Instagram dichiara guerra ai falsi follower e alle app che le persone usano per lasciare commenti di spam in automatico, oppure a coloro che seguono e smettono di seguire altri utenti nella speranza di far crescere il proprio pubblico. Si tratta di un fenomeno piuttosto diffuso, soprattutto in alcuni settori, come avevamo già detto in questo articolo.

Instagram elimina gli account dei falsi follower

Adesso Instagram sta procedendo con l’eliminare gli account delle persone che utilizzano queste app per generare traffico inautentico e i like e commenti che violano le policy della piattaforma. Instagram sta, inoltre, inviando ad alcuni utenti avvertimenti rivolti a far cambiare la password e tagliare i legami con queste app e comunicare loro che se intendono continuare a utilizzare queste app “potrebbero subire un impatto alla loro esperienza d’uso di Instagram”. Instagram afferma che “potrebbe limitare l’accesso a certe funzionalità”, fra i vari provvedimenti eventuali, a quegli utenti che intendano continuare a utilizzare mezzi vietati dalle policy.

Instagram contro i Fake

Instagram spera di scoraggiare gli utenti dal dare a un’altra azienda, non necessariamente affidabile, i dati di accesso ai loro account, poiché questo potrebbe anche portare alla violazione dell’account e della privacy, incluso inviare spam. Quindi, se vedi i follower di Instagram diminuire, potrebbe essere che in gran erano parte finti. Il rinnovato vigore che Instagram ha deciso di dimostrare arriva in concomitanza con la rinnovata e continua minaccia di campagne di disinformazione straniere su Facebook e Instagram progettate per polarizzare le comunità e influenzare le elezioni negli Stati Uniti e all’estero.

Anche Facebook elimina gli account fasulli

Anche Facebook sta dando la caccia ai falsi follower e ha rimosso 754 milioni di account fasulli solo nel quarto trimestre passato e l’interruzione dell’uso di queste app orientate allo spam potrebbe impedire un utilizzo malevolo di account di utenti. Instagram ha preso di mira gli account falsi almeno dal 2014, ma questa è la prima volta che viene discussa pubblicamente la questione del rimuovere i “mi piace” dai post. Adesso l’azienda afferma: “abbiamo sviluppato strumenti di machine learning per identificare gli account che utilizzano [app di terze parti per aumentare i follower] al fine di rimuovere le attività non autentiche”.

Le applicazioni che sono già state chiuse

Alcune delle applicazioni di bot più popolari per l’aumento di follower, come Instagress e Social Growth, sono state chiuse, ma altre come Archie, InstarocketProX e Boostio fanno pagare fra $10 e i $45 al mese; spesso affermano di non violare le policy di Instagram, sebbene, di fatto, lo facciano costantemente. Il New York Times quest’anno ha scoperto che molte celebrità famose si erano dilettate nel comprare falsi follower su Twitter tramite un’azienda chiamata Devumi.

Gli utenti devono tipicamente fornire il loro nome utente e password a questi servizi, che quindi prendono il controllo dei loro account e automaticamente fanno Mi Piace, commentano e seguono gli account associati agli hashtag desiderati per ingannarli. Gli utenti di app spam verranno ora “rimproverati” da Instagram, che invierà un messaggio in-app che avviserà della rimozione di Mi Piace inautentici, follower e commenti dati dal loro account ad altri in maniera automatica e avviserà di cambiare la password.

Una grande domanda, tuttavia, è se Instagram si impegnerà di più nel vietare gli annunci per servizi che vendono follower falsi che appaiono costantemente sulla sua app. Talvolta tali servizi si mascherano come app di analisi per aiutare gli influencer a tracciare le dimensioni del loro pubblico.

Perché conta il numero di follower su Instagram

I follower su Instagram sono diventati misure di influenza, credibilità e potenziale guadagno degli utenti e questo è diventato particolarmente vero per le star dei social media che sono pagate per sponsorizzazioni di marchi in parte in base alle dimensioni del loro pubblico. Ora che i marchi stanno addirittura pagando i “nanoinfluencer” con solo un migliaio di follower per pubblicare contenuti sponsorizzati, il fascino di utilizzare questi servizi può essere elevato e può, quindi, più facilmente portare a un ritorno immediato sugli investimenti illeciti.

L’inaccuratezza dei conteggi reali sui follower e like mette in discussione la legittimità di Instagram come strumento di promozione e anche di intrattenimento genuino per gli utenti.

bot follower fasulli

IQ Test reti aziendali

Non rimanere indietro, iscriviti ora

Ricevi in tempo reale le notizie del digitale

Iscrizione alla Newsletter

controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy

Grazie! Ora fai parte di Digitalic!