Come proteggere i bambini su YouTube

Dopo lo scandalo a sfondo pedopornografico, YouTube correrà ai ripari per migliorare le sue regole. I consigli per difendere i bambini su YouTube.

È arrivato il momento di proteggerei bambini su Youtube, YouTube, infatti, è nel centro della bufera dopo che un utente ha rivelato la presenza di migliaia di video a sfondo pedopornografico sulla piattaforma online: la scoperta dello youtuber MattsWhatItIs ha sconvolto l’opinione pubblica americana e non solo. Per questo è doveroso analizzare alcuni accorgimenti e regole per permettere ai bambini su YouTube di non essere a rischio e vivere l’esperienza online senza drammi.

Come proteggere i bambini su YouTube

Come proteggere i bambini su YouTube, l’inchiesta

Tutto nasce quando l’utente Matt Watson, conosciuto sul web come MattsWhatItIs, ha pubblicato un video nel quale mostra la moltitudine di filmati quasi pedopornografici su YouTube: in pratica il sito americano permette non solo il caricamento di immagini con minorenni in posizione poco adeguate o in abiti discinti, ma ne suggerisce la visione fra i video consigliati quando si clicca su filmati con protagonisti dei bambini.

“L’algoritmo di Youtube sta facilitando la possibilità dei pedofili di connettersi l’uno con l’altro, di scambiare informazioni di contatto e di collegarsi alla reale pornografia infantile nei commenti – ha detto Watson- io ho potuto accedervi partendo da video innocui in meno di dieci minuti, a volte con meno di cinque click”.

Regole per difendere i bambini su Youtube

L’inchiesta dello youtuber ha fatto sì che il sito americano cancellasse migliaia di video e almeno 400 account sospetti in poche ore. “I commenti di questo tipo sono aberranti e lavoriamo per segnalare comportamenti illegali alle forze dell’ordine” hanno detto i portavoce di YouTube dopo lo scandalo. Il primo consiglio è quindi per chi si imbatte in questo tipo di filmati sulla piattaforma online: segnalare subito un video o un commento equivoco con l’apposito tasto Report che appare quando si clicca sull’icona con tre puntini sotto i filmati. Una volta selezionato si può far sapere ai moderatori anche che tipo di regole infrange il materiale: “child abuse”, ovvero abuso di minori, è una delle opzioni selezionabili.

Consigli per i genitori su Youtube

Chi invece ha figli minorenni o ha a che fare con bambini che si connettono su YouTube, può scegliere la modalità Restricted Mode per impedire ai minori di andare su canali con materiale inappropriato o per adulti. Nella pagina del proprio account sul sito (visionabile dopo aver cliccato sull’icona personale in alto a destra), si troverà in fondo il tasto Restricted Mode: di base è su Off, ma basterà spostarlo su On per avere un controllo automatico maggiore. Anche se non sempre sicuro al cento per cento, questa funzione è un inizio per proteggere i bambini su YouTube.

Regole di YouTube sui minorenni

In ogni caso, le regole del sito americano impediscono a chi ha meno di tredici anni di iscriversi al sito. Purtroppo la restrizione può essere facilmente superata, per questo il consiglio è sempre di navigare su internet con la presenza di un adulto quando si ha meno di quattordici anni. Un’altra opzione è quella di far usare ai bambini su YouTube solo l’applicazione YouTube Kids che ospita esclusivamente filmati pensati per i più piccoli. È gratis e propone materiale creato per i più piccoli: a seconda dell’età indicata, l’homepage cambia per mostrare contenuti adatti all’età dell’utente.

Filtro famiglia su pc e smartphone per Youtube

Oltre agli accorgimenti dovuti al buon senso, i dispositivi elettronici permettono spesso di installare un filtro famiglia per evitare che i minori vadano su contenuti vietati. Sia iPhone sia telefoni Android permettono, passando da Settings/Impostazioni, di scegliere il filtro famiglia, ovvero un controllo automatico che impedisce di fare acquisti, usare certe app o visitare determinati siti. Un ottimo metodo per proteggere i bambini su YouTube e internet ed evitare che incappino in contenuti malsani come quelli scovati dal videomaker americano che ha dato il via allo scandalo.

di Andrea Indiano


Come proteggere i bambini su YouTube - Ultima modifica: 2019-02-28T18:17:38+00:00 da Francesco Marino

Giornalista esperto di tecnologia, da oltre 20 anni si occupa di innovazione, mondo digitale, hardware, software e social. È stato direttore editoriale della rivista scientifica Newton e ha lavorato per 11 anni al Gruppo Sole 24 Ore. È il fondatore e direttore responsabile di Digitalic

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!