L’Italia è la 4° nazione al mondo per lo spam, 7° per i ransomware

Lo scorso anno ha visto falle importanti, come Heartbleed e Shellshock e il moltiplicarsi delle violazioni di dati.

Questo è quello che emerge dal report sulle minacce informatiche dal titolo “2014, l’anno peggiore”. Lo scorso anno ha visto falle importanti, come Heartbleed e Shellshock e il moltiplicarsi delle violazioni di dati. L’attacco cyber criminale contro la Sony ha dato prova delle capacità e competenze dei cyber criminali.
Nel 2014 Trend Micro ha bloccato 10 miliardi di file maligni, il doppio rispetto al 2013; in totale sono state 65 miliardi le minacce neutralizzate.
I trend maggiori hanno riguardato i malware diretti ai sistemi PoS, le minacce dirette all’online banking nonostante i sistemi di autenticazione avanzati e i Ransomware, che hanno coinvolto direttamente l’Italia, con un significativo attacco da parte di Cryptolocker nell’ultima parte dell’anno.
Per quanto riguarda i malware che hanno colpito i sistemi PoS (in negozi, ristoranti e alberghi), permettendo ai cyber criminali di entrare in possesso di milioni di dati personali l’Italia è l’ottavo Paese più colpito. Ai primi tre posti si trovano Stati Uniti, Canada e UK.
Il 2014 ha visto crescere il numero di malware che criptano i dati contenuti nei PC e chiedono un riscatto in denaro in cambio della chiave di decriptazione. Nel 2013 erano circa 2.000, nel 2014 ne sono stati rilevati 15.000. In totale i malware della categoria ransomware hanno infettato 45.000 computer nel corso dell’anno. L’Italia è al settimo posto dei Paesi maggiormente colpiti. Nelle prime posizioni troviamo Stati Uniti, Giappone e Australia.
Il nostro Paese è quarto al mondo per spam inviato (ai primi tre posti Stati Uniti, Spagna e Argentina) e l’italiano è la decima lingua al mondo più utilizzata per i messaggi spam.
“Come sempre, è necessario utilizzare tecnologie affidabili e aggiornate per proteggersi, ma anche mantenere alta la guardia e pensare bene prima di aprire allegati di dubbia provenienza o cliccare su link sospetti” ha commentato Gastone Nencini, Country Manager Trend Micro Italia.
C.C.


L’Italia è la 4° nazione al mondo per lo spam, 7° per i ransomware - Ultima modifica: 2015-03-10T15:10:14+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!