F-Secure, quando la sicurezza diventa libertà

F-Secure presenta in Italia Freedome, applicazione cloud-based che mantiene gli utenti anonimi. Basta premere un pulsante

L’azienda finlandese festeggia i 10 anni di attività in Italia presentando Freedome, applicazione leggera e cloud-based che mantiene gli utenti anonimi. Basta premere un pulsante per bloccare chi vuole spiare persone e aziende

di Cecilia Cantadore


In dieci anni in Italia – e in 25 anni di esperienza in sicurezza digitale – la mission di F-Secure è cambiata: dal proteggere i pc la multinazionale è passata a tutelare le persone e la loro privacy. Il prodotto arriva di conseguenza.
Sebbene l’Italia sia un mercato importante per la multinazionale finlandese (che annovera tra i suoi clienti anche grandi nomi come Telecom Italia), nel nostro paese la cultura sulla protezione dei dati personali non è ancora forte (come invece è in Finlandia). Mesi di rivelazioni di Snowden hanno chiarito che c’è ancora tanto da fare per la sicurezza online, non basta affidarsi a password forti. Governi a parte (che raccolgono indirizzi IP degli utenti, informazioni sulla localizzazione e cookies di tracciamento) c’è anche da considerare il tracciamento degli utenti da parte di chi fa pubblicità e dei profilatori di dati. “Su Google sono tutti sinceri. Google sa tutto, ci conosce meglio della nostra fidanzata” dice Christian Fredrikson, Ceo F-Secure. 
Da questi presupposti è nata Freedome, la soluzione che combina protezione della navigazione, difesa da malware, servizio anti-tracciamento e VPN per crittografare la connessione, tutto in un’unica applicazione cloud. Freedome non raccoglie dati personali né richiede registrazione, così gli utenti risultano anonimi anche per F-Secure. Basta schiacciare un bottone per attivare la protezione, su tutti i device.
F-Secure ha testato il suo prodotto in un modo tanto efficace quanto “folkloristico”, e cioè partecipando al raduno americano di hacker e geek chiamato Wall of Sheep: durante la manifestazione i partecipanti analizzano il traffico della rete WiFi alla ricerca di username e password da hackerare. Una volta recuperati, gli account utilizzati nei protocolli insicuri vengono pubblicati su un tabellone chiamato appunto “ll muro dei pecoroni”.

Mobile e multidevice
Un’indagine di F-Secure ha registrato come i consumatori siano più bravi nel proteggere i loro PC che non i dispositivi mobili. Mentre più di 6 su 10 possessori di PC hanno soluzioni di sicurezza installate sui loro computer o notebook, solo un quarto di chi possiede smartphone Android hanno soluzioni di sicurezza installate sui loro dispositivi. Questo numero scende al 16% per chi possiede tablet Android, al 6% per chi ha iPhone o IPad, e solo al 3% per computer basati su Windows Phone e Mac. Perciò nella lineup di prodotti consumer 2015 è incluso l’Internet Security multi-device. F-Secure SAFE offre in un’unica soluzione di sicurezza Internet basata su cloud la protezione per tutti i dispositivi dell’utente – sia per PC con sistema operativo Windows e Mac, che per smartphone e tablet con sistema operativo Android, iOS e Windows Phone 8. Per chi invece deve proteggere solo il PC di casa ci sono – tra le altre – Internet Security 2015 e F-Secure Anti-Virus.



F-Secure, quando la sicurezza diventa libertà - Ultima modifica: 2014-09-17T08:35:04+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!