“No, non ho dovuto presentare l’idea al Papa”, ride Jakub Florkiewicz, il co-realizzatore del primo Hackathon Vaticano nella storia. “Ma i partecipanti all’evento si spera debbano farlo” aggiunge.

Come è nato l’hackathon del Vaticano

Questa è la storia di uno studente che arriva a Roma con un’idea e trova persone che si entusiasmano per quell’idea. Florkiewicz, appassionato di hackathon, ha avuto la fortuna di incontrare persone – interne al Vaticano – che in realtà stavano già pensando di lanciarne uno nella Città Santa e invitare i giovani a parteciparvi. “Abbiamo condiviso l’idea e rapidamente abbiamo deciso di lavorare insieme. Il nostro gruppo iniziale che ha guidato l’idea era composto da fr. Eric Salobir, fondatore di OPTIC  e Segretariato della Comunicazione del Vaticano e un sacerdote appassionato, fr. Philip Larrey. Altre istituzioni vaticane si sono unite alla squadra in seguito.

Il Vacticano gestisce diversi dicasteri e congregazioni e ognuno ha diverse velocità in merito a innovazione digitale. Alcuni avevano bisogno di più spiegazioni di altri, ma dopo aver volato alcune volte a Roma, Florkiewicz e padre Eric sono riusciti ad avviare i lavori.

primo hackathon vaticano

I temi dell’hackathon Vaticano

“L’Hackathon è un concetto ampio – abbiamo dovuto passare un po’ di tempo a presentare la nostra idea a varie persone a Roma, per far capire a tutti che questo non aveva nulla a che fare con l’hacking. Volevamo garantire che tutti capissero che stiamo cercando di affrontare problemi socio-economici globali, non religiosi. Un hackathon potrebbe sembrare inaspettato se organizzato da un’organizzazione religiosa, ma il tema in realtà è attinente e si concentra su tre temi: inclusione sociale, dialogo interreligioso, migranti e rifugiati“.

Ogni studente, di qualsiasi background religioso, è stato invitato ad inviare la propria richiesta di partecipazione e ciò ha portato a 120 partecipanti, che lavoreranno su progetti dall’8 all’11 marzo in Vaticano.

Il progetto che combina tecnologia e discipline umanistiche

Il progetto fa parte di una mission più ampia, guidata da padre Eric, per favorire il dialogo tra il mondo della tecnologia e le discipline umanistiche. Padre Eric è uno dei fondatori di OPTIC, una “rete di ricerca” domenicana diretta proprio a questo. Proprio il mese scorso, hanno organizzato un summit a Parigi, riunendo nomi grossi del tech come il co-fondatore di LinkedIn, Reid Hoffman, e il direttore del MIT Media Lab, Joi Ito, per discutere di argomenti sulla società con persone provenienti da altri background – come i maestri dell’ordine domenicano.

“Non direi che è un’organizzazione religiosa”, ha detto padre Eric, “è un’organizzazione basata sul valore. Alla fin fine, tutto è spirituale, ma l’insegnamento sociale cattolico è mirato solo a migliorare la dignità dell’essere umano nella società e nell’economia. Questo significa aiutare le persone a trovare la loro strada nell’economia e nella società. Le persone di discipline umanistiche e tecnologiche non si incontrano mai, nemmeno nelle università. Abbiamo creato questo luogo per favorire quel dialogo “, dice padre Eric.

Florkiewicz è d’accordo: “Vogliamo promuovere la collaborazione attraverso i confini, le divisioni e i background, invitiamo quindi persone di ogni tipo e provenienza. Stiamo invitando musulmani, ebrei, oratori della Cisgiordania, vogliamo promuovere discussioni e collaborazione. Mescoliamo gli invitati in team estremamente diversi, che lavorano su problemi che ci interessano”.
“La seconda cosa è che vogliamo ispirare le persone di tutto il mondo a utilizzare la tecnologia per risolvere questi problemi, così i religiosi ovunque sanno che possono usare questo modello per accedere alle competenze dei giovani e per affrontare i problemi nelle loro immediate vicinanze”.

“Il Vaticano ha una lunga tradizione di scienza e tecnologia – a volte difficile, come con Galileo. Ma la Chiesa ha riconsiderato anche Galileo dopo. Ad ogni modo, questo hackathon è uno dei punti chiave per costruire il prossimo passo di questa tradizione. Aiuta ad accelerare il ritmo dell’innovazione a Roma “.

Una persona cinica potrebbe vedere questo hackathon come un tentativo alquanto disperato di commercializzare la chiesa nei confronti dei giovani, ma padre Eric ride e dice: “Non abbiamo tempo o risorse per il marketing, non è il modo giusto per inquadrarlo. Il punto è essere utile, ecco perché abbiamo scelto questi problemi, per essere di impatto”.

 

No Banner to display

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!