui le donne hanno trovato un ambiente favorevole in ruoli tecnici e di responsabilità. Qui l’elenco completo (in ordine alfabetico):

 

ABI Top Companies Leadership Index

Insomma sono queste le compagnie a cui le donne dovrebbero guardare se vogliono lavorare un un ambiente più ospitale ed avare maggiori opportunità do carriera

 


Le 13 migliori aziende per le donne high-tech - Ultima modifica: 2015-04-13T09:00:31+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente
Ripartiamo dai dati

Ripartiamo dai dati

Iscriviti all'evento virtuale #StorageMadeSimple. I dati sono la materia prima con cui possiamo costruire la nostra ripresa. Bisogna ripartire dai dati che possono aiutarci ad uscire dall’emergenza ed è attraverso i dati che possiamo sperare di ripartire con l’economia.

Webinar

You have Successfully Subscribed!