3 regole per sviluppare nuovi prodotti con gli Open Data

Creare un nuovo prodotto è sempre difficile. Ma Gli Open Data possono essere di grade aiuto: ecco 3 regole su come utilizzare al meglio i dati open source.

Open Data, come usarli.Spesso crediamo di aver bisogno di qualcosa, ma non sempre le convinzioni corrispondono a delle reali necessità. Questo è particolarmente evidente per chi si occupa di sviluppare nuovi prodotti, per ricercatori e decision maker che oggi possono contare sulla tecnologia

di Cecilia Cantadore

Come nasce il processo di creazione di un nuovo prodotto da lanciare? Gli sviluppatori spesso si trovano davanti a un materiale, domandandosi: “Come possiamo usarlo?”. Aziende, ricercatori e decision maker lavorano spesso sulla base dei feedback dei consumatori, ricevuti tramite sondaggi o indagini di mercato, che possono però riportare punti di vista parziali. Le nuove tecnologie, dalla robotica al riconoscimento vocale, stanno entrando anche in questo campo. 
Dare vita a un oggetto non ancora disponibile, di cui le persone sentono il bisogno, è possibile grazie alle nuove tecnologie possono. Alcune aziende di successo hanno già iniziato a utilizzare i dati open source per sviluppare i prodotti del “futuro”. Ecco tre consigli da seguire, applicati al settore sanitario:

1. Scoprire ciò che manca davvero

Di solito quando si parla di big data e sviluppo di prodotto la discussione verte sui dati “interni”: feedback dei clienti già esistenti, dati delle vendite passate. Ma se le aziende facessero attenzione alla massa di dati non strutturati e guardassero oltre il loro database, potrebbero vedere anche quello che ancora non esiste. Ad esempio, chiunque utilizza Facebook o Twitter sa che i social media sono i posti in cui la gente ama lamentasi. Questi “reclami” possono trasformarsi in dati preziosi, soprattutto nel settore healthcare in cui le persone pongono domande esplicitando i loro bisogni. Basta guardare su blog e forum, dove gli utenti parlano liberamente dei loro problemi.

2. Essere sicuri di arrivare primi

La social intelligence aiuta ad ascoltare le opinioni e i bisogni dei consumatori. Ma sviluppare nuovi prodotti – soprattutto nel settore medicale – significa andare incontro a costi e rischi d’impresa e non si può azzardare e investire in qualcosa di già esistente. Comparare più fonti di dati open source permette di sapere se il prodotto esiste già e a cosa stanno lavorando i competitor. Si può ottenere una visione chiara e completa dei trend di mercato, delle strategie della concorrenza, dei prodotti attesi o in prossima uscita.

3. Trova il partner perfetto

I dati open source possono rispondere alle domande “cosa” e “perché” ma anche al “come”. Collezionando e comprando i dati provenienti da più fonti come database, ricerche accademiche e forum di tecnologia, gli analisti possono aiutare i decision maker nel decidere cosa sviluppare e come incontrare le richieste dei consumatori. Non solo, da questi dati si può estrapolare anche una lista dei principali esperti e delle stratup più innovative del settore a cui si sta guardando. È possibile selezionare i dati interessanti all’interno del travolgente flusso di informazioni disponibili.

Open Data


3 regole per sviluppare nuovi prodotti con gli Open Data - Ultima modifica: 2015-02-25T08:45:55+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!