Una nuova mappa della Darknet racconta la nuova organizzazione del mercato illecito della droga e che lo spaccio di droga online sia ormai una realtà in tanti paesi.

Mercato Darknet

Nell’ottobre del 2013, l’FBI ha chiuso Silk Road “la via della seta”, un sito web sulla cosiddetta darknet che era diventato famoso per la vendita di droga online e sostanze illegali. In effetti, era diventato noto anche come “l’eBay delle droghe”.

L’FBI ha anche arrestato il suo fondatore, Ross Ulbricht, che alla fine è stato condannato all’ergastolo senza possibilità di libertà condizionata. L’FBI ha sequestrato asset tra cui oltre 144.000 Bitcoin per un valore di circa $29 milioni in quel momento, che successivamente sono stati venduti all’asta.

Darknet Market

L’incidente ha illuminato il profilo della darknet, la parte del web accessibile tramite il software di comunicazione Tor, che garantisce l’anonimato per i suoi utenti. Da allora, numerosi altri siti hanno riempito lo spazio lasciato da Silk Road e hanno iniziato a vendere una vasta gamma di sostanze e droga online, illegalmente, a compratori anonimi.

Market Darknet

Questo commercio oscuro offre un modo completamente nuovo per gli spacciatori di vendere le loro merci e trovare clienti. Il Darknet Market ha un valore di circa $150 milioni l’anno, una piccola parte dei $300 miliardi stimati del commercio globale di droghe illegali, ma sta crescendo rapidamente e ciò solleva alcune domande interessanti.

Darknet Deep Web per il commercio di droga

Il commercio di droga ha tradizionalmente operato con catene di approvvigionamento consolidate: queste catene collegano l’offerta alla domanda in tutto il pianeta, ma il darknet market ha il potenziale per cambiare radicalmente queste rotte, quindi c’è un grande interesse tra i ricercatori, le forze dell’ordine e i responsabili politici su come stanno avvenendo questi cambiamenti; in particolare, sono interessati a capire se la “rete oscura” stia avendo un impatto maggiore sul lato dell’offerta o sul lato della domanda di questa catena.

Darknet : la mappa dello spaccio di droga online

Oggi possiamo finalmente avere una risposta ad alcune delle tematiche e dubbi in sospeso in merito, grazie al lavoro di Martin Dittus e dei suoi colleghi dell’Università di Oxford nel Regno Unito. Essi hanno mappato il commercio di droga sul darknet per la prima volta e lo hanno confrontato con modelli noti di commercio illegale. La loro analisi fornisce una visione unica del modo in cui la darknet sta cambiando il commercio illegale della droga.

Darknet Mappa

La mappa del mercato Darknet

Il team ha iniziato identificando i principali mercati sulla darknet e analizzandone il contenuto. I più grandi mercati sono AlphaBay, Hansa, TradeRoute e Valhalla, che insieme rappresentano circa il 95% dell’inventario sulla darknet.

Il team ha inoltre analizzato il contenuto di ciascuno di questi siti per elaborare il catalogo completo dei prodotti offerti; hanno usato varie tecniche per trovare prodotti nascosti, come l’inserimento di identificatori sequenziali per vedere se corrispondevano a pagine reali e ciò ha dato loro un’istantanea del mercato per il periodo di giugno/luglio 2017.

Il team ha quindi stimato i volumi degli scambi contando il numero di recensioni degli acquirenti, per un totale di 1,5 milioni. Ovviamente non tutti lasciano una recensione, quindi questo numero è inferiore rispetto alle negoziazioni effettive.

Darknet Italia e i paesi del commercio di droga online

Le analisi hanno fornito una posizione approssimativa per ogni venditore e acquirente. Con questa misura, solo cinque paesi rappresentano il 70% del commercio nel darknet: gli Stati Uniti (27%), l’U.K. (22%), la Germania (8%), l’Australia (8%) e l’Olanda (7%).

L’italia ha un ruolo marginale nel mercato Darknet della droga. Quasi insignificante il ruolo a livello produttivo.A livello di acquisto di cocaina l’Italia si attesta tra lo 0,62% e 1,25% dell’intero traffico. Più basso l’acquisto di oppiacei tra lo 0 e lo 0,66%.

Le recensioni hanno anche rivelato il tipo di prodotto coinvolto. Il risultato è uno sguardo a dove diversi tipi di farmaci finiscono sul darknet.

Infine, il team ha confrontato questo modello con il mercato convenzionale delle droghe illegali. Dittus e il team hanno raccolto dati del governo sull’uso di droghe in ogni paese e, per vedere da dove provengono, hanno esaminato i dati del governo e delle forze dell’ordine sui sequestri di droga. Ciò ha dato loro una buona panoramica della geografia del mercato del commercio illegale di droga.

La mappa Darknet di cannabis, cocaina e oppiacei

Questo confronto mostra come gli scambi nel darknet si adattano alla supply chain globale. Dittus e soci affermano che i dati suggeriscono che i commercianti digitalic siedono all’estremità dell’ultimo miglio della catena di approvvigionamento, almeno per quanto riguarda la cannabis e la cocaina. “Abbiamo forti prove che indicano che i venditori di cannabis e cocaina si trovano principalmente in un piccolo numero di paesi consumatori, piuttosto che in paesi produttori”, affermano i ricercatori.

Le prove del commercio di oppiacei sono meno chiare. Il consumo di oppiacei è più alto in Medio Oriente, Russia e Asia. Tuttavia, i volumi di trading degli oppiacei sul darknet sono più alti nei paesi che rientrano nella “top five”, suggerendo che ci sia un modello diverso al lavoro in questo caso.

Secondo il team, nessuno di questi farmaci viene venduto via darknet da paesi tradizionalmente associati alla loro produzione. Questa scoperta suggerisce anche che la rete online dello spaccio è in gran parte rivolta ai consumatori nei loro paesi d’origine.

La riorganizzazione di Darknet

Una domanda importante è se il mercato oscuro si stia lentamente riorganizzando il commercio globale di droga. Dittus e la sua squadra dicono di aver trovato poche prove di ciò nei paesi produttori. Invece, il mercato Darknet svolge principalmente il ruolo di contenitore di rivenditori locali che servono “l’ultimo miglio” in un piccolo numero di paesi ricchi.

Questo è un risultato interessante che getta una luce tanto necessaria nel mondo oscuro dello spaccio di droga nel darknet e dovrebbe aiutare le forze dell’ordine e i politici ad allocare le risorse di conseguenza.

Sarà necessario altro lavoro per tracciare l’evoluzione di questo nuovo mercato e non è difficile capire come questo tipo di attività possa minare gli approcci convenzionali di applicazione della legge, ma può d’altro canto anche aiutare a scoprire ulteriori informazioni sulla natura di questo tipo di utilizzo e il suo impatto più ampio sulla società.

Darknet : la nuova mappa del mercato dei traffici online ultima modifica: 2018-01-16T15:52:16+00:00 da Web Digitalic
Depositphoto Agosto 2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!