Visionary Days è un’idea che è diventata un evento, che è diventato una community. È un progetto creato dai giovani per i giovani che nasce l’anno scorso, quasi per gioco, al Politecnico di Torino.

Visionary Days, il format

Ha un format particolare perché ispirato alla fusione ideale tra un TED e un hackathon: i partecipanti – già 400 in una prima edizione di evidente successo – si dividono in diversi tavoli che circondano un palco centrale rotondo dal quale, nel corso della giornata, si susseguono gli speaker invitati che propongono una serie di riflessioni, domande e stimoli intorno a un argomento principale. Ma i talk sono la scintilla da cui parte il vero dibattito, quello tra i ragazzi divisi nei vari tavoli – nemmeno la loro disposizione è lasciata al caso perché i posti sono volutamente assegnati dagli organizzatori in modo da mettere insieme i profili più distanti tra loro – e l’esito del loro confronto, alla fine di ogni sessione, viene inviato alla redazione di Visionary che, tra mille peripezie, stampa in tempo reale un libricino – chiamato Manifesto dinamico – che si traduce nel simbolo fisico dell’arricchimento condiviso durante la giornata.

Visionary Days

Chi entra a far parte di Visionary Days sa di per certo che entrerà con la sua idea di Futuro – che è il tema cardine dell’iniziativa – e che uscirà con quella di tutte le altre 400 persone che erano lì.

Appuntamento l’1 dicembre a Torino

«L’anno scorso – ci racconta Carmelo Traina, fondatore di Visionary il primissimo Manifesto stampato me l’hanno nascosto dentro un cartone di pizza per farmi una sorpresa e, beh, mi sono commosso: sembrava impossibile e invece ce la stavamo facendo davvero.»
Proattività e contaminazione sono le parole chiave di questo evento innovativo che il giorno 1 dicembre vedrà la sua seconda edizione ottimizzata e aumentata alle OGR (Officine Grandi Riparazioni) di Torino.

Visionary Days

Le Officine Grandi Riparazioni di Torino

Il senso generale di questo e degli altri eventi a margine che il team di Visionary organizza è riflettere sul modo in cui la generazione dei nostri giovani pensa al Futuro. È l’opportunità di acquisire consapevolezza in modo efficace e attivo rispetto ai cambiamenti che le innovazioni hanno comportato nella comunicazione e nella nostra vita in generale. È avere la voglia e il coraggio di farsi delle domande – anche quelle che possono sembrare utopiche o impossibili come, ad esempio, su come dovrebbe essere secondo noi il mondo di domani – guardandosi negli occhi e intrecciando le idee: sui social, dove la community di Visionary non smette di aumentare e generare e ispirare altre realtà, ma soprattutto offline, di persona.
Perché per parlare del nostro futuro bisogna in primo luogo parlare.

Visionary Days 2018

Visionary Days, la realtà che aumenta ultima modifica: 2018-10-08T15:00:44+00:00 da Web Digitalic
HPE Nimble

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!