Il primo computer italiano: la storia dell’ MD 800

Il primo computer italiano è stato l’MD 800 nato a Torino nel 1975. L’idea fu di due giovani ingegneri, Renato Manfreddi e Spiridione De Micheli

Il primo computer italiano è stato l’MD 800 nato a Torino nel 1975, un anno prima dell’Apple I.
L’idea fu di due giovani ingegneri, Renato Manfreddi e Spiridione De Micheli, che lavoravano al Cselt ovvero il Centro Studi E Laboratori Telecomunicazioni: un istituto di ricerca torinese nel campo delle telecomunicazioni.

MD 800 era dotato di processore Intel 8080, 8 KB di Ram, 4 KB di Eprom, monitor monocromatico con 25 righe da 80 caratteri, tastiera estesa con 52 tasti alfanumerici, 12 tasti numerici e 18 tasti funzione, interfaccia per doppio floppy 8” da 256 K, per lettore e perforatore di nastri, interfaccia seriale, interfaccia stampante, sistema operativo sviluppato in Assembler 8080 con gestione files compatibile Digital PDP-11. Sia l’hardware che il software furono inizialmente sviluppati completamente dai due fondatori.

MD 800 è poi stato effettivamente commercializzato nel 1977 fino al 1981.

MD800 primo computer italiano


Il primo computer italiano: la storia dell’ MD 800 - Ultima modifica: 2018-11-28T09:00:40+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test Storage Intelligente
Nuovi attacchi Cyber: quello che non sai

Nuovi attacchi Cyber: quello che non sai

Iscriviti al webinar del 7 luglio, per scoprire come difenderti dalle nuove minacce. I nuovi attacchi cyber sfruttano sistemi inedite e vulnerabilità nascoste, poco conosciute, per cui quello che non sai mette in pericolo te e la tua azienda. Iscriviti per sapere di più, GRATUITO

You have Successfully Subscribed!