Nel 2015 il 43% delle aziende trasferirà in cloud le applicazioni business

Nel 20015, il 43% delle grandi aziende trasferirà in cloud le applicazioni business. Il  2015 è l’anno del cloud: il 43% delle aziende è pronta a trasferire le sue applicazioni aziendali nella nuvola. Al momento siamo molto lontani da questa cifra, ma pare proprio che il 2015 sarà l’anno del grande cambiamenti. Chi ancora non […]

Nel 20015, il 43% delle grandi aziende trasferirà in cloud le applicazioni business.
Il  2015 è l’anno del cloud: il 43% delle aziende è pronta a trasferire le sue applicazioni aziendali nella nuvola. Al momento siamo molto lontani da questa cifra, ma pare proprio che il 2015 sarà l’anno del grande cambiamenti.
Chi ancora non è salito sulla nuvola è stato frenato sopratutto:
1) dalla sicurezza: 87%
2) ma anche dalla paura di basse prestazioni: 66% .

Sono questi i risultati di uno studio sui trend di adozione delle tecnologie cloud e BYOD realizzato da Akamai Technologies . L’indagine evidenzia come le grandi società siano sempre più orientate verso il trasferimento e la fruizione via Internet delle applicazioni business. 
L’indagine Akamai “Trends in Application Delivery Strategies”, commissionata a Gatepoint Research, ha interessato 350 decisori aziendali in ambito IT. La maggior parte degli intervistati (65%) ricopre posizioni di alto livello in aziende Fortune 1000 operanti in diversi settori, inclusi servizi finanziari e di consulenza, manufacturing, sanità, telco e trasporti. Quasi la metà del campione (46%) rappresenta aziende globali con presenza in più paesi. 
Sebbene il 50% del campione intervistato dichiari di avere oggi solo meno del 20% delle applicazioni business su Internet, il 43% prevede di spostarne la maggior parte su cloud entro il prossimo anno. Il sondaggio evidenzia anche le preoccupazioni connesse. Ad esempio, per l’87% degli intervistati la sicurezza rimane ancora la criticità principale. Le prestazioni sono invece la preoccupazione del 66% degli intervistati, mentre il 45% considera cruciale il tema dell’affidabilità.
 Le applicazioni che le aziende hanno già trasferito sul web sono, principalmente:
1) Siti aziendali (71%),
2) Email (57%),
3) Portali per la collaborazione (51%),
4) Applicazioni mobile o mobile web di back-end (46%)
5) Applicazioni di e-learning (47%)
In termini di pianificazione degli investimenti, i big data sono il focus primario, con il 55% degli intervistati che li indica come l’area top su cui sono stati fatti investimenti nel 2014.

Le altre aree sulle quali si sono concentrati gli investimenti nel 2014 sono: applicazioni mobile o mobile web back-end (39%), applicazioni web e siti web (34%), siti e portali per la collaborazione (34%), servizi di back-up e disaster recovery (26%) e CRM (28%).

Interessante notare che il 96% degli intervistati dichiara che in azienda vi sono dipendenti che accedono alle applicazioni da dispositivo mobile, con il 22% che afferma che a farlo è oltre la metà dei dipendenti.
“Tendenze quali la globalizzazione, il lavoro da remoto e il mobile continueranno a essere il motore dello spostamento delle applicazioni sul web”, afferma Mike Afergan, senior VP e GM Web Experience Business Unit di Akamai. “I risultati di questa ricerca confermano la necessità di tecnologie che forniscano maggiore sicurezza, affidabilità e velocità per le applicazioni business web più importanti delle aziende”.


Nel 2015 il 43% delle aziende trasferirà in cloud le applicazioni business - Ultima modifica: 2014-12-02T19:08:40+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!