Secondo l’ultimo rapporto sulla trasparenza, Facebook continua a vedere aumentare le richieste di dati degli utenti da parte dei governi di tutto il mondo.

I governi chiedono sempre più dati degli utenti a Facebook

Il social network ha introdotto per la prima volta le relazioni, che forniscono dati grezzi su richieste di dati e dati concessi, nel 2013 per contribuire ad aumentare la visibilità sul comportamento del governo. Facebook ha dei limiti in merito quali informazioni può condividere, ma i numeri mostrano che le richieste hanno raggiunto il numero di 78.890 nella prima metà del 2017, con un aumento del 33% rispetto all’anno precedente e del 23% rispetto al precedente semestre.

Gli Stati che richiedono più dati a Facebook sugli utenti

Gli Stati Uniti, l’India, il Regno Unito, la Germania e la Francia sono stati i più attivi nel presentare richieste di dati, rappresentando rispettivamente il 41%, il 12%, il 9%, il 7% e il 6% dell’ammontare totale di richieste. Ciascuno di questi governi ha ottenuto in più del 50% dei casi la concessione delle informazioni richieste, con gli Stati Uniti nell’85% dei casi, il Regno Unito nel 90% e la Francia nel 74%, caratterizzandosi quindi come gli stati con il numero più elevato di informazioni personali ottenute sugli utenti di Facebook. Ci sono anche i dati dell’Italia.

Quanti dati degli utenti l’Italia ha chiesto a Facebook

Facebook trasparenza dati degli utenti

Aumentano i dati degli utenti non concessi da Facebook ai Governi

Anche la quantità di dati non concessi da Facebook ai governi è aumentata nella prima metà del 2017, fino a raggiungere le 28.036 richieste non accordate, rispetto alle 6.944 del trimestre precedente e le 9.666 di un anno prima. Tuttavia, gran parte di questo ammontare può essere ricondotto a una tragica sparatoria in una scuola in Messico, che ha portato Facebook a limitare l’accesso a 20.506 contenuti.

Richieste segrete per dati segreti degli utenti Facebook

Nonostante le rivelazioni, ci sono molte cose di cui Facebook non può riferire apertamente, in particolare sulla natura e la ragione delle richieste di dati da parte dei governi e questo è particolarmente vero per gli Stati Uniti.

“Il 57% delle richieste di dati che abbiamo ricevuto dalle forze dell’ordine negli Stati Uniti contenevano un ordine di non divulgazione che ci proibiva di notificare all’utente alcunché in merito, in salita rispetto al 50% del nostro ultimo rapporto”, ha scritto il consigliere delegato generale di Facebook Chris Sonderby in un post sul blog.

Oltre alle comunicazioni relative agli stati, Facebook ha anche introdotto per la prima volta più dettagli in merito alle richieste relative a contenuti.

Molti casi su Facebook per la violazione del diritto d’autore

Sono state inoltrate oltre 200.000 richieste relative al diritto d’autore su contenuti di Facebook. Circa 70.000 richieste di copyright sono state inviate per Instagram e 685.000 contenuti sono stati rimossi.

Oltre 110.000 contenuti di Facebook sono stati rimossi per violazione attinenti al marchio e oltre 37.000 sono stati i contenuti rimossi da Instagram.

 I dati Facebook sulla contraffazione

I numeri sono piuttosto rivelatori quando si tratta di rivendicazioni per contraffazione. Facebook ha dichiarato che sono stati rimossi 217.265 contenuti dal proprio social network, agendo in risposta all’81% delle 14.279 richieste nella prima metà dell’anno. Su Instagram è, inoltre, intervenuta contro 108.094 post, per via di 10.231 richieste di contraffazione.

Le denunce di contraffazione contro contenuti di Instagram sono aumentati costantemente nella prima metà del 2017, con il numero di reclami di giugno, 2.191 segnalazioni, superiore al numero di reclami presentati per Facebook in aprile. Tuttavia, il numero effettivo di contenuti che sono stati presi in considerazione è stato inferiore su Instagram rispetto a Facebook, ma si tratta di un assaggio della crescita di Instagram come mezzo di influenza e importanza, anche se Facebook rimane ancora il più grande social network in termini di contenuti.

Facebook trasparenza dati degli utenti

I governi chiedono sempre più a Facebook i dati degli utenti ultima modifica: 2017-12-20T07:26:02+00:00 da Web Digitalic
MailUp 7-giu-2018

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!

Entra nella commmunity di Digitalic, seguici!