Un’eccezione positiva chiamata Pixartprinting

Un simbolico passaggio del testimone in Pixartprinting tra Alessandro Tenderini, Paolo Roatta, manager director e Alessandro Piazzetta, plant manager

A poche settimane dall’ufficializzazione del nuovo board aziendale Pixartprinting, lo staff si presenta in un simbolico passaggio del testimone tra Alessandro Tenderini, per diciotto anni in azienda, Paolo Roatta, nuovo manager director e Alessandro Piazzetta, nominato plant manager.

di Sarah Valtolina

Un’eccezione, si diceva, che continua a crescere nel panorama internazionale, in un momento nel quale molte aziende ancora faticano a ritrovare la strada. Qualche numero per raccontare la storia di un successo tutto italiano partito alla conquista del mondo della stampa. Nata nel 1998 da un’intuizione del fondatore Matteo Rigamonti, da subito affiancato da Tenderini, nel 2000 la società ha virato verso il web. Fu la prima tra le aziende italiane ad addentrarsi nella rete allora ancora semisconosciuta. Tre anni più tardi il giro d’affari era già solo online. Oggi la sede italiana di Quarto d’Altino, in provincia di Venezia, è un piccolo villaggio di 27.000 metri quadrati di puro design, dove ogni giorno arrivano oltre 1.800 telefonate da tutto il mondo. Nel 2016 sono state assunte cento nuove figure professionali e altrettante verranno inserite il prossimo anno. Un’eccezione, appunto. Attualmente la maggioranza delle azioni societarie appartiene al gruppo Cimpress, leader mondiale nel settore della masscustomization, a breve però l’intero pacchetto azionario passerà al network olandese. Il nuovo consiglio di amministrazione ha già previsto un piano di investimenti quinquennale. Impossibile estorcere dettagli ulteriori. «La società è quotata in Borsa – spiega Roatta – quindi queste sono informazioni riservate. Possiamo però dire che l’investimento in tecnologia sarà a doppia cifra anche per i prossimi anni». Una scelta che è la vocazione dell’azienda, che ha fatto dell’innovazione costante il proprio biglietto da visita.
«La nostra forza sta nel rendere accessibile a tutti ciò che prima era di pochi soltanto – continua Piazzetta -. Questa è una formula vincente che consente di realizzare qualunque desiderio dei nostri clienti e di standardizzare prodotti che ora sono borderline».
Usa l’immagine del cuore, Paolo Roatta, per spiegare l’anima di Pixartprinting. «Una metà del cuore è rappresentata dal marketing and sales, con la ricerca continua del prodotto adatto alle specifiche esigenze di ogni singolo cliente, l’altra metà è la tecnologia, che si fonda in maniera virtuosa con la parte creativa, dando vita a prodotti prima impensabili e ai prezzi migliori per il cliente. Ogni giorno aggiungiamo nuove linee e questo ci ha permesso di crescere da una parte all’altra dell’Oceano».


Un’eccezione positiva chiamata Pixartprinting - Ultima modifica: 2016-12-05T17:56:15+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

Arduino

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione.
Qui trovi la nostra Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!